Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

NIENTE PIU’ NAUSEA DA VIAGGIO PER I PICCOLI

La chinetosi, detta anche nausea da movimento, è quel malessere di cui soffrono coloro che ogni volta che intraprendono un viaggio in auto, pullman o nave presentano problemi di stomaco. Ciò è causato da una maggiore sensibilità del centro dell’equilibrio situato nel vestibolo, una zona dell’orecchio interno, quando viene sollecitato dalle vibrazioni del mezzo di trasporto.

Molti bambini ne vanno soggetti e per evitare che il rientro dalla vacanza si trasformi in un incubo, puoi seguire qualche consiglio e ricorrere all’ausilio della fitoterapia.

Prima di mettersi in viaggio è meglio far consumare ai piccoli un pasto leggero a base di fette biscottate, crackers o biscotti secchi con un po’ di Tè nero, succo di frutta o acqua. Meglio evitare dolciumi, toast e panini farciti, patatine e snack vari, e le bibite perchè difficili da digerire.

Alla bevanda si possono anche aggiungere poche gocce di Fico MG e l’Oligolito DIA 3 (Manganese-Cobalto) per favorire il rilasssamento e la distensione delle pareti dello stomaco; questi rimedi naturali sono privi di controindicazioni ed hanno il potere di calmare l’instabilità dell’apparato digerente.

Durante il viaggio, tieni a portata di mano il Fitopilor, lo spray da vaporizzare nel cavo orale a base di Camomilla, Achillea ed Acetosella che può essere utilizzato come rimedio d’emergenza ai primi sintomi di nausea.
Tale prodotto va nebulizzato più volte durante il viaggio, fino al miglioramento del problema.

 

AIUTO, HO LA GASTROENTERITE

La gastroenterite è un problema tipico di questa stagione che può presentarsi a grandi e piccini, comportando una perdita più o meno intensa di liquidi e sali minerali che se non vengono reintegrati, possono causare una disidratazione dell’organismo.

Cosa fare in questo caso? Occorre bere piccoli sorsi d’acqua o di tè (non succhi di frutta, nè bibite perchè lo zucchero potrebbe peggiorare la situazione) piuttosto frequentemente durante la giornata, oppure una tisana gradevole composta da bacche di Mirtillo nero, Achillea, foglie di Noce, Camomilla, Alchemilla, Equiseto e Menta piperita.

Occorre poi risistemare la flora batterica con Enterodophilus, i probiotici specifici per chi ha l’intestino in disordine e depurare l’organismo con estratti secchi di Carciofo o Cardo Mariano. L’Estratto di Semi di Pompelmo invece è essenziale per combattere la proliferazione batterica e virale.

In caso di nausea e dolori addominali, la Polvere di Baobab ti farà sentire meno pesante lo stomaco in quanto è un addolcente della mucosa gastrica, oltre che un ottimo rimedio come regolatore intestinale ricco di vitamine e minerali.

Per quanto rigurada l’alimentazione, non devi sforzarti a mangiare ma fai ciò che ti chiede il tuo fisico!
Ovviamente la dieta dovrà essere composta preferibilmente da cibi secchi, leggeri e facili da digerire tralasciando invece latte e latticini, le verdure cotte e i dolci molto zuccherini.

IN VIAGGIO SENZA NAUSEA

Il mal di mare ed il mal d’auto per tante persone possono essere dei fattori determinanti nella scelta della meta delle vacanze. Gli stessi sintomi si avvertono anche durante spostamenti in treno ed aereo!

Si comincia con con un lieve senso di disgusto accompagnato da sudore freddo; poi subentrano sonnolenza, spossatezza fino ad arrivare al vomito.
Questo succede perchè i nostri occhi percepiscono il movimento, ma il nostro corpo resta immobile.

Uno studio del British Medical Journal attesta che i malesseri di cui vanno soggetti tanti viaggiatori, hanno cause ancora poco chiare, ma pare che ci sia un qualche elemento di disturbo tra le informazioni che arrivano agli occhi e quelle che giungono all’orecchio interno.
Il nostro sguardo percepisce il movimento mentre il labirinto, che è la sede dell’equlibrio nella parte interna dell’orecchio, manda segnali al cervello che siamo fermi.

Questa divergenza invia messaggi nervosi alterati anche allo stomaco, facendo dilatare e comprimere le pareti dello stomaco, con conseguente nausea, pesantezza e malessere generale.

La fitoterapia tradizionale consiglia di assumere qualche oretta prima del viaggio e subito prima della partenza latintura madre di zenzero, in quanto questa pianta ha la capacità di addolcire le mucosa gastrica e renderci meno sensibili ai movimenti del mezzo di trasporto.

