fermenti lattici Archivi | Erboristeria Online | Officinalis Modena
Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

GONFIA COME UN PALLONE

Ti senti  la pancia gonfia come un pallone anche se hai mangiato un’insalatina? Hai pesantezza e dolori addominali? Per fortuna non è niente di grave ma questi fastidi possono compromettere la normale attività quotidiana e la fitoterapia ti aiuterà a stare meglio.

Se capita occasionalmente puoi ricorrere ad un integratore d’emergenza come EnziTime, compresse masticabili le cui maltodestrine fermentate forniscono naturalmente enzimi utili per la digestione.

Le Tisane sgonfianti dopo pasto sono sempre molto apprezzate e con questo caldo le puoi bere anche fredde.
Tra le mie preferite ad esempio c’è questa:

Un bravo erborista però deve risalire alla causa di tale disagio e trovare la soluzione.
La consulenza personalizzata che propongo prevede queste domande: da quanto tempo noti il gonfiore? Cosa mangi? Lo noti anche a stomaco vuoto? Come va l’intestino? Come riposi?
In base alle risposte, ci saranno soluzioni mirate.

Soffri di pancia gonfia da tanto tempo? Può essere causato da uno stress, un problema psico-emotivo, un cambiamento dello stile di vita a cui ancora non ti sei adattata.
Florase Ansia contiene fermenti lattici che migliorano la digestione abbinati all’estratto secco di griffonia dall’effetto adattogeno in quanto agisce positivamente sulla mente e solleva dai pensieri ricorrenti.
Assunto prima di coricarti migliora decisamente la qualità del sonno.
Per rallentare i ritmi e rilassare la muscolatura addominale sono importanti le TM Lavanda e Melissa, gocce da versare in acqua e bere durante la giornata.

Il gonfiore molte volte è causato da una disbiosi intestinale con forte produzione di gas, infiammazione dei tessuti, malassorbimento dovuto ad intolleranze e scorretta dieta alimentare, ed infine dalla modificazione del transito.

L’alterazione del microbiota fa sì che ci sia una proliferazione di patogeni e di conseguenza si manifesta la disbiosi intestinale.
Anzitutto occorre ridurre i FODMAP cioè gli alimenti contenenti zuccheri, lattosio e glutine. Rivolgiti quindi ad un nutrizionista per avere un parere più specifico.

Il protocollo prevede prima la pulizia dell’intestino con Enterelle Plus i cui ceppi di probiotici svolgono attività antibatterica, antifungina ed antiparassitaria; il trattamento andrebbe fatto per circa 1 mese.
In seguito, occorre ricolonizzare tale organo con Adomelle in quanto i lattobacilli ed i bifidobatteri hanno azione purificante, antinfiammatoria ed immunomodulante.

 

 

 

 

 

MANTIENITI IN SALUTE

Hai già fatto il vaccino? Sei in attesa del tuo turno? Pensi di non farlo? Qualsiasi sia la tua posizione, non trascurare le difese organiche e ti manterrai di più in salute.

Coloro che si sono vaccinati devono prendersi cura dell’intestino perchè è da qui che partono tutte le informazioni: Citogenex è un integratore a base di lattobacilli, bifidobatteri e betaglucani che rinforzano la microflora, mentre la vitamina C è protettiva e stimolante del sistema immunitario.

I fermenti devono essere utilizzati anche da chi è in attesa di sottoporsi alla vaccinazione in associazione allo Zinco Colloidale che garantisce un ulteriore rinforzo all’apparato respiratorio, ed alla Quercetina dall’effetto antiossidante.

Gli indecisi o i riottosi al vaccino invece devono assolutamente mantenere alta la guardia. La vitamina D sappiamo che è un forte alleato della nostra salute e che in estate viene attivata naturalmente con l’esposizione solare; ma ne accumuliamo a sufficienza?
Fai un test medico per conoscere le tue scorte ed in caso siano basse è utile l’integratore KD Genom in cui la D è in sinergia con la vitamina K per favorirne l’assorbimento.

I fermenti lattici non devono mai mancare ed altri principi attivi utili possono essere la Lattoferrina e gli oli essenziali di eucalipto radiata, chiodi di garofano e limone contenuti nelle Oleocaps 4 Sistema Immunitario da utilizzare a cicli.

