SYS Curcuma Archivi - Erboristeria Online | Officinalis Modena
Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

PEDALA CHE DIMAGRISCI

Queste sono le giornate ideali per uscire all’aria aperta e dedicarti ad uno sport che, nonostante le mode passeggere, fidelizza sempre più appassionati.

Il ciclismo è un’attività sportiva completa nella quale si mettono in movimento gambe e addome e non vengono sovraccaricate le ginocchia e la schiena; può essere praticato a tutte le età per tonificare la muscolatura ed anche da chi è in sovrappeso perchè si perdono tantissime calorie.

Se vai in bicicletta per fare un po’ di moto, ricordati di mettere nella borraccia dell’acqua una fialetta di Benex Bevibile dal sapore gradevole in cui si uniscono le virtù della Centella, dell’Ippocastano e della Vite rossa che stimolano la circolazione.

Avendo un impatto zero sulle ginocchia e sulla zona lombare, è lo sport ideale anche per coloro che hanno qualche doloretto legato alla sedentarietà: in questo caso si può aggiungere all’acqua la SYS Curcuma ad azione antiossidante ed antinfiammatoria.

Pedalare a ritmo intenso fa bruciare di più. Prima di metterti in sella, fai uno spuntino equilibrato e per non restare a corto di energie sciogli un misurino di Life Drink, Pozione di Vita in cui Spirulina e Clorella danno il giusto sprint, le proteine del Pisello e del Riso tonificano i muscoli e gli omega 3-6-9 svolgono un’azione protettiva del cuore.

DOLORI E FRAGILITA’ OSSEA

Si dice che dopo i 40 anni si invecchia più velocemente. Sicuramente assistiamo all’usura e all’indebolimento delle strutture di sostegno che, come tutti i sistemi, ha bisogno di nutrienti adeguati per il corretto funzionamento.
Un basso apporto di calcio e vitamina D favorisce l’osteoporosi, mentre un elevato consumo di proteine potrà innescare processi degenerativi a carico delle articolazioni.
Infine, un eccesso di peso dovuto ad alimentazione scorretta graverà su tutto l’apparato osteo-articolare.

Si assiste inizialmente ad un’infiammazione localizzata con vasodilatazione ed edema che evolve poi in una degenerazione di tessuti, ossa, muscoli, tendini e liquidi interstiziali.
E’ opportuno eliminare o ridurre le cause della patologia con l’assunzione di fitoderivati e l’affiancamento di un’alimentazione adeguata, povera di proteine e ricca di vitamine e minerali.

A differenza della medicina allopatica che propina rimedi sintomatici allo scopo di ridurre il dolore, la fitoterapia in aggiunta aiuta  a ripristinare la corretta funzionalità del corpo.
Le piante più indicate per i dolori reumatici sono il Salice (Salix alba) e la Spirea (Spirea ulmaria) i cui fitocomplessi ricchi di salicilati e flavonoidi hanno azione antinfiammatoria e non provocano lesioni gastriche.

Un ottimo decotto utile in queste situazioni è il seguente:

Per calmare immediatamente il dolore si possono assumere fino a 3 compresse al giorno di Arpagodol dove l’Artiglio del diavolo gastroresistente viene assorbito a livello intestinale garantendo maggiori benefici.
Agendo ai primi sintomi si riesce ad evitare la cronicizzazione: l’intervento rapido è il miglior modo per prevenire danni maggiori e ridimensionare il malessere.

L’aspetto dietetico inoltre non va sottovalutato. Oltre a togliere dalla tavola gli alimenti troppo acidificanti, le bevande caffeiche e le proteine da carni rosse, è importante inserire soluzioni naturali ad attività antiossidante, depurativa e drenante epatica come SYS Curcuma che agisce positivamente su fegato, intestino, stomaco e vie biliari.

L’integrità e il ricambio del tessuto osseo richiedono l’apporto di molti minerali fondamentali quali calcio, magnesio, zinco e vitamina D contenuti nell’integratore Cal-Mag-Zinc che contrasta il fenomeno dell’osteoporosi.
La fonte naturale più ricca di calcio è il latte che però spesso non viene digerito o determina intolleranze. Occorre seguire un regime alimentare ricco di minerali, equilibrato da un punto di vista proteico (troppe proteine sono responsabili di perdita di calcio attraverso la diuresi) ed inserendo invece più legumi, frutta e verdura.
La scorretta alimentazione, l’età e la menopausa sono cause frequenti di fragilità ossea che peggiora inesorabilmente con la riduzione del movimento fisico.

Serve aiuto? Contattaci