tm mirtillo Archivi - Erboristeria Online | Officinalis Modena
Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

IN GAMBISSIMA

Tutte le donne sognano gambe lunghe ed affusolate e se sul primo desiderio c’è poco da fare, il secondo invece è possibile esaudirlo.

Il caldo causa la dilatazione dei capillari con conseguente rallentamento del circolo ematico, pesantezza e gonfiore.
Per prima cosa, bisogna eliminare dalla tavola il sale prediligendo piatti semplici ricchi di verdure di stagione e fare del movimento.

In fitoterapia troviamo tantissimi principi attivi efficaci per sostenere gli arti inferiori: gli antociani della Tintura Madre di Mirtillo rinforzano i vasi capillari, mentre i derivati triterpenici della centella di Kymaven sono in grado di ridurre le alterazioni venose.
Nel Bevibile Natural Benex, la bromelina dell’ananas ha attività antiedematosa ed in associazione alla sinensetina dell’ortosiphon stimolano il drenaggio e riducono i ristagni.

Quando arrivi a sera con la sensazione di pesantezza alle gambe sono utili i flavonoidi del ginkgo biloba che migliorano il microcircolo (ma non vanno bene per coloro che assumono farmaci anticoagulanti) e le cumarine del meliloto.
Potresti quindi prepararti una Tisana così composta:

Per contrastare i disagi delle alte temperature sono ottimi i preparati cosmetici a base di mentolo come il Gel Freddo Natural Benex al cui interno è presente anche l’aloe ad attività antinfiammatoria e l’ippocastano che protegge i capillari.

Se ti piacciono i pediluvi, aggiungi al Sale del Mar Morto poche gocce di Olio Essenziale di Basilico e di Cipresso per il microcircolo assieme all’Olio Essenziale di Menta Piperita ad effetto rinfrescante ed otterrai immediato ristoro.

Fotografia di Nameless fashion blog

FRUTTA = BELLEZZA

Tutto ciò che serve al nostro corpo per stare bene ce lo fornisce la natura. La frutta è ricca di importantissimi sali minerali, vitamine ed antiossidanti indispensabili per la salute.
Il bello è che ora tanti cosmetici green condividono con la fitoterapia i principi attivi di derivazione vegetale ed i risultati sono strabilianti!

Gli antociani contenuti nelle bacche del Vaccinium myrtillus svolgono effetti protettivi nei confronti della vista e del microcircolo.
La Tintura Madre di Mirtillo pertanto è indispensabile per la salute degli occhi.
Le bacche del mirtillo le trovi nel Collirio Nutrilen, fiale monodose da utilizzare in caso di secchezza oculare e per la stanchezza visiva, ed anche nel contorno occhi Eye Cream Ice Technology utile per azzerare le occhiaie ed eliminare il problema delle antiestetiche borse.

I frutti del melograno (Punica granatum) sono favolosi antiossidanti grazie alla presenza dell’acido ellagico.
L’estratto secco di Melograno assunto per via orale contrasta il danno ossidativo e rallenta l’invecchiamento cutaneo, ma è presente anche nella Crema Supernutriente Corpo Tierras de Andalucia la cui forte carica idratante e rigenerante rende la pelle meravigliosamente luminosa e vitale.

Le Tisane a base di Ananas (Ananas comosus) in questa stagione sono molto consigliate: evitate quelle solubili e quelle dolcificate perchè sono solamente gradevoli da bere ma inefficaci come drenanti.
Meglio un fai-da-te quotidiano dalla resa sicuramente superiore e che può essere impreziosito dalle foglie di Menta verde, dalle radici dello Zenzero o dai semi di Finocchio.
L’ananas contrasta la ritenzione idrica anche a livello topico ed infatti è tra i componenti della crema Iodase Slim Gambe, un trattamento cosmetico rimodellante capace di ridurre gli inestetismi da adiposità localizzate.

 

CALDO: IL NEMICO DELLE EMORROIDI

Le emorroidi sono delle strutture anatomiche simili a cuscinetti, ricche di vasi sanguigni, posizionate nel canale rettale che quando s’infiammano creano bruciore e prurito.

Il caldo e l’umidità aumentano la vasodiltazione, provocando un rigonfiamento delle emorroidi ed è per questo motivo che in estate, chi è più soggetto a problemi intestinali, localmente può accusare fastidi oppure perdite di sangue, fino ai casi più gravi di prolasso.

Altri fattori scatenanti sono:

  • Alimentazione scarsa o sbilanciata di fibre associata ad un apporto limitato di acqua, con conseguente formazione di feci dure e secche che inducono a sforzi eccessivi per evacuare.
  • Intensi allenamenti sportivi che richiedono una forte contrazione muscolare addominale, come il sollevamento pesi, piuttosto che lunghe sessioni di spinning, possono infiammare le emorroidi.
  • Gli aperitivi a base di alcolici e stuzzichini salati sono dannosissimi, in quanto aumentano la dilatazione dei vasi sanguigni.
  • L’abuso di lassativi influenza negativamente le emorroidi perchè irritano gli sfinteri, favorendo la loro fuoriuscita.

