Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

CALDO: IL NEMICO DELLE EMORROIDI

Le emorroidi sono delle strutture anatomiche simili a cuscinetti, ricche di vasi sanguigni, posizionate nel canale rettale che quando s’infiammano creano bruciore e prurito.

Il caldo e l’umidità aumentano la vasodiltazione, provocando un rigonfiamento delle emorroidi ed è per questo motivo che in estate, chi è più soggetto a problemi intestinali, localmente può accusare fastidi oppure perdite di sangue, fino ai casi più gravi di prolasso.

Altri fattori scatenanti sono:

  • Alimentazione scarsa o sbilanciata di fibre associata ad un apporto limitato di acqua, con conseguente formazione di feci dure e secche che inducono a sforzi eccessivi per evacuare.
  • Intensi allenamenti sportivi che richiedono una forte contrazione muscolare addominale, come il sollevamento pesi, piuttosto che lunghe sessioni di spinning, possono infiammare le emorroidi.
  • Gli aperitivi a base di alcolici e stuzzichini salati sono dannosissimi, in quanto aumentano la dilatazione dei vasi sanguigni.
  • L’abuso di lassativi influenza negativamente le emorroidi perchè irritano gli sfinteri, favorendo la loro fuoriuscita.

Il sintomo più frequente è il sanguinamento in seguito all’evacuazione con feci molto dure o ad un aumento della pressione delle vene della parete rettale.

Quando è presente intenso e prolungato dolore, significa che che si è formata una ferita anale, la cosiddetta ragade.

La fitoterapia può essere d’aiuto in tutti quei casi in cui l’infiammazione è di leggera-media entità, altrimenti occorre l’intervento del medico o della chirurgia.
Nella maggior parte dei casi, le emorroidi sanguinanti sono dovute alla rottura di piccoli vasi arteriosi della mucosa anale e per fortificarli occorrono i bioflavonoidi (Bioflavonoids), che apportano benefici al tono venoso.
Per proteggere i capillari locali invece è necessario l’utilizzo della TM di Rusco da associare alla TM di Mirtillo nello stesso bicchiere d’acqua.

Per dare immediato refrigerio alla zona infiammata si possono fare i Bagni Derivativi con l’ausilio di Bikun, il fondello che raffredda la zona perineale e che apporta benefici a livello intestinale.

E’ importante inoltre, cambiare le proprie abitudini di vita:

  1. Svolgi una regolare attività fisica senza caricare troppo sul basso ventre; va benissimo una lunga passeggiata oppure il nuoto.
  2. Elimina dalla dieta i fritti, i cibi piccanti, gli insaccati (compreso il pollo allo spiedo), cioccolato, caffeina, alcolici e le spezie.
  3. Aumenta il consumo di fibre, quali frutta e verdura di stagione, come pure i cereali.
  4. Non trattenere o rinviare l’evacuazione.
  5. Non stare troppo tempo seduti sul water perchè si comprimono in maniera eccessiva i vasi della zona anale.
Serve aiuto? Contattaci