Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

METTI AVANTI LE LANCETTE

Stanotte sposteremo avanti di un’ora le lancette ed è probabile che da domani cominceremo ad accusare, chi più e chi meno, problemi di insonnia.

Irritabilità, nervosismo, stanchezza e fatica ad addormentarsi potranno verificarsi anche in coloro che normalmente hanno riposi notturni regolari ed esaustivi, pertanto è bene conoscere alcune strategie per far fronte allo stress che il cambio dell’ora comporta.

Dormire bene è fondamentale per essere in buona salute e non è sufficiente prendere un ipnotico di sintesi prima di coricarsi perchè comunque questo non garantirebbe un sonno riposante.

Per prima cosa, presta maggiore attenzione all’alimentazione: mangia leggero, prediligendo riso, pesce, zuppe o vellutate. Consuma poca carne, diminuisci i carboidrati, non bere caffè nè bevande zuccherine, elimina del tutto l’alcol.

Per facilitare la digestione puoi prepararti una Tisana così composta da bere come dopo pasto:

Se soffri di acidità e bruciori di stomaco puoi aggiungere le gocce Calma Plant che contengono Angelica e Verbena dalle proprietà sgonfianti ed addolcenti della mucosa gastrica.

I bambini potrebbero risentire maggiormente del cambio dell’ora e per evitare che facciano i capricci somministra loro le gemme del  Fico e del Tiglio: al di sopra dei 3 anni di età, puoi infatti già rivolgerti alla gemmoterapia che dà ottimi riscontri ed è priva di rischi.

Quando necessiti di maggiore regolarità è necessaria la melatonina: Notte è un integratore in compresse che contiene Escolzia, Valeriana e 1 mg di melatonina che aiuta a ritrovare il normale ritmo circadiano.

 

MALESSERI DA ARIA CONDIZIONATA

Violenti getti d’aria e temperature troppo basse sono la causa di fastidiosi disturbi estivi:

  • MAL DI GOLA. Ne soffrono soprattutto gli automobilisti che dirigono l’aria fredda verso il volto per troppo tempo. Bisogna diffondere uniformemente l’aria condizionata nell’abitacolo e proteggersi con Nutridef Gola Spray in cui gli oli essenziali di Mirra e Manuka alzano le difese, mentre l’erisimo evita la raucedine.
  • TORCICOLLO. Se in ufficio hai lo split del condizionatore proprio sopra di te, devi riparare il collo con sciarpine o foulard così da evitare le contratture. L’Unguento Arnica Forte ad effetto immediato, aiuta a rilassare i muscoli irrigiditi, minimizzando il dolore grazie all’estratto di iperico e di canfora.
  • DIARREA. Stare in ambienti eccessivamente raffreddati come i negozi e gli ipermercati può stimolare la motilità intestinale. Quando vai a far spesa allora, proteggi l’addome con indumenti adeguati ed al rientro, se accusi qualche crampo, bevi una tazza tiepida di fiori di Camomilla ad azione calmante ed antidolorifica, oppure mastica qualche tavoletta di Baobab che regola l’intestino.

TEMPO DI PIUMINI

Quando l’aria comincia ad imbiancarsi con i “piumini” dei pioppi, inizia il periodo più critico per chi soffre di allergie ai pollini; i sintomi più frequenti sono naso chiuso e gocciolante, solletico alla gola e prurito nasale.
Talvolta la pollinosi si può manifestare con la congiuntivite cioè l’infiammazione della membrana che riveste il bulbo oculare e la palpebra con bruciore, arrossamento e lacrimazione.

Agire per tempo è la strategia migliore per contrastare i disturbi allergici e con qualche accortezza in più si può veramente stare meglio. Aller Nutra Gocce o Compresse sono rimedi completamente naturali in cui  Perilla, Adathoda e Clorella riducono tantissimo la sensibilità ai pollini.

Per i più piccolini o le donne in gravidanza si può seguire una cura con l’oligoelemento Manganese-Rame (Oligolito DIA 2) ed il Ribes MG che alzano le difese rispetto all’allargene fastidioso.

