TM di Camomilla Archivi - Erboristeria Online | Officinalis Modena
Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

DOLCI SOLUZIONI PER CHI VIAGGIA

Jet lag, mal d’auto o mal di mare e diarrea del viaggiatore sono i disturbi più fastidiosi per chi si sposta spesso per lavoro e per chi va in vacanza.
I farmaci utilizzati per contrastare tali disagi generalmente mettono sonnolenza o eccessiva spossatezza, mentre i rimedi green risultano efficaci e privi di effetti collaterali.

  • JET LAG. Il cambio del fuso orario rischia di mandare l’organsimo in tilt perchèn non riesce ad abituarsi ai nuovi ritmi di luce e buio.
    La Melatonina è un ormone prodotto dal cervello il cui scopo è quello di regolare le fasi sonno-veglia così da facilitare l’adattamento.
  • MAL D’AUTO e MAL DI MARE. Mettersi in viaggio seduti ed affrontare le curve o le acque agitate può trasformarsi in un vero incubo che comincia con nervosismo e sudorazioni, fino a nausea e vomito. La cinetosi è il malessere causato dai mezzi in movimento per cui, prima di partire, è bene utilizzare la TM di Camomilla in grado di rilassare lo stomaco, mentre durante il viaggio mastica qualche pezzettino di radice di Zenzero Candito che toglie l’acidità; chi non ama i sapori forti e piccanti può sostituirlo con le tavolette di Baobab da sciogliere direttamente in bocca.
  • DIARREA DEL VIAGGIATORE. E’ un disturbo imbarazzante a cui vanno soggetti soprattutto coloro che soggiornano in luoghi caratterizzati da scarse condizioni igieniche. Anche il solo lavarsi i denti con l’acqua locale o bere cocktail con il ghiaccio potrebbe scatenare crisi intestinali.
    Oltre a rispettare rigorosamente le accortezze consigliate dall’agenzia di viaggi, occorre agire in prevenzione. Almeno 7-10 giorni prima della partenza (ed anche durante la vacanza), rinforza la barriera intestinale con Enterodophilus, i fermenti lattici utili per la microflora e proteggiti dalle infezioni utilizzando l’Estratto di Semi di Pompelmo.

CHE PESANTEZZA!

La pancia gonfia è uno dei disturbi più frequenti del mondo moderno. Le donne ne vanno maggiormente soggette in quanto gli sbalzi ormonali ed una forte componente emozionale le sensibilizzano verso questo problema, ma le cause più comuni sono legate a difficoltà digestive, ansia, stress e scorrette abitudini.

Pesantezza, costante senso di pienezza, dolori addominali e difficoltà intestinali sono i sintomi che il più delle volte si manifestano e, se non si tratta di episodi sporadici, è bene affrontare la situazione, capire l’origine del disagio e mettere a punto la strategia più giusta per stare meglio.

Quando si è in presenza di problemi all’apparato digerente, gas addominale e scarsa motilità intestinale il rimedio green da tenere sempre a portata di mano è Nutriregular 3, bustine contenenti Zenzero, Ginseng e fermenti lattici da sciogliere in acqua dopo i pasti principali o al momento del bisogno.

Gli impegni quotidiani rischiano di mandare in tilt l’efficienza dello stomaco. Prima della colazione, PegaStress a base di lactobacilli e bifidobatteri, agisce sul riequilibrio della flora intestinale e la vitamina B5 contribuisce alla riduzione della stanchezza e dell’affaticamento psici-fisico.
A metà mattina e metà pomeriggio è indispensabile la TM di Melissa ad azione distensiva e digestiva abbinata alla TM di Camomilla rilassante addominale e addolcente; tale mix funziona benissimo come antiansia e sgonfiante.

 

 

CURARSI COL CIBO

Tanti disturbi di cui soffre l’uomo hanno origine da una cattiva alimentazione e da un irregolare stile di vita; i professionisti del benessere possono dare rimedi naturali per contrastarne l’insorgenza ma è necessario un ulteriore sforzo per correggere gli errori.

In linea di massima è meglio preferire alimenti bio, freschi o poco lavorati, ricorrere alle spezie per insaporirli (evitando così il sale), ed oggi più che mai è importantissimo saper leggere le etichette per scovare il tenore di grassi e zuccheri, la presenza di conservanti e coloranti, nonchè le calorie apportate.

Vediamo i problemi principali:

  1. Intestino pigro quando si ha difficoltà nell’evacuazione, irregolarità, feci scarse e secche. Ciò può essere dovuto a malformazioni dell’apparato intestinale e dall’assunzione di farmaci che ne ostacolano la funzionalità, ma soprattutto è dato da sedentarietà e dieta povera di acqua e fibre.
    Metti sulla tavola più frutta e verdura (cotta e cruda), cereali integrali e crusca che assorbono l’acqua e rendono le feci più consistenti e morbide; a colazione puoi aggiungere allo yogurt i Semi di Psillio e Lino che stimolano dolcemente l’evacuazione.
  2. Gonfiore addominale determinato da scarsa flora batterica, stress e ritmi di vita frenetici, irregolarità alimentari (es. un eccessivo consumo di frutta e verdura) e poco movimento.
    Assumi appena sveglio i fermenti lattici Axidophilus mentre durante la giornata le gocce EIS Digestione per promuovere lo sgonfiamento addominale.
    Cerca di consumare i pasti ad orari costanti, mastica lentamente e limita le fibre, in modo particolare le verdure a foglia larga maggiormente suscettibili a fermentazione.
  3. Emorroidi causate da insufficienza venosa ed alimentazione sbagliata. Elimina dalla tavola insaccati, spezie piccanti, fritti, cioccolata ed alcolici in favore invece di cibi leggeri, facili da digerire e che non “riscaldano” l’intestino.
    Per migliorare la situazione aiutati con Bioflavonoids che rinforza i capillari e la Pomata Populeo ad uso locale.
  4. Pressione alta che può esser tenuta più controllata abbassando il consumo di sale e qualche integratore naturale.
    Riduci gli insaccati, i formaggi stagionati e i cibi precotti dove il sale garantisce una maggiore conservazione.
    Per insaporire i piatti sbizzarrisciti con le spezie ed aiutati con l’estratto secco di Aglio.
  5. Acidità e bruciori, fenomeni caratteristici di vita frenetica, abuso di alcolici e sigarette, eccessivo consumo di cibi raffinati e già pronti; comincia a preparare te stesso ciò che mangi ed aumenta l’apporto di fibre.
    Prima di colazione assumi i fermenti lattici PegaStress e durante la giornata ricorri alla TM di Camomilla che attenua l’iperacidità e favorisce la digestione.
  6. Cistiti ed infezioni urinarie ricorrenti sono favorite da un’alimentazione ricca di zuccheri: bandisci cioccolata, dolci da pasticceria, gomme e caramelle, mentre riduci i carboidrati.
    Bevi invece tanta acqua arricchita dagli estratti di Cranberry, Mirtillo rosso e Karkadè contenuti nel bevibile Cistoshield.
  7. Stanchezza e pallore? Apporta più vitamine e minerali con i vegetali di stagione, mentre su carne e legumi aggiungici del succo di limone che favorisce l’assorbimento del ferro nell’organismo.
    Per evitare i cali durante la giornata ricorri alle fiale di Gelévital Forte dove i prodotti dell’alveare sono ottimi ricostituenti ed il Ginseng dà un po’ più di energia.
Serve aiuto? Contattaci