La salute non va nemmeno trascurata nei bambini. Nutriregular DK è uno spray sublinguale dal gusto gradevole contenente le due vitamine indispensabili per le difese organiche.
In Sanogem invece sono presenti le gemme del pioppo e dell’ontano nero che fanno da scudo contro i patogeni. E’ un integratore in gocce senz’alcol ed il dosaggio varia a seconda del peso corporeo del bimbo.

AIUTIAMO I DIVERTICOLI

L’intestino è il nostro secondo cervello e quando sta bene, ne giova tutto l’organismo.
Disordini alimentari e disbiosi sono le cause principali di infiammazione e mal funzionamento ed è così che i diverticoli si “arrabbiano”.

Ma cosa sono i diverticoli? Si tratta di sacche che si formano lungo le pareti intestinali e quando si riempiono di residui di cibo, scatenano doloretti ed irregolarità.

Per prima cosa bisogna correggere la dieta alimentare: attenzione a non eccedere con le fibre, i farinacei ed i latticini. Un bravo nutrizionista saprà consigliarti più nello specifico.

La fitoterapia prevede una profonda pulizia intestinale che vada ad eliminare ciò che non serve, piante antinfiammatorie che tolgono i fastidi ed un’efficace reimpiantologia del microbioma per favorire la ripresa.

Unico Intestino è una bevanda mirata a base di gel di aloe, inulina e glutammina da assumere a stomaco vuoto prima di un pasto per promuovere la depurazione e migliorare l’equilibrio della microflora.

Chi soffre di stitichezza non può ingerire sostanze irritanti perchè peggiorerebbe la situazione.
Meglio una Tisana blandamente lassativa a base di piante ricche di mucillagini come i fiori di Malva, le foglie di Piantaggine e le radici di Altea.

Gli anziani che per anni hanno abusato di purganti manifestano spesso infiammazioni intestinali e tanti farmaci purtroppo non aiutano!
La gemmoterapia è efficace e priva di effetti secondari, per cui può essere consigliata a tutte le età.
In questo caso il Noce MG è ideale come purificante, mentre la Magnolia MG viene associata come antinfiammatorio.

Importantissima è la ricolonizzazione dell’intestino coi batteri buoni. Il microbiota infatti svolge funzioni basilari per la salute dell’uomo e quando ne viene compromessa l’attività (disbiosi), tutto l’organismo ne risente.
Si comincia il percorso con Enterelle Plus, integratore a base di fermenti lattici capaci di selezionare i batteri buoni a scapito dei patogeni: va assunto al mattino dopo colazione.
Dopo cena invece è la volta di Ramnoselle i cui lattobacilli ripristinano il giusto equilibrio intestinale e promuovono la naturale vitalità.

 

 

RISOLVI LA CISTITE NATURALMENTE

La cistite è un’infiammazione delle vie urinarie causata da batteri che proliferano nella vescica.
Si manifesta con bruciore quando si fa la pipì, aumento della frequenza della minzione e dolori localizzati.
Non ti devi vergognare se ne soffri perchè in questo periodo sei in buona compagnia!

Il cambio di stagione, lo stress, un’alimentazione scorretta e l’uso di certi farmaci può provocare un aumento dei germi patogeni, ma se agisci tempestivamente puoi risolvere i disagi con la fitoterapia.

La prima cosa da fare è variare la dieta: presta molta attenzione a ciò che metti in tavola.
Elimina il più possibile gli zuccheri da cibi e bevande, riduci il consumo di frutta ed aumenta invece quello della verdura.

Prima di colazione e prima di cena, assumi 2 capsule di Florase Urol in cui è presente il D-Mannosio che va ad eradicare meglio gli ospiti indesiderati, l’uva ursina che disinfetta le vie urinarie, l’echinacea stimola le naturali difese ed i fermenti lattici favoriscono la ripopolazione della microflora.

L’Estratto di Semi di Pompelmo è un potente disinfettante; è in grado infatti di azzerare la carica microbica selezionando quella dannosa e rispettando quella utile.
Ne bastano 15-20 gocce due o tre volte al giorno e calando progressivamente il dosaggio man mano che si avverte il miglioramento.