Le belle giornate primaverili invogliano ad uscire ma il pericolo pollini a volte fa desistere. Non rinunciare ad una passeggiata o a un pic nic con la famiglia, ma tieni a portata di mano Fito Pollen, lo spray sublinguale a base di Aralia, Sabadilla e Magnolia che si dimostra un vero rimedio di emergenza. Nebulizzalo nel cavo orale prima di uscire e quando i fastidi cominciano a farsi sentire.

Per gli occhi è importante TG1 Occhi, validissime gocce oculari contenenti Eufrasia, Uncaria ed Echinacea che leniscono le infiammazioni, disinfettano e lavano via i corpuscoli estranei.

Consigli utili:

  1. In presenza di forte allergia, evita di stare all’aria aperta a lungo, soprattutto nei giorni clou.
  2. Limita la penetrazione dei pollini nell’apparato respiratorio eseguendo lavaggi nasali con il Neti Lota; per gli occhi invece, si possono fare degli impiastri con i fiori di Camomilla ed Elicriso.
  3. Spazzola bene capellie e vestiti così da allontanare gli allergeni.

HO LA CISTITE: SARA’ STATA LA CIOCCOLATA DI PASQUA?

E’ facile dopo Pasqua (come generalmente tutte le festività) ritrovarsi con la cistite: intenso bruciore, bisogno impellente di fare la pipì, dolore e prurito sono i sintomi più frequenti.
A soffrirne sono soprattutto le donne, ma anche gli uomini ne vanno soggetti: ciò accade per la conformazione dell’apparato genitale femminile. La vicinanza di intestino e vie urinarie facilita infatti, il passaggio e lo scmabio dei batteri dall’ano alla vescica e viceversa.

La diminuzione delle difese immunitarie, un forte stress, il frequente utilizzo di antibiotici ed il consumo di certi cibi favoriscono la proliferazione batterica ai danni della parete vescicale.
Il cioccolato appunto, è uno degli alimenti a rischio e chi ne ha abusato durante le feste, ora può avvertire qualche problemino!

Contro le infezioni è molto valido il D-Mannose, uno zucchero estratto dal legno di Larice o Betulla che aderisce al betterio e ne permette l’eradicazione. Agisce molto rapidamente, ma occorre assumerlo nel modo giusto: una compressa a metà mattina e metà pomeriggio con pochissima acqua in modo che tale attivo attecchisca meglio alla parete della vescica, quindi, dopo un’ora circa, bere almeno 1-1,5 litri d’acqua per favorire il lavaggio.

Se si tratta di una recidiva, accanto all’Estratto di Semi di Pompelmo da deglutire in fase acuta, occorre associare l’MG di Mirtillo rosso e di Magnolia che proteggono le vie urinarie e l’intestino.

Bere liquidi inoltre, è molto salutare. Perchè allora, non una tisana? Prepara un decotto come il seguente:

La miscela così composta disinfetta, promuove la diuresi ed allenta le tensioni al basso ventre.

OCCHIO PER OCCHIO

L’occhio è un organo complesso che ha la funzione di raccogliere i segnali luminosi provenienti dall’ambiente ed attraverso impulsi nervosi, di trasmetterli al cervello dove vengono elaborati e trasformati in immagini.
Lo smog, i virus presenti nell’aria, il sole, il polline ed altri elementi estranei possono comprometterne la salute e dare origine ad infiammazioni, arrossamenti e pruriti fastidiosi che, se trattati con prontezza, non destano preoccupazioni.

Quali sono le patologie che interessano l’occhio?

  • Congiuntivite, l’infiammazione della membrana che riveste l’occhio (congiuntiva) è causata generalmente da polvere, peli di animali, fumo, pollini, sole, vento e cosmetici irritanti.
  • Cheratite, l’infiammazione della cornea scatenata soprattutto dall’uso scorretto di lenti a contatto che veicolano microrganismi patogeni.
  • Calazio, l’infiammazione delle ghiandole di Meibomio situate all’interno delle palpebre, il cui secreto è un componente delle lacrime. Molte volte è lo stress alla base di tale problema o disordini alimentari, come l’abuso di insaccati, dolciumi,…
  • Orzaiolo, l’infezione suppurativa di una o più ghiandole sebacee annesse alle ciglia che si manifesta con un rigonfiamento simile ad un brufolo. L’origine è sempre di natura infettiva in associazione a forte stress e dieta sbilanciata protratta.

