Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

COSCE SODE E SNELLE

Il benessere fisico è dato in modo particolare dal movimento, oggi lasciato in secondo piano, e da una vita sempre più sedentaria. Se a ciò si aggiunge un’alimentazione scorretta, ecco che si accumulano masse adipose antiestetiche e dolorose.

Bisogna adottare uno stile di vita più dinamico e mangiare meglio. Per avere risultati immediati si può ricorrere a tutte quelle strategie che sciolgono rapidamente la cellulite e ripristinare la silhouette.

Quando c’è ritenzione idrica si verifica un fastidioso gonfiore a livello degli arti inferiori: il Fango Iodase è il rimedio strong per sciogliere i cuscinetti. Spalmane un piccolo strato e l’effetto termogenico contribuirà a bruciare più in fretta il grasso.
Inseriscilo nella beauty routine due volte alla settimana mentre tutti i giorni utilizza la Crema Iodase Sensitive, ideale per le pelli sensibili e per non stressare troppo le cosce.

E’ importante inoltre stimolare l’eliminazione dei liquidi: Nutridiur è un integratore sottoforma di tisana solubile contenente Matè, Centella, Ononide e Asparago da sciogliere in acqua.
Esiste anche la versione in pratici tappini (Nutridiur Active Caps) da inserire direttamente sulla bottiglietta e da portare nella borsa.

Le gambe solitamente si gonfiano soprattutto d’estate a causa della cattiva circolazione. Le capsule di Mirtillo Nero rinforzano i vasi capillari, le gocce di TM Scutellaria migliorano lo scorrimento del sangue, mentre la Cremagel VegeVen (conservata in frigorifero) è un vero toccasana da massaggiare alla sera.

CHE FAME HAI?

“Ho una fame che non riesco a trattenermi!”. Quante volte ti è capitato di dire questa frase? E quante volte hai cercato senza successo il rimedio che sapesse placare il languorino?
Prima di tutto occorre capire qual è l’origine del tuo appetito incontrollato.

Potresti avere:

  1. Fame meccanica quando stai seguendo una dieta ipocalorica ed il tuo organismo richiede più cibo. Sono indispensabili allora le fibre, ovvero sostanze che a contatto con l’acqua si rigonfiano e fanno massa. Assunte prima dei pasti tamponano l’appetito, permettono di mangiare meno e neutralizzano l’assorbimento di grassi e zuccheri.
    L’integratore ricco di fibre più utilizzato è il Glucomannano; si tratta di capsule da deglutire prima dei pasti principali con 1-2 abbondanti bicchieri d’acqua che facilitano la formazione di una gelatina nello stomaco dall’effetto antifame.
    E’ pericoloso? No se assunto lontano dai farmaci n quanto potrebbe diminuirne l’efficacia e non è adatto ai colitici i quali devono limitare l’uso delle fibre.
  2. Fame da carboidrato quando mangi un alimento su base glucidica (pasta, pizza, pane, biscotto, crackers, grissini,…) e dopo poco hai nuovamente voglia di spizzicare qualcosa. Ciò accade perchè i carboidrati (che siano dolci o salati non importa) alterano l’indice glicemico ed il cervello richiede continuamente cibo.
    Per arrestare la dipendenza da zuccheri devi assumere prima di colazione l’Oligolito SI-ME dove l’associazione di Zinco-Nichel-Cobalto contrasta la sindrome metabolica, mentre il Caffè Verde dall’alta concentrazione di acido clorogenico dà tono e accelera il metabolismo quotidiano.
  3. Fame nervosa se sei tesa e stressata e pilucchi continuamente. AP Control è un integratore composto da Spirulina, L-Fenilalanina e L-Tirosina che riduce gli stimoli della fame, aumentando l’energia psicofisica.

COME SMALTIRE GLI STRAVIZI

In vacanza, ci hai dato dentro con lauti pasti, cocktail e happy hour alcolici ed ora ti senti appesantita? Con un po’ di impegno, qualche rinuncia e gli integratori giusti ritroverai la silhouette perduta.