Molto utili sono le tisane. L’acqua arricchita con i principi attivi delle erbe aiuta maggiormente ad allontanare i patogeni, favorendo il benessere urogenitale.
Una miscela ad hoc è questa:

Si prepara con una decozione cioè occorre far bollire le piante per qualche minuto e poi lasciarle a riposo per una decina di minuti ancora.
Ovviamente non va zuccherata e nemmeno dolcificata perchè verrebbero annullate le proprietà benefiche delle erbe.
Con più ne bevi, meglio è! Mettila allora in una pratica travel Mug Thermos per poterla gustare calda al lavoro o dove vuoi.

COS’HO MANGIATO CHE MI BRUCIA LO STOMACO?

Le grigliate estive, le insalatone con cipolle e pomodori crudi, le bevande alcoliche e quelle contenenti caffeina sono tutti alimenti dannosi per lo stomaco in quanto stimolano una iperproduzione di succhi gastrici e causano una sensazione di bruciore.

Nelle “pance” più delicate inoltre, si assiste ad una risalita di sostanze acide verso l’esofago che provocano il reflusso. Oltre a gonfiore e pesantezza, i sintomi possono essere anche difficoltà respiratoria, asma, raucedine, mal di gola e catarro.

Cambia le abitudini a tavola: prediligi la carne magra, il pesce, i cereali integrali, la frutta e la verdura dal pH non troppo acido. Limita gli zuccheri e bevi tanta acqua.

Se si è trattato di un singolo episodio, non dovrebbe essere una cosa preoccupante; se invece i fastidi si fanno più frequenti, affronta il problema con la fitoterapia.

Prepara Tisane da bere anche fresche con i fiori di Altea, Calendula, Malva e Camomilla romana, oppure metti in acqua le gocce di EIS Stomaco in quanto Achillea, Zenzero e Trifoglio fibrino migliorano lo svuotamento gastrico ed attenuano il dolore.

Se soffri di intolleranze, assumi i fermenti lattici Axidophilus prima di colazione che ripopolano la microflora ed aumentano le difese, mentre Colo Plant Stagioni Calde contiene una miscela di erbe (Piantaggine, Rosolaccio e Lavanda) che sfiammano l’intestino e addolciscono le mucose.

PELLE RIBELLE

L’arrivo della primavera si manifesta nei soggetti più sensibili anche con l’acutizzarsi di problemi cutanei come la psoriasi.

Chiazze rossastre e rotonde, delimitate da bordi netti e pruriginosi si fanno più evidenti, soprattutto su gomiti, ginocchia e cuoio capelluto, ma in alcuni casi, possono interessare tutto il corpo.
Con il tempo, le placche tendono ad unirsi e ricoprirsi di squame bianche; la causa è dovuta ad uno stress che genera infiammazione che a sua volta determina una proliferazione delle cellule dell’epidermide.

Cosa fare? Sicuramente c’è una predisposizione genetica sulla quale non si può fare molto! Possiamo invece intervenire direttamente sulla pelle quando fa prurito e contrastare lo stress.

La detersione deve essere effettuata con il Sapone di Aleppo in cui olio d’oliva e olio d’alloro mescolati insieme secondo un’antica ricetta, puliscono la pelle in maniera delicata.

PS19 Pomata, grazie agli oli di enotera e rosa mosqueta ed agli oli essenziali di incenso e tea tree, svolge un effetto protettivo di barriera che limita la disidratazione cutanea e il contatto con agenti esterni irritanti; gli estratti di aloe e calendula inoltre stimolano la rigenerazione cellulare e la ricostituzione epiteliale.

La PS19 Lozione è indispensabile quando la desquamazione ed il prurito interessano il cuoio capelluto. La sua composizione fluida ricca di emollienti penetra facilmente tra i capelli arrivando fino alla cute infiammata, determinando quindi un immediato sollievo.
Non unge, non puzza e viene assorbita velocemente.

Come integratore è consigliatissimo Florase Derma in quanto la passiflora ha azione adattogena, la bardana stimola il drenaggio cutaneo, l’oenotera promuove la rigenerazione cellulare, zinco e betacarotene sono antiossidanti ed infine i fermenti lattici mantengono alte le difese.

 

RIMETTI IN SESTO L’INTESTINO

Al rientro dalle ferie, se hai notato una certa irregolarità intestinale non ti devi spaventare. Il cambio di clima, i ritmi lavorativi, la mancanza di attività fisica e l’alimentazione scorretta comportano squilibri che, se occasionali, non devono allarmare.