Durante il viaggio Fitopilor è il rimedio d’emergenza ideale per grandi e piccini; è uno spray da nebulizzare in bocca senza l’ausilio dell’acqua, dall’effetto praticamente immediato perchè il fico, la camomilla, l’achillea ed altre piante, in sinergia con l’oligoelelmento rame, contrastano l’insorgenza delle nausee.

Consigli pratici durante il viaggio:

  • In auto, stare seduti sul sedile anteriore può aiutare a sentir meno le sollecitazioni laterali. Evitate di leggere e di voltarvi continuamente indietro, ma è meglio tenere lo sguardo fisso in avanti.
  • In traghetto o in barca è consigliabile stare sdraiati e non lasciatevi distrarre dalle immagini.
  • Spegnete telefonini, tablet,… e non leggete; meglio ascoltare musica ad ochi chiusi.
  • In crociera scegliete le cabine a poppa e quelle nella zona corrispondente al baricentro perchè più stabili. Meglio comunque, soggiornare il meno possibile in cabina, ma piuttosto privilegiare le poltrone o il ponte dove la migliore ossigenazione può aiutare a sentir meno i disturbi.
  • In aereo, richiedete il posto vicino al finestrino perchè l’attenzione possa esser diretta verso l’esterno, o in prossimità delle ali dove invece si avvertono meno oscillazioni e sobbalzi.
  • Non bere alcoloci o bevande contenenti caffeina perchè tendono a stimolare le secrezioni gastriche.
  • Mangiare prima della partenza cibi secchi come crackers, fette biscottate o grissini in quanto assorbono l’eccesso di saliva in bocca e di acido nello stomaco.
  • Abolite caramelle e chewing gum perchè stimolano il reflusso e, fermentando, aumentano il senso di gonfiore.

La risposta allo stress parte dall’intestino

Gli impegni di lavoro, la famiglia, la scuola e i ritmi di vita sempre più frenetici giocano un ruolo importante nello sviluppo di sintomi da stress sia fisici che psicologici, incidendo direttamente sulla qualità della vita.
L’intestino è un laboratorio di emozioni: soffre, gioisce, regola stress, ansia e tensione. E’ intelligente tanto da essere definito anche “secondo cervello”.

Studi recenti hanno confermato che in caso di malessere emotivo l’intestino ci fa sentire la sua voce manifestando alcuni disturbi:

  • Sintomi fisici: tensione e crampi addominali, nausea, vomito.
  • Sintomi psicologici: stati ansiosi, disturbi dell’umore, irritabilità.

Il rimedio è PegaStress, un integratore alimentare dalla formulazione esclusiva che ha una innovativa associazione di fermenti lattici (Lactobacillus helveticus + Bifidobacterium longum) che agiscono sul riequilibrio della flora batterica e Vitamina B5 (conosciuta come vitamina antistress), che contribuisce alla riduzione della stanchezza e dell’affaticamento psicofisico.

L’abbinamento di 2 particolari ceppi di fermenti lattici in associazione alla B5 ha mostrato un effetto positivo sull’interazione cervello-intestino, con sensibili benefici agli stati fisici ed emotivi.
Il livello di cortisolo urinario, denominato “ormone dello stress”,  si riduce nell’arco di 24 ore.

Come funziona l’asse cervello-intestino?

  1. Lo stress può alterare la funzionalità gastrointestinale e la composizione batterica dell’intestino.
  2. L’alterazione della flora intestinale provoca reazioni infiammatorie locali.
  3. L’attività gastrointestinale e la microflora possono influenzare la biochimica cerebrale e incidere sulla regolazione del sistma nervoso enterico.

E si crea così un circolo vizioso!

PegaStress si presenta in bustine orosolubili da sciogliere direttamente in bocca ed è di sapore gradevole.

Vuoi sapere se sei stressato? Fai questo test:

  1. Avverti tensione e crampi addominali, nausea o vomito?
  2. Ti capita di avere sbalzi d’umore o di irritarti con facilità?
  3. Dimentichi appuntamenti, oggetti o cose da fare?
  4. Hai difficoltà ad addormentarti o ti svegli spesso durante la notte?
  5. Mangi velocemente e in modo poco regolare?
  6. Hai difficoltà di concentrazione?
  7. Sei sempre stanco?
  8. Sei sotto pressione per impegni di studio?

Hai risposto SI’ ad almeno 4 di queste domande? Allora PegaStress potrebbe esserti utile!!!

Serve aiuto? Contattaci