Sicuramente il collirio TG1 Occhi è indispensabile per disinfettare, favorire la lacrimazione ed attenuare gli arrossamenti grazie alla presenza degli estratti di Echinacea, Elicriso, Uncaria ed Eufrasia. In comode fialette monodose è indispensabile tenerlo in borsetta o a portata di mano, soprattutto quando si esce all’aria aperta, durante il periodo dei pollini o nelle giornate ventose.

L’impacco localizzato a base di fiori di Camomilla è un ottimo rimedio che ci viene tramandato dalla tradizione popolare ancora oggi molto valido come lenitivo, idratante e calmante del rossore.

Altri disturbi possono essere la secchezza oculare di cui vanno soggetti in modo particolare tutti coloro che stanno parecchio davanti al pc o che indossano per tante ore lenti a contatto. In questi casi, si verifica una forte disidratazione dovuta all’aumento dell’evaporazione delle lacrime e ridotta ossigenazione della cornea.
Risultano molto utili le gocce oculari e gli impacchi di Camomilla, ma per non affaticare la visione e facilitare l’irrorazione sanguigna sono consigliabili le compresse OcuFactors Plus a base di Mirtillo nero, Ginkgo biloba, Bioflavonoidi e dagli antiossidanti Luteina, Zeaxantina e Selenio che contrastano i problemi della visione.

SPALARE LA NEVE, NON E’ COSI’ SEMPLICE

Lo scenario del panorama imbiancato è meraviglioso; un po’ meno bello è quando tocca a te allontanare i cumuli di neve per poter liberare le vie d’accesso e uscita della casa. E’ alto infatti il rischio a fine lavori, della comparsa del mal di schiena e dolori vari, soprattutto quando si fanno sforzi eccessivi e movimenti sbagliati e ripetuti.
Il malessere si concentra generalmente nella regione dorso-lombare ma può irradiarsi anche nella zona cervicale e può interessare, in maniera più o meno intensa, i gomiti e le ginocchia.

Dopo aver svolto la pulitura di cortile e marciapiede, è bene gustarsi una fumante tisana che rallenta il battito cardiaco, rilassa i muscoli e ritempra dalle fatiche; la composizione è la seguente:

Un bagno caldo distensivo inoltre è quello che ci vuole per apportare immediato benessere: immergiti nella vasca arricchita dall’Olio da Bagno Relax i cui oli essenziali di Neroli, Gelsomino, Verbena e Arancio dolce rinfrancano dalla faticaccia; tale prodotto è indicato anche per l’idromassaggio.

Sulle zone doloranti e sulle giunture, il Gel Caldo Artiglio del Diavolo è un ottimo antinfiammatorio che genera una intensa e piacevole sensazione di calore che rilassa i muscoli contratti e scioglie le articolazioni irrigidite.

SENTI CHE TOSSE!

La tosse è un meccanismo di difesa che favorisce l’espulsione di tutti i corpi estranei che intasano ed ostacolano le vie respiratorie. E’ secca quando non c’è catarro ma si presenta stizzosa ed irritante per le mucose, oppure grassa quando ci sono sedimenti catarrosi che risalgono verso la gola per essere estromessi.

La Propoli è il rimedio più efficace per combatterla in quanto ha azione antibatterica e disinfettante; si può trovare in soluzione Alcolica altamente concentrata, Analcolica per i bambini o coloro che non desiderano assumere alcol, in Pastiglie con l’aggiunta dell’o.e. di Eucalipto ad azione balsamica, in Spray orale con l’estratto di Erisimo per proteggere le corde vocali o in Sciroppo nel quale è accompagnata da Rosa Canina e Semi di Pompelmo a sostegno delle difese immunitarie.

Un ottimo decotto emolliente utile per calmare la tosse è il seguente:

Rimedi fitoterapici da aggiungere alla tisana sono la TM di Malva e di Piantaggine in quanto ricche di mucillagini e dalle proprietà fluidificanti.