L’intestino infatti, che è il nostro secondo cervello, risente dei cambiamenti e reagisce rallentando la sua funzionalità, oppure aumentando la frequenza delle scariche e la consistenza delle feci.

Nel primo caso, non arrangiarti subito con dei lassativi che irriterebbero troppo l’intestino, ma inizia con cure dolci ed efficaci.
Al mattino, a stomaco vuoto, deglutisci 1-2 capsule di Axidophilus, fermenti lattici vivi e vitali che risvegliano la flora batterica e permettono una maggior funzionalità dell’apparato gastro-intestinale.
A metà mattina e metà pomeriggio invece utilizza un regolatore intestinale come Erbaregola Delicato i cui estratti di Polygonum, Tarassaco e Cinomorium favoriscono in modo fisiologico l’evacuazione.
Dopo i pasti o nelle pause al lavoro, bevi una tazza di tisana Sgonfialis che, essendo in filtri, è pratica da portare in ufficio. Essa è composta da una miscela di piante che contrastano il meteorismo ed eliminano i gas intestinali.

Consigli utili:

  • Bevi tanta acqua durante la giornata per ammorbidire le feci e rendere più dolce l’evacuazione.
  • Introduci più fibre nell’alimentazione ma nel modo giusto. Mangia la frutta lontano dai pasti (meglio metà mattina e metà pomeriggio) ed abbonda con verdura e cereali integrali.
  • Mastica adagio per favorire la digestione e facilitare l’intestino.
  • A colazione, aggiungi allo yogurt i semi di Psillio e Lino ricchi di mucillagini che lubrificano e non irritano.
  • Per una maggiore regolarità, abituati a fare più movimento.

Succede più raramente, ma può capitare di ritrovarsi un intestino iperattivo al rientro dalle ferie. Che fare? Per bloccare la diarrea, assumi prima di colazione Enterodophilus, i cui bifidobatteri in associazione con i Lactobacillus rhamnosus e casei rinforzano la flora intestinale.
La TM di Potentilla invece ha la proprietà di solidificare le feci senza ostacolare la regolare funzionalità.

Consigli utili:

  • Contrasta la disidratazione bevendo acqua a piccole sorsate.
  • Limita l’apporto di fibre, preferendo mele, banane e patate.
  • A colazione, consuma alimenti secchi quali fette biscottate, crackers, ecc…

DIVERTICOLI BIRICHINI

I diverticoli sono delle specie di sacche che si formano lungo le pareti dell’intestino a causa di un’alimentazione eccessivamente raffinata e scarsa di fibre, tanto che si dice che questa sia la “malattia del benessere”. Tali estroflessioni possono dare origine a meteorismo, flatulenza, irregolarità intestinale e dolori per cui non è così semplice riconoscere la loro presenza.

E’ necessario diagnosticare per tempo la diverticolosi con la colonscopia per evitare che i diverticoli s’infiammino ed evolva in diverticolite, con ulteriori rischi per la salute dell’intestino.

Per combattere la divertiolosi è importantissima l’alimentazione: occorre dare ampio spazio a frutta e verdura in quanto le fibre in esse contenute favoriscono la motilità intestinale e rendono più morbide e consistenti le feci. I cereali integrali vanno accompagnati da acqua perchè le fibre reidratate accelerano lo svuotamento: il loro accumulo infatti, premendo sulle pareti dell’intestino, provoca la sua infiammazione e quindi la formazione dei diverticoli.

Accanto alle fibre è inoltre indispensabile associare i probiotici Axidophilus, fermenti lattici vivi e vitali che equilibrano la flora batterica e preservano l’intestino da infiammazioni e dolori.
In caso di transito rallentato, un cucchiaio di semi oleosi di Lino e Psillio lasciati a macerare in un bicchiere d’acqua per 6-8 ore, rilasceranno una mucillagine che svolge una delicata azione lubrificante e volumizzante.

In presenza di diverticolite occorre prestare particolare attenzione alle fibre ingerite: peperoni, funghi e verdure con filamenti sono irritanti, i legumi tendono a gonfiare ed accentuano gli spasmi, mentre fragole, pomodori e kiwi contengono semini che infiammano ulteriormente i diverticoli.
Per lo stesso motivo è meglio evitare anche i semi di lino e psillio perchè hanno delle estremità appuntite che, pizzicando tali estroflessioni, darebbero dolore.
A questo punto, è meglio ricorrere alla Cuticola dello Psillio, che è il tegumento esterno, con lo stesso procedimanto dei semi.