I cibi raffinati ricchi di amido, i fritti, i dessert e le leccornie varie tendono a gonfiare lasciandoti quella sensazione di aver un pallone al posto dello stomaco, per non parlare poi delle bibite zuccherine.
L’alcol invece viene assorbito dal fegato dove in parte si accumula creando problemi epatici ed in parte si trasforma in grassi che si depositano nei punti critici.
Dopo alcuni giorni è normale sentirsi appesantiti, notare gonfiore sotto gli occhi ed avere difficoltà digestive accompagnate da bruciori gastrici.

Prima regola: mangiare sano e seguire una dieta detox. Non saltare i pasti e compresi i due spuntini di metà mattina e pomeriggio che evitano le abbuffate di pranzo e cena.
Evita i piatti contenenti grassi saturi (insaccati, formaggi stagionati,…) e quelli idrogenati che si trovano nei dolci da forno, nei gelati, come in hamburgere, patatine e salse da condimento.
Abbonda con le fibre, mentre la frutta consumala lontano dai pasti per evitare che fermenti e gonfi la pancia.
Assolutamente vietato l’alcol e se partecipi ad un aperitivo con gli amici, ordina uno smoothie o una spremuta di frutta fresca, tenendoti lontana dagli stuzzichini.

Bevi almeno 1,5 o 2 litri di acqua durante la giornata e per facilitarti le cose, preparati un infuso drenante e sgonfiante per eliminare i liquidi stagnanti localizzati. La composizione è la seguente:

La fame nervosa che attanaglia quando si riprende l’attività lavorativa e si ripresentano gli stress quotidiani puoi calmarla con l’assunzione delle capsule di Açai, bacche tonificanti che bilanciano la dipendenza da zuccheri a livello mentale.

Inoltre:

  • Cerca di cucinarti le pietanze così da renderti conto degli ingredienti utilizzati e delle loro calorie.
  • Abbassa il quantitativo di sale, sostituendolo con le spezie per insaporire i piatti. Non ingrassano e non trattengono i liquidi.
  • Attenzione a conservanti, coloranti e glutammato leggendo bene le etichette.
  • Mastica lentamente in modo da sveltire la digestione addominale.
  • Depura l’organismo per facilitare il lavoro di fegato, reni ed intestino.

 

PUOI AVERE LA TARTARUGA ANCHE TU!

E’ proprio quetso il momento di cominciare: alle soglie della primavera è ora di darci dentro con una corretta dieta alimentare ed esercizi fisici mirati all’eliminazione del grasso superfluo e a definire invece gli addominali.

Ci vuole sicuramente tanta forza di volontà per ottenere i giusti risultati e le persone che dicono che mangiano poco ed ingrassano lo stesso, a meno che non abbiano qualche disfunzione strana, consumano pasti sbilanciati o fanno una ridotta attività fisica.

Per prima cosa quindi, è necessario rispettare una dieta ipocalorica, dove la quantità delle calorie introdotte non deve superare quelle consumate; il nostro organismo infatti, tende ad accantonare i nutrienti in depositi di grasso per poi utilizzarli in carenza di cibo.
Questo meccanismo si è svuluppato con l’evoluzione umana, ma nell’era moderna le nostre riserve si trasformano solamente in rotolini e adipe, per cui occorre evitare cibi estremamente calorici.

Come regola di base, riduci i carboidrati come la pasta, il pane, le patate ed aumenta la percentuale di frutta e verdura; elimina invece drasticamente tutti gli alcolici.

Assumi poi al mattino 2 capsule di Adipoxan Forte, un integratore a base di alga Wakame (titolata in fucoxantina) e CLA; questo connubio, non solo è in grado di accelerare il metabolismo e velocizzare lo smaltimento dei lipidi in eccesso, ma anche di trasformare la massa grassa in massa magra se supportato da attività fisica.