E in gravidanza? FitoGola è il rimedio formulato ad hoc per le gestanti; è composto dagli estratti di Calendula, Echinacea, Ribes e Uncaria che danno immediato sollievo e favoriscono la guarigione senza avere effetti collaterali.

DOLCI SOLUZIONI PER I BIMBI

Capita anche a te che il tuo bambino si ammali proprio nel week-end o sotto le feste quando è più difficile reperire il pediatra? Talvolta ci si fa prendere dal panico perchè lo vediamo soffrire e non sappiamo come alleviargli il dolore, ma basta qualche soluzione naturale da somministrare ai primi sintomi per avere benefici e valutare se accompagnarlo al Pronto Soccorso o chiamare il medico.

  • MAL DI PANCIA. Molte volte il dolore addominale è causato da una cattiva digestione o da intolleranze alimentari. Il calore rilasciato dal Cuscino Termico Freddo Caldo mitigherà immediatamente gli spasmi; i vinaccioli d’uva che compongono la boule scaldati nel  microonde svolgono un’azione termodinamica che rilassa la muscolatura addominale alleviando coliche e dolori.
  • VOMITO. Il bambino (come l’adulto) spesso rimette ciò che non è in grado di trattenere ed avviene dopo un pasto abbondante o forzato, o l’ingestione di un alimento a cui si è intolleranti. Talvolta invece possono subentrare motivi psicologici che favoriscono il vomito.
    E’ necessario tranquillizzare il bambino e fargli bere una tazza di Camomilla fiori che addolcisce le mucose dello stomaco e toglie l’acidità.
  • DISSENTERIA. Si parla di dissenteria quando avvengono almeno 4-5 scariche di feci molli in  una giornata; tale fenomeno non va demonizzato in quanto è l’unico modo che ha il corpo per liberarsi da virus e sostanze avverse e guarire.
    Axiboulardi Junior sono fermenti lattici da somministrare a stomaco vuoto per rinforzare la flora batterica intestinale; è necessario inoltre recuperare i sali minerali e le vitamine perse utilizzando più volte al giorno piccole dosi di Polvere di Baobab che riequilibra il transito e reidrata l’organismo.
  • TOSSE e RAFFREDDORE. Sono i precursori dell’influenza a vanno contrastati con lo Sciroppo di Lumache in quanto la bava in esso contenuta lenisce i condotti irritati, fluidifica il muco rappreso favorendo l’espettorazione e libera le vie aeree.
  • FEBBRE. E’ un meccanismo di difesa messo in atto dall’organismo per contrastare l’ulteriore sviluppo di virus e batteri. Per accelerare la guarigione, Nutridef Bambini è una soluzione orale a base di Pappa Reale, Rosa Canina, Echinacea, Zinco e Lactobacilli che stimola il sistema immunitario e favorisce la ripresa.
    La Pomata di Timo massaggiata su schiena e torace per i più grandicelli o solo sotto la pianta del piede per i bambini che abbiano compiuto almeno i 3 anni, disinfetta e promuove la guarigione.

RIMETTI A POSTO L’INTESTINO

Le abbuffate natalizie ed i ritmi sballati hanno messo sottosopra l’intestino di tantissimi italiani. Se anche tu fai parte della categoria, ripristina le antiche abitudini, cambia l’alimentazione e correggi il tiro con qualche integratore naturale e potrai dire addio a gonfiore, dolore e stitichezza.

L’intestino è un organo molto importante perchè proprio lì vengono assorbiti i nutrienti responsabili del buon funzionamento dell’organismo e proprio da lì vengono espulsi i cataboliti, ovvero le scorie alimentari.
Gli orari strampalati delle vacanze hanno ritardato la puntualità con il bagno, per cui è fondamentale ripristinare la naturale regolarità: non fare più colazione con cappuccino e panettone ma ad una tazza di latte o yogurt aggiungi cereali, frutta fresca a dadini oppure i superfrutti come le fette essiccate di  Pitahaya rossa che aumentano la massa fecale e ne facilitano il transito. Tale frutto, comunemente chiamato “frutto del drago”, come sapore è una via di mezzo tra pera e kiwi; è inoltre un alimento altamente antiossidante e ricco di sali minerali, fosforo, calcio, vitamine C ed E, betacarotene, licopene, fitoalbumine,  mentre i semi contengono acidi grassi polinsaturi.