Alimenti consigliati sono le carni magre, il pesce, i formaggi freschi, i farinacei, olio e aceto, mentre occorre rinuciare al brodo ed alla carne grassa (insaccati, trippa, selvaggina, rognoni), crostacei e frutti di mare, formaggi fermentati e piccanti, fritti, salse, pasticceria con crema e cacao, alcolici, caffè e bevande ghiacciate.

BIMBI BELLI E SANI

Seguire un bambino dalla nascita e durante la crescita, è un continuo esercizio di amore, pazienza ed attenzione.
Sono loro infatti, al centro del nostro mondo ed è importantissimo occuparcene nel migliore dei modi perchè sono esseri “puri”, non contaminati da cattive abitudini, e l’alimentazione e come vengono curati sono la base della loro salute.

Occorre prestare molta attenzione, soprattutto quando non stanno bene: la medicina non convenzionale agisce sulle cause che determinano le malattie in maniera molto delicata e non invasiva, senza basarsi solo sul sintomo finale, ma cercando di capire le cause.

Ecco perchè è molto importante la prevenzione che stimola la capacità dell’organismo di difendersi; inoltre uno stile di vita più corretto e un’alimentazione sana, equlibrata e variata nei cibi creano le premesse essenziali per il mantenimento di un buono stato di salute.

Far giocare i bambini all’aria aperta e non davanti alla tv, iscriverli ad una qualche disciplina sportiva in cui possano interagire con altri coetanei e prestar loro le dovute attenzioni, faciliterà la crescita e lo sviluppo. Abolire le merendine, i cibi precotti e ricchi di conservanti, coloranti e dolcificanti a favore di alimenti più sani e naturali farà sì che i nostri figli siano meno soggetti a disfunzioni organiche e metaboliche, e sopperire le eventuali carenze con l’utilizzo di integratori alimentari.

Importantissimo è evitare l’abuso di farmaci come, ad esempio, gli antibiotici: questi sono indispensabili infatti, quando è realmente necessario il loro utilizzo, ma se si esagera c’è il rischio di creare nuovi malesseri o una resistenza al farmaco stesso.

Pegaso ha formulato dei prodotti sicuri e privi di effetti collaterali per i bambini (anche i più sensibili) perchè escludono l’utilizzo di:

  • lattosio e glutine:
  • saccarosio ed edulcoranti;
  • coloranti e consevanti;
  • alcool.

I fermenti lattici favoriscono lo sviluppo della microflora intestinale contrastando così l’insorgenza di disturbi come gonfiore, coliche, intestino rallentato, diarrea:

  • Axidophilus Junior è l’integratore di fermenti lattivi vivi liofilizzati ad attività probiotica che aiuta nei processi digestivi, dopo la terapia antibiotica e la vaccinazione ed in caso di coliche o di intolleranze alimentari. Risulta inoltre necessario con l’allattamento artificiale e nello svezzamento per migliorare l’assorbimento dei principi nutritivi.
  • Axiboulardi Junior è l’integratore di probiotici specifici durante la terapia antibiotica e la vaccinazione, nelle diarree (anche quelle che capitano nei viaggi in paesi con clima tropicale o bassi livelli igienici) e per favorire le difese organiche.

Se il bambino presenta difficoltà intestinali, Modulax Junior è uno sciroppo a base di estratti vegetali e lattulosio che regola e sostiene l’attività dell’intestino già dal primo anno di vita.

Molti bambini non mangiano frutta e verdura: Nutrivital Junior è l’integratore contenente concentrati di frutta e verdura da coltivazione biologica che fornisce naturalmente vitamine, minerali, ed altri nutrienti. E’ quindi utile in caso di alimentazione non equilibrata, diminuite difese organiche o in convalescenza, in situazioni di affatticamento psicofisico per impegni scolastici e nei cambi di stagione.
Nutrivital Junior può essere somministrato a partire dal 1° anno di età sbriciolando la compressa per agevolarne la masticazione .

 

.