Il sintomo più frequente è il sanguinamento in seguito all’evacuazione con feci molto dure o ad un aumento della pressione delle vene della parete rettale.

Quando è presente intenso e prolungato dolore, significa che che si è formata una ferita anale, la cosiddetta ragade.

La fitoterapia può essere d’aiuto in tutti quei casi in cui l’infiammazione è di leggera-media entità, altrimenti occorre l’intervento del medico o della chirurgia.
Nella maggior parte dei casi, le emorroidi sanguinanti sono dovute alla rottura di piccoli vasi arteriosi della mucosa anale e per fortificarli occorrono i bioflavonoidi (Bioflavonoids), che apportano benefici al tono venoso.
Per proteggere i capillari locali invece è necessario l’utilizzo della TM di Rusco da associare alla TM di Mirtillo nello stesso bicchiere d’acqua.

Per dare immediato refrigerio alla zona infiammata si possono fare i Bagni Derivativi con l’ausilio di Bikun, il fondello che raffredda la zona perineale e che apporta benefici a livello intestinale.

E’ importante inoltre, cambiare le proprie abitudini di vita:

  1. Svolgi una regolare attività fisica senza caricare troppo sul basso ventre; va benissimo una lunga passeggiata oppure il nuoto.
  2. Elimina dalla dieta i fritti, i cibi piccanti, gli insaccati (compreso il pollo allo spiedo), cioccolato, caffeina, alcolici e le spezie.
  3. Aumenta il consumo di fibre, quali frutta e verdura di stagione, come pure i cereali.
  4. Non trattenere o rinviare l’evacuazione.
  5. Non stare troppo tempo seduti sul water perchè si comprimono in maniera eccessiva i vasi della zona anale.

SOS EMORROIDI

Le emorroidi sono dei cuscintetti situati nell’ultima parte dell’intestino (tra ano e retto), molto vascolarizzati che si gonfiano, cioè richiamano parecchio sangue nella zona, o si sgonfiano a seconda di determinate condizioni di salute della persona.

Generalmente, l’infiammazione delle emorroidi subentra in concomitanza con diversi fattori: alimentazione scorretta, vita sedentaria, condizioni di stress, gravidanza, uso di antibiotici, eccessivo consumo di alcol e sigarette, insufficiente flora batterica intestinale ed abuso di lassativi.

I primi segnali sono bruciore o prurito anale e gonfiore intestinale, ma purtroppo tali sintomi vengono presi sottogamba, per cui si arriva ad avere dolore e perdita di sangue. Nel peggiore dei casi, si ha un prolasso delle emorroidi con conseguente uscita dal retto, quando i tessuti cedono e fuoriescono i cuscinetti pieni di sangue.
Il prolasso può essere temporaneo quando, una volta curata l’infiammazione, si ha il riassorbimento dei tessuti che rientrano nella loro posizione originaria. Se si è in presenza invece, di un’infiammazione più grave bisogna intervenire manualmente per riposizionare le emorroidi all’interno ma in casi estremi si ha proprio il completo prolasso ed allora si parla di operazione chirurgica.

Le donne si imbarazzano maggiormente quando soffrono di questa patologia e trovano estrema difficoltà a parlarne col medico o con un professionista, ma è meglio intervenire il prima possibile per evitare il peggioramento della situazione.

Occorre rinforzare il sistema vascolare a livello anale con Bioflavonoids Plus, dove i flavonoidi estratti dagli agrumi sono abbinati a quercetina, bromelina e vitamina C per contrastare il trofismo venoso, incrementando la vasodilatazione e provocando il rilassamento della muscolatura liscia.

Molto utile risulta inoltre la Tintura Madre di Mirtillo nero. Assumi 30-40 gocce per tre volte al giorno in un bicchiere d’acqua oppure diluite in una tazza di tisana così composta:

In caso di emorroidi sanguinanti, trovo più indicata la Tintura Madre di Amamelide perchè più astringente ed emostatica, senza peraltro interferire con la normale funzionalità intestinale.

Ad uso locale, per garantire una maggior freschezza e per dare maggiore sollievo, puoi utilizzare la Pomata Populeo, il dispositivo medico a base di gel di Aloe dall’attività antinfiammatoria con la sinergia degli oli essenziali di Cipresso, Menta e Camomilla che rendono ancor più efficace la crema.

Consigli utili:

  1. Evita drasticamente tutti i grassi animali, gli alimenti conservati in scatola e insaccati, pepe, conce (es. pollo allo spiedo) e l’uso smoderato di peperoncino.
  2. Rinuncia agli alcolici ed al caffè.
  3. Non utilizzare lassativi, ma aiutare l’intestino con l’assunzione di 1-2 cucchiai di Olio di Mandorle dolci e lo
    Psillio cuticola.
  4. Bevi molta acqua durante la giornata.
  5. Cerca di non utilizzare la carta igienica: anche la più soffice che la tv reclamizza può essere abrasiva e favorire il sanguinamento.

 

Serve aiuto? Contattaci