Per mantenere le feci morbide, durante la giornata bevi acqua o un decotto ricco di mucillagini come il seguente:

Se gonfiore e dolore ti accompagnano perennemente, deglutisci a metà mattina e pomeriggio EnteroRelax, capsule a base di Triphala, Zenzero e Finocchio che riducono le fermentazioni e gli spasmi, attenuando così le manifestazioni dolorose.

Hai seguito terapie antibiotiche durante le feste? E’ normale avere problemi di dissenteria o di colite. Già, perchè tali farmaci (indispensabili in certi casi) debellano tutti i microrganismi presenti nell’uomo, compresa la microflora intestinale. Non avendo più protezione, è facile cadere preda di virus che scatenano la diarrea o ritrovarsi con il colon infiammato.
Nel primo caso puoi assumere al mattino a digiuno 1-2 capsule di Enterodophilus, fermenti lattici specifici dopo l’antibioticoterapia per recuperare le naturali difese e calmare le ripetute evacuazioni, mentre la TM di Potentilla ha azione astringente.
Nel secondo caso invece, occorre affiancare ai fermenti le compresse Enteroshield in cui Triphala,  Baobab, Agrimonia e L-Carnosina eliminano il meteorismo e favorisono la naturale regolarità intestinale.

 

PIANTE PER IL GONFIORE ED IL REFLUSSO

Un problema sempre più diffuso nel mondo moderno è quello legato all’apparato digerente: meteorismo, gastrite e reflusso sono sinonimi di un suo cattivo funzionamento.
Lo stomaco è un organo in grado di accogliere il bolo alimentare e di scinderlo in molecole più piccole grazie all’intervento di acidi ed enzimi; alcune sostanze più semplici (alcol, acqua e zuccheri) vengono assorbite immediatamente, mentre le restanti scendono nell’intestino per essere poi scomposte ulteriormente.

Lo stress a cui siamo sottoposti quotidianamente rallenta il transito del cibo, riduce la formazione degli enzimi digestivi e determina iperacidità ed infiammazione dello stomaco. Lo stile di vita frenetico che genera ansia e tensione, il consumo di cibi di qualità più scadente, l’utilizzo di farmaci ed antibiotici ed infine la sedentarietà sono le cause principali.

Prima di prendere rimedi a caso, occorre capire qual è il problema.
La cattiva digestione o dispepsia è dovuta al rallentamento della funzionalità dello stomaco con relativo senso di pienezza e bruciore. Tutti gli esperti dell’alimentazione consigliano di masticare molto lentamente in quanto una prima demolizione del cibo avviene proprio in bocca ad opera della saliva e dei suoi enzimi.
Possono essere utili:

Lo stomaco è ricoperto da una mucosa che ha lo scopo di proteggere dall’acidità ma quando stress, abuso di alcol e sigarette, cibi irritanti e farmaci aumentano la produzione di acido, si infiamma e si genera la gastrite. In questo caso, servono piante ricche di mucillagini come la Malva fiori e foglie e l’Altea radice o addolcenti come la Camomilla fiori.

Il reflusso è determinato dalla non chiusura dello sfintere gastroesofageo con conseguente ritorno del contenuto gastrico nell’esofago; lo stomaco infatti non si svuota ed il cibo che ristagna fermenta producendo gas acidi che risalgono verso l’alto. Le radici di Zenzero come procinetico e di Liquerizia trovano un valido impiego per tale disturbo con ottimi benefici sulla mucosa.

REGOLE D’ORO PER STARE IN FORMA

In queste due settimane, hai contato quanti pranze, cene, aperitivi e feste hai in agenda? Sicuramente più di quante il tuo fisico possa reggere per non appesantirsi. Trovare scuse per non partecipare è sbagliato, ma non è altrettanto giusto mangiare a dismisura per poi ritrovarsi a fare i conti con i sensi di colpa!
Meglio organizzarsi day-by-day e adottare valide strategie che non ti facciano lievitare.