Corri, salta, balla, insomma, allenati come più ti piace ed una volta termintato, scolpisci l’addome con una serie di esercizi per valorizzare la tartaruga:

  1. Crunch classici. Sdraiato con la schiena sul pavimento, gambe flesse e piedi appoggiati per terra, metti le mani sotto la nuca e solleva il busto senza staccare da terra la bassa schiena.
  2. Crunch inversi. Sdraiato con le braccia tese lungo i fianchi, stacca i piedi e cerca di avvicinare le ginocchia al petto.
    Per rendere l’esercizio più intenso, puoi tenere le gambe tese.
  3. Crunch laterali. Girato su un fianco e con le ginocchia piegate, metti le mani dietro la nuca e solleva il busto contraendo i rotolini dei fianchi.

Le ripetizioni vanno eseguite lentamente, ricordandoti di espirare ogni volta che contrai il busto ed inspirare ogni volta che riassumi la posizione di partenza. Se inizialmente ti sembra di fare poche ripetizioni, col tempo vedrai che la tua resistenza aumenterà ed incrementerai il numero.

Per avere un effetto bruciagrassi maggiore, prima dell’allenamento massaggia sull’addome il Siero Concentrato Iodex i cui ingredienti (acido aspartico, fosfatidicloina, carnitina, guaranà e iodio organico) hanno un effetto termogenico tale per cui gli addominali risulteraano più tonici ed evidenti.

Se ti alleni bene 5-6 volte la settimana, è permesso anche un giorno di “trasgressione” alimentare…ma non esagerare!

L’AGO DELLA BILANCIA NON SCENDE PIU’!

Una cosa frequente che capita spesso a chi è in dieta è quello di veder un rallentamento nella perdita di peso: tutto ciò è normale in quanto il nostro fisico pian piano si adagia e crea una forma di difesa per sopperire alle mancanze di cibo che deve subire.

E’ necessario riattivare il metabolismo con le capsule di Caffè verde: 1-2 al mattino danno un sostegno all’organismo per affrontare con più sprint la giornata ed inoltre l’alto contenuto di acido clorogenico stimola il metabolismo favorendo lo smaltimento delle calorie accumulate.

Per velocizzare la perdita di peso, occorre eliminare i liquidi in eccesso. Preparati una tisana così composta:

In una tazza d’acqua calda, lascia in infusione 1 cucchiaio di questa tisana per 8-10 minuti e coprila con un coperchio in modo che gli oli essenziali dei semi di finocchio non si disperdano nell’aria, poi filtra e bevi.

Se fai attività fisica, metti nella sacca della palestra uno stick di Drena&Depura, il gradevolissimo bevibile a base di succo concentrato di bacche di Ribes e dagli estratti secchi di Mango, Karkadè, Verga d’oro, Schisandra e Fumaria.
Diluisci il contenuto di uno stick all’interno di una bottiglietta d’acqua da bere durante e dopo l’allenamento: oltre a reidratarti, disseta e favorisce il drenaggio.

Va modificata inoltre l’alimentazione; leggi questi 10 punti e fanne tesoro:

  1. Riduci l’assunzione di carboidrati e non abbinare, in uno stesso pasto, più cibi glucidici insieme (es. pane e frutta).
  2. Preferisci i formaggi magri con tenore di lipidi non superiore al 10% (come la ricotta) a quelli più grassi (gorgonzola, fontina,…).
  3. Bandisci dalla tavola salse e salsine come maionese, ketchup,…
  4. Mangia più spesso pesce e limita invece gli insaccati.
  5. Minimizza i grassi di cottura (burro, olio,…).
  6. Componi piatti semplici, più facili da digerire e con meno potere calorico.
  7. Aumenta la quantità di frutta e verdura, prediligendo quella di stagione.
  8. Rinuncia al dolcetto dopo i pasti.
  9. Dai l’addio agli snack e alle merendine.
  10. Cerca di controllarti quando partecipi agli aperitivi con gli amici.