SE IL CIBO TORNA SU

Difficoltà nella digestione, senso di pesantezza e nausea, acidità e quel continuo “su e giù” del cibo compromettono la tranquillità ed il benessere dello stomaco. Questi sono i classici sintomi del reflusso gastrico.
Molte volte le cause si devono ricondurre ad un’alimentazione scorretta, uno stile di vita sbagliato, le troppe sigarette fumate o un’eccessiva quantità di farmaci assunti durante la giornata. Se poi si sommano più fattori, il problema è ancora più grave!

Il reflusso gastrico si manifesta perchè dallo stomaco risalgono i succhi gastrici lungo l’esofago, tanto che a volte si percepisce in bocca una sensazione di amaro o di acido.
Le cause più comuni sono quelle descritte prima, ma in alcuni casi il reflusso è dovuto all’ernia iatale, ovvero quando si ha una fuoriuscita dello stomaco (attraverso il diaframma) dall’addome al torace.

La fitoterapia può sicuramente portare sollievo, ma occorre anche darsi una regolata col cibo, col fumo, con l’alcol e cercare di modificare le proprie abitudini quotidiane.

Per combattere il reflusso bisogna capire qual è la causa principale:

  • Se è un periodo di forte stress, metti in un unico bicchiere d’acqua 40 gocce di Mg di Ficus carica e 40 gocce di Mg di Tilia tomentosa a metà mattina e metà pomeriggio, mentre prima di colazione sciogli direttamente in bocca una bustina di Pegastress, i fermenti lattici specifici in tutte quelle situazioni di agitazione.
  • Se la colpa è da attribuirsi ad una difficoltà digestiva sono importanti i prebiotici Axidophilus da assumere sempre prima di colazione ed ai pasti invece 1 cucchiaino di EIS Stomaco, gocce a base di Trifoglio fibrino, Achillea, Melissa, Zenzero ed oli essenziali di Mandarino, Camomilla romana e Lentisco.
  • Hai preso troppi farmaci che ti hanno disturbato l’apparato digerente? Bevi un misurino di succo di  Aloe Arborescens dall’attività antinfiammatoria e purifica il tuo organismo con le compresse Depur Fegato composte da Carciofo, Cardo mariano, Tarassaco e Melone.

Il reflusso associato a nausee può capitare anche in gravidanza e per avere ottimi benefici occorre assumere al mattino a stomaco vuoto una fiala di Oligolito DIA 3, ovvero gli oligoelementi manganese-cobalto, e durante la giornata nebulizzare nel cavo orale FitoPilor, lo spray specifico composto dagli estratti di Achillea, Camomilla, Acetosella, Echinace, Ficus carica e Capsico.

Consigli utili: scrivi un diario alimentare, cioè tutti i giorni annota cosa mangi a colazione, pranzo e cena (spuntini compresi) per capire quale o quali alimenti ti creano maggiori problemi così da evitarli, o ridurne la quantità, in futuro.
Alla sera, fai un pasto leggero e soprattutto tieniti alla larga dai cibi piccanti e da quelli con pH acido.

 

 

 

INTESTINO PUNTUALE

Molte volte capita che chi soffre di stitichezza abusi di lassativi irritando l’intestino ed impigrendolo ulteriormente; ciò avvia un processo di dipendenza, che porta ad un aumento via via costante della concentrazione del purgante perchè non è più efficace.

L’intestino regolare non è quello che si libera ogni giorno, ma è quello che con i suoi ritmi riesce a svolgere la propria funzione durante la settimana. I nostri nonni e dopo, i nostri genitori ci hanno inculcato l’idea che ogni giorno bisogna liberarsi delle feci ma non è necessario che ciò avvenga.

Insistere con dei lassativi quotidianamente, vuol dire sottoporre l’intestino a stress considerevoli che lo costringono ad impigrirsi ulteriormente.
Una persona giovane può e deve intervenire al più presto per correggere questo black out, mentre per l’anziano si può tollerare l’utilizzo di purganti in quanto la vita sedentaria, l’alimentazione e l’uso di farmaci tendono a rallentare la funzionalità intestinale.

Per combattere la pigrizia del colon occorre assumere al mattino a digiuno il probiotico Axidophilus per rendere maggiormente attiva la flora batterica: 1-2 capsule accompagnate da un bicchiere d’acqua fresca (non calda perchè i fermenti vivi e vitali morirebbero!).