Non accetare nello stesso giorno due inviti a meno che tra uno e l’altro non trovi il tempo per fare una lunga corsa sul tapis.
Inizia la giornata con una colazione genuina e ricca di nutrienti: dimentica cappuccino e brioche e gusta invece un vasetto di yogurt naturale nel quale puoi aggiungere cereali e frutta secca come Goji, Pitahaya rossa, Giuggiole, More di Gelso bianche e Semi di Albicocca dolci che ti faranno sentire meno la fame nelle ore successive.
Diluisci poi in una bottiglietta d’acqua uno stick di Drena&Depura i cui principi attivi di Karkadè, Mango, Verga d’Oro, Schisandra, Fumaria e Ribes Nero purificano dalle scorie ed eliminano i liquidi in eccesso.

Se l’invito è a pranzo, la cena dovrà essere priva di carboidrati ed estremamente leggera, accompagnata da una buona tisana rilassante e digestiva come la seguente:

Viceversa, se hai in programma una cena, il pranzo dovrà essere ipocalorico ma saziante per evitare languorini pomeridiani.
Non lasciarti tentare dalle stuzzicherie dell’aperitivo, ma ordina solo dell’acqua. Al ristorante, scegli come antipasto un piatto a base di verdure ad effetto riempitivo, mentre la portata principale (meglio proteine che carboidrati e mai tutti e due nello stesso pasto) deve essere priva di intingoli grassi e facile da digerire.
Rinuncia al dessert (al massimo mangia un frutto di stagione) e concediti giusto un bicchiere di vino per il brindisi.

Sbagliatissimo saltare i pasti per cui, se il giorno dopo subentrano i sensi di colpa, fai un po’ di movimento e diluisci in un litro di acqua 3 cucchiaini di EIS Peso i cui estratti di Pilosella, Quercia Marina, Tarassaco, Matè, Ribes Nero e Lmone o.e. aumentano il metabolismo e favoriscono la rimise en forme.

RIMEDI GREEN PER LA CERVICALE

Colpi d’aria, cattive posture e tensioni muscolari possono generare contratture dolorose a livello del collo che possono irradiarsi alla testa e alle braccia rendendo difficoltosi i movimenti. Sporadici episodi non devono allarmare ma se si verificano più frequentemente, occorre intervenire con rimedi green e modificare le scorrette abitudini.

Avvicinandoci all’inverno, è necessario proteggere il collo e la base della nuca ogni qualvolta si esce di casa.
Se prendi un colpo d’aria, la Termo Sciarpa è la giusta soluzione per combattere la cervicalgia. Si tratta di un cuscino contenente chicchi di grano saraceno, ginepro, rosmarino, pepe nero, timo e senape che va scaldato nel forno a microonde per 1 o 2 minuti oppure sul termosifone 10-15 minuti e da posizionare poi sul collo. Tale miscela assorbe il calore e lo rilascia gradualmente andando a lenire l’area, mentre l’aggiunta dell’olio essenziale di Cajeput apporta immediato giovamento.

Lo stress e le tensioni accumulate tendono ad irrigidire la muscolatura rendendo difficili e dolorosi i movimenti della testa, delle braccia e della parte alta della schiena.
Una calda tisana rilassante abbinata all’integrazione di Magnesio e B6 (AxiMagnesio) indispensabili per alleggerire i fasci muscolari, aiutano ad attenuare i malesseri.
Il cocktail di erbe è il seguente:

La maggior parte dei problemi però è dovuto ad un’errata postura mantenuta per lungo tempo come quando si guida, si sta davanti al computer o si fanno i lavori di casa (stiratura e rammendo degli indumenti sono tra i più comuni).
Ai primi segnali di indolenzimento, prenditi una pausa (se sei in auto fermati in una piazzola), sgranchisci le gambe allungando anche la schiena e massaggia direttamente sul collo l’Arnica Unguento; si tratta di un classico rimedio dalla formulazione moderna, priva di vaselina sintetica e ricca di principi attivi specifici che agiscono in sinergia, utili per alleviare immediatamente il dolore.