 

 

 

VOGLIO RIENTRARE NEI MIEI SKINNY

Le fashion-victims lo sanno benissimo: gli skinny sono i jeans supertrendy del momento. Strettissimi, attilatissimi come una seconda pelle, portati con tacchi vertiginosi o con ballerine, ma anche dentro a stivali più o meno alti fanno sempre una notevole figura…ma bisogna riuscire ad entrarci!
Segui questi 3 consigli e raggiungerai l’obiettivo:

  1. Operazione drenaggio: elimina i liquidi in eccesso con le Tinture Madri di Pilosella e Spirea Ulmaria (circa 30 gocce di ciascuna 2-3 volte al giorno) da diluire in abbondante acqua oppure in una tisana composta da Gramigna radice, Ortosiphon foglie, Betulla foglie, Ononide radice e Finocchio semi.
    E’ importantissimo bere molta acqua perchè se non c’è apporto di liquidi non avviene il ricambio idrico, utile per far defluire le tossine che originano la ritenzione.
    Con queste basse temperature risulta più piacevole fare qualche trattamento anticellulite. Iodase fango, grazie all’efficacia dell’alga Laminaria ed ai fitoestratti di Ananas, Cipresso ed Edera rimuove i liquidi stagnanti e rende la coscia più snella e soda in brevissimo tempo.
  2. Operazione peso: assumi 1 compressa al giorno di Berry-Diet complex, il nuovissimo dimagrante a base di Goji, Maqui, Schisandra, Garcinia ed arricchito dai chetoni di Lampone. Questo integratore evita gli attacchi improvvisi di fame, accelera il metabolismo e favorisce la naturale perdita di peso.
    Per un’azione urto, massaggia sulla pancia il Fluido Concentrato Iodase Deep Impact, un siero rimodellante e tonificante che agisce sulle masse adipose localizzate di addome e fianchi.
  3. Operazione spezzafame: a metà mattina e metà pomeriggio quando la fame comincia a farsi sentire, mastica qualche bacca di Goji oppure 1 o 2 Fave di Cacao che danno un po’ di energia e placano i languorini.

SEI TUTTA CURVY?

Sfogliando un giornale di moda ho letto che la tendenza attuale dei brand è quella di lanciare sul mercato abiti taglia comoda. Ha destato infatti scalpore Abercrombie & Fitch, l’azienda americana che vestiva solo magri e che, visti probabilmente  un calo di fatturato ed il boicottaggio promosso da alcuni blogger, dalla prossima stagione ha deciso di mettere in vendita online alcuni capi per ragazze curvy.

Assotigliando il girovita e togliendo qualche rotolino però potresti recuperare quell’armoniosa silhouette che tanto desideri. Come fare?
Al mattino assumi 2 compresse di Adipoxan forte, un integratore alimentare a base di estratto secco di alga Wakame titolata in fucoxantina e CLA (acido linoleico coniugato). Adipoxan ha la capacità di attivare il metabolismo basale per tutta la giornata, senza avere effetti collaterali.

In una bottiglia d’acqua da 1,5 litri sciogli un misurino di sciroppo MetoDren Detoxine dall’effetto drenante e sgonfiante; questo prodotto è in grado di purificare il fegato dalle scorie accumulate grazie agli estratti di Carciofo, Tarassaco, Viola del pensiero e Bardana, la funzione drenante è svolta da Betulla e Regina dei prati, il Finocchio invece aiuta ad eliminare il gonfiore addominale, Sambuco e Tè verde hanno attività antiossidante e le fibre di Tamarindo e Mela regolano il transito intestinale.
Bevendo MetoDren Detoxine tutti i giorni noterai la pancia meno gonfia e la riduzione dei liquidi in eccesso con benefici immediati per la cellulite.

4 GENNAIO: LA CORSA AI SALDI

Ragazze, finalmente è il nostro momento! La data fatidica dello shopping è arrivata ed ora si parte con l’assalto ai negozi.
Brand rinomati o marchi anonimi non importa, ogni tanto è necessario per la salute lasciarsi andare con la carta di credito e portare a casa il vestito o le scarpe che tanto si desiderava, senza dimenticare l’accessorio che impreziosisce il tutto.