A colazione, metti nel vasetto di yogurt 1-2 cucchiai di semi di Lino o di semi di Psillio, mucillagini che si gonfiano nell’intestino e favoriscono il suo svuotamento.
Non sono indicati nel caso ci sia qualche problema di diverticolite, un’infiammazione intestinale che può aggravarsi quando la puntina di questi semi va ad irritare ulteriormente i diverticoli; è bene allora ricorrere alla cuticola di Psillio che non presenta queste controindicazioni in quanto si tratta del seme polverizzato.

E’ necessario arricchire la dieta con delle fibre, quindi largo a frutta (lontano dai pasti) e verdura a volontà perchè i filamenti in esse contenute contribuiscono a far massa ed a rendere le feci più morbide.
In alternativa, Biocolonic è il prebiotico a base di fibre d’acacia e di mele, arricchito con inulina che facilita il transito e regolarizza l’intestino.

Cibi sì: cereali integrali, crusca, pane e pasta integrali, pesce, oltre a frutta e verdura; bevi inoltre, molta acqua per mantenere sempre morbide le feci.
Cibi no: alimenti molto salati o piccanti, formaggi stagionati, riso, caffè, tè e alcool.

 

PICCOLI DISTURBI ALLA BOCCA

La bocca è l’ingresso principale del nostro organismo e questa soglia viene varcata da tantissime sostanze: alimenti, bevande, farmaci e purtroppo anche da microrganismi nocivi per la salute. Vediamo nello specifico cosa può verificarsi:

  • Le afte sono delle piccole lesioni caratterizzate da ulcere o lacerazioni che compaiono sulla mucosa orale, sul palato, sulla parete interna delle guance, sulle gengive o sulla parte interna delle labbra.
    Si manifestano singolarmente o a gruppetti, determinando una sensazione di dolore e si possono ripresentare periodicamente se non si interviene con una cura che riesca a debellarle.
    Le cause che innescano la formazione delle afte possono essere diverse: lo stress che abbassa le difese immunitarie, una carenza di vitamine dovuta soprattutto ad una dieta alimentare scorretta ed il consumo di cibi piccanti o irritanti come cioccolato e frutta secca.
    Cosa si può fare? Sicuramente occorre correggere l’alimentazione e poi si devono fare delle toccature con la Propoli Estratto Idroalcolico; subito si avvertirà una sensazione di bruciore ma l’effetto disinfettante è garantito.
    Si è notato inoltre che la carenza della B 12 determina una maggiore predisposizione all’aftosi per cui durante l’anno è importante fare dei cicli di questa vitamina.
  • La gengivite è un’infiammazione che si manifesta con un arrossamento della gengiva ed è provocata da una scarsa pulizia dentale, oppure da una spazzolatura troppo energica, ma anche il fumo di sigaretta fa la sua parte!
    In questo caso, occorre lavare i denti con il Dentifricio Remargin e fare sciacqui con il Colluttorio Remargin a base di Aloe, Colostro, semi di Pompelmo ed oli essenziali disinfettanti.
    Se si trascura l’igiene dentale, la gengivite potrà poi creare un ambiente favorevole alla formazione delle carie.
  • L’Herpes Simplex è il nome del virus che causa l’herpes labiale, una fastidiosissima serie di vescicole piene di siero accompagnate da rossore e prurito. Molte volte si manifesta in concomitanza di forte stress ed abbassamento delle difese organiche,  per cui occorre assumere 2 capsule al giorno di Pau d’Arco come antivirale ed 1 compressa di L-Lysine, l’aminoacido che ripristina le carenze del sistema immunitario.
    Sulla zona interessata dall’herpes si può spalmare la Pomata Labiale Activo 3 che disinfetta e protegge la mucosa.
  • L’alitosi è una problematica che può avere diversi fattori scatenanti, primo fra tutti una insufficiente igiene dentale. Secondariamente potrebbero esserci un problema di fermentazione del cibo nello stomaco e quindi cattiva digestione, alimentazione scorretta, abuso di alcol e sigarette.
    Dopo aver fatto un’accurata pulizia presso il dentista, bisogna fare una cura con i fermenti lattici Axidophilus per riattivare la flora batterica, bere una rinfrescante tazza di tisana dopo i pasti a base di Menta Piperita arricchita con 1-2 cucchiai di Chlorella polvere per assorbire ed eliminare le scorie dal fegato e dall’intestino.

 

Serve aiuto? Contattaci