Il problema è che dopo le feste ed esserti abbuffata, hai arrotondato la tua linea e quindi vedi che il pantalone che ti piaceva tanto non s’allaccia oppure che l’abito che stai provando ti fascia eccessivamente.

Cosa fare? O acquisti solo tubini shaping che mascherano i rotolini assotigliando il girovita oppure da domani segui questi consigli:

  1. Metti in 1,5 litri di acqua un misurino di Zero Drenaggio da bere durante la giornata così inizi da subito ad eliminare i liquidi che ristagnano sulle gambe.
  2. Mezz’ora prima dei pasti principali deglutisci 1 compressa di DimaGoji donna che ti aiuta a placare la fame (soprattutto quella nervosa) e favorisce l’aumento del metabolismo con conseguente riduzione dell’assorbimento delle calorie.
  3. Lascia in ufficio Dimagoji ventre; due misurini di questo granulare sciolto in acqua velocizzano la digestione e favorisce lo sgonfiamento.
  4. Una o due volte la settimana fai un trattamento con Iodase Fango anticellulite a base di alghe e di Fosfatidilcolina veicolata che tolgono la “buccia d’arancia” e determinano una riduzione in centimetri delle cosce.
  5. Massaggia tutte le mattine su pancia e fianchi il Fluido Concentrato Iodase Deep Impact F ed alla sera invece la Crema Iodase Deep Impact F ad effetto snellente e rimodellante.

Non dimenticarti inoltre di fare un po’ di sana attività fisica, anche solo una camminata a passo veloce, per bruciare qualche caloria in più.

CRONODIETA: QUAL E’ L’ORA GIUSTA PER MANGIARE?

Lo sapevi che l’ora in cui ti metti a tavola influenza la capacità di assimilare gli alimenti?
Diversi studi confermano che a seconda di quando mangiamo, i nostri ormoni (che variano durante la giornata) condizionano il nostro organismo nell’accumulo di sostanze, le quali possono essere immagazzinate come riserva energetica o come scorie.

Esistono ormoni che meglio aiutano a smaltire il grasso corporeo in funzione della massa magra ed altri che invece tendono a farci ingrassare; ciò dipende dall’orario in cui si mangia e dallo stile di vita.

Secondo la cronodieta, i carboidrati andrebbero mangiati nella prima parte della giornata perchè proprio in questa fase il cortisolo e l’insulina sono maggiormente presenti.
Allora, inizia la giornata con fette biscottate o gallette di riso con marmellata (meglio se fatta in casa!) e yogurt oppure se ti piace l’english breakfast, fai colazione un panino abbinato alle proteine di carne e uova.

A pranzo, il cortisolo comicia a calare mentre aumentano i livelli tiroidei che attivano il metabolismo con conseguente trasformazione del cibo in energia piuttosto che in grasso.
Pranza con carboidrati abbinati a legumi e verdure e puoi concederti un “dolcetto” perchè rientri ancora nella fase in cui riesci a smaltirlo.

Nel pasto serale invece, occorre privilegiare le proteine e le verdure a scapito dei carboidrati in quanto inizia la produzione dell’ormone GH (detto anche ormone della crescita) che favorisce l’aumento della massa magra.

Non tutti però riescono a mangiare ad orari regolari: chi fa i turni, chi ha orari sballati, chi in pausa pranzo va in palestra oppure ha poco tempo. A questo punto, bisogna apportare delle modifiche culinarie.

Se ti svegli tardi e sei abituato ad un caffè veloce, portati in ufficio un vasetto di yogurt da accompagnare alle super energizzanti bacche di Goji, mentre se in pausa sei abituato a fare sport devi mangiare qualcosa di leggero prima di allenarti e recuperare le forze dopo con un pasto semplice ma sostanzioso.
A cena, se rientri tardi, limita tantissimo i carboidrati e scegli alimenti proteici leggeri (per cui, niente carne di maiale) e verdure. Stop anche a bevande alcoliche e zuccherine.

Devi lavorare di sera? Prima di partire, per non appesantirti con un pasto che ostacolerebbe la concentrazione, mangia dei cereali come il riso che ha un lungo effetto saziante, accompagnato a un po’ di proteine e verdure.

TE’ PU’ER E SINDROME METABOLICA

Il tè Pu’er si ottiene da una varietà di Camelia sinensis a foglie grandi che viene coltivata nella zona di Pu’er, nello Yunnan in Cina: le foglie vengono essiccate e successivamente fermentate.

In uno studio condotto su 90 pazienti affetti da sindrome metabolica, sono stati assegnati ad un gruppo estratti di tè Pu’er ed all’altro capsule placebo.
Dopo 3 mesi di trattamento sono stati valutati l’indice di massa corporea, il rapporto vita-fianchi, i lipidi ematici e la glicemia: fra coloro che avevano assunto il tè Pu’er si è riscontrata una diminuzione di tutti questi parametri, compresi glucosio, colesterolo e trigliceridi, mentre in quelli che avevano assunto il placebo non son state registrate differenze significative.

Gli autori della sperimentazione osservano che il tè Pu’er possa contribuire a migliorare la sindrome metabolica.

Ricerca realizzata da associati a: Integration of Chinese and Western Medicine Laboratory of the First Hospital, Graduate School of Integration of Chinese and Western Medicine, Beijing Medical University, Cina.

Dimagrire con le bacche di goji

Più del 40% degli italiani ha problemi di peso: 2 italiani su 5 dovrebbero dimagrire. L’obesità comporta oltretutto problemi cardiovascolari, diabete, ipertensione, dislipidemie, problemi epatici, affezioni all’apparato respiratorio, gotta e soprattutto la sindrome metabolica.

La sindrome metabolica consiste nella ridotta tolleranza al glucosio e resistenza all’azione dell’insulina, sovrappeso, pressione arteriosa elevata ed alti livelli di colesterolo e trigliceridi.
Non dobbiamo sottovalutarla perchè da essa si passa al diabete tipo II ed alle malattie cardiovascolari.

La sindrome metabolica è causata dall’insulino-resistenza dovuta ad un eccesso di massa grassa; ciò dipende da un sovraccarico metabolico del fegato derivato da un’alimentazione sbilanciata in grassi animali. Il fegato viene ostacolato nella suo compito e si ha una maggiore disattivazione dell’insulina.

E’ importante quindi favorire la funzionalità epatica con una buona cura disintossicante e migliorare il drenaggio per eliminare più velocemente dal nostro corpo le tossine.

Sangalli ha formulato una serie di prodotti utilizzando come base le bacche di goji perchè rappresenta un valido alleato mentre si segue un regime alimentare per la riduzione del peso corporeo.
Il contenuto di vitamina B1 (tiamina) e di vitamina B3 (niacina) contribuisce al naturale metabolismo energetico, al normale funzionamento del sistema nervoso ed al sostegno spicologio, oltre a ridurre la stanchezza e l’affaticamento.
L’alto contenuto in polisaccaridi, aminoacidi, vitamina C, betacarotene con le loro proprietà antiossidanti, combatte l’invecchiamento cellulare e la produzione di radicali liberi.

Il goji, per il suo effetto energizzante, garantisce una generale sensazione di benessere dopo l’assunzione e lo troviamo in tutti gli integratori DimaGoji, che sono:

  • DimaGoji donna, indicato per l’equilibrio del peso corporeo e della fame nervosa. La particolare formulazione con estratti vegetali comprende il Citrus aurantium per un’azione sul metabolismo dei grassi e di stimolo metabolico, la Griffonia per il controllo del senso di fame ed il Cromo che contribuisce al normale metabolismo di lipidi, carboidrati e proteine.
  • DimaGoji peso, indicato per l’equilibrio del peso corporeo e della termogenesi. Il Fucus agisce sul metabolismo, il Tè verde favorisce il drenaggio dei liquidi corporei e lo Iodio che stimola la funzionalità della tiroide (controindicato quindi per chi ha problemi tiroidei).
  • DimaGoji ventre, polvere solubile composta da Betulla, Gramigna e Tarassaco per un’azione depurativa e drenante, mentre il finocchio, oltre ad essere digestivo e sgonfiante, favorisce la regolare motilità gastrointestinale e l’eliminazione dei gas, contrastando la tensione addominale.
  • DimaGoji drena, liquido conentrato per un’azione decisa di eliminazione dei liquidi in eccesso. Gli estratti fluidi presenti sono quelli del Tè di Giava (Ortosiphon), Pilosella, Tarassaco, Verga d’oro, Mais, Bardana e Salsapariglia.

Abbinare 2 o 3 prodotti della linea può essere l’arma vincente per risultati veloci  e duraturi. Personalizzare la modalità di intervento con prodotti dai differenti obiettivi ci permette di agire sui meccanismi metabolici giusti ed arrivare al risultato sperato.

Per raggiungere i propri scopi è necessario anche abbinare degli accorgimenti alimentari e di stile di vita.

Riattiva il tuo organismo

Sapete che il 40% delle tossine che assorbiamo a causa dell’inquinamento, di pesticidi, dei coloranti, dei conservanti, dei solventi, …penetrano all’interno dell’organismo attraverso la respirazione?
Il 10% di esse vengono assorbite dalla pelle, il resto si trova negli alimenti che consumiamo.
Sintomi quali il sentirsi stanchi, essere più sensibili alla minima infezione, avere problemi di digestione o soffrire spesso di mal di testa possono indicare che siamo al limite di quanto possiamo sopportare.

Quando va tutto bene, i nostri organi incaricati della pulizia, gli organi emuntori, filtrano le tossine e se ne liberano; il problema sorge quando la loro presenza supera un certo limite.
Gli organi purificatori non riescono più ad eliminarle e quindi le tossine si accumulano e disturbano il funzionamento normale dell’organismo che, sottoposto ad uno sforzotroppo gravoso, si indebolisce.
Questo fenomeno può comportare, a lungo termine, dei rischi per la salute.

E’ per questo motivo che è fondamentale sostenere e aiutare il nostro sistema di disintossicazione per un funzionamento più efficace, in modo da eliminare rapidamente queste sostanze nocive per l’organismo.

Colorazione giallastra della pelle? Gonfiore? Diarrea o stitichezza? Cefalea? Prurito? Fatica cronica? Indebolimento delle difese immunitarie?
Forse è il momento di disintossicare il fegato!

Il fegato è l’organo principale deputato alla disintossicazione di tutto l’organismo ed è per questo, continuamente sottoposto ad un superlavoro (pasti ricchi in grassi, addittivi alimentari, coloranti artificiali, aromi artificiali, pesticidi, alcool, inquinamento) che può portare ad un suo indebolimento.

Le possibili soluzioni:

  • Limitare il contatto con le tossine.
  • Combattere lo stress.
  • Alimentazione sana.
  • Esercizio fisico.
  • Effettuare cure disintossicanti.

Un ottimo prodotto depurativo è Metodren Fegato, composto da estratti secchi di carciofo, cardo mariano, tarassaco e melone dalle proprietà stimolanti, disintossicanti, antiossidanti e rigeneranti; si presenta in compresse da assumere preferibilmente lontano dai pasti.
Per coloro che vogliono un effetto più drenante ecco allora Metodren Detoxine, costituito invece da betulla, regina dei prati, carciofo, tarassaco, bardana, viola del pensiero, finocchio, tè verde, sambuco, tamarindo e mela.
E’ uno sciroppo da diuire in 1,5 l di acqua da bere durante la giornata e si presenta in due varianti: con fucus o senza fucus.
Il fucus è un’alga ricca di iodio capace di attivare il metabolismo stimolando la funzione tiroidea. E’ controindicato quindi per tutte quelle persone che hanno problemi alla tiroide.

Per venire incontro alle esigenze del pubblico, in modo che lo sciroppo possa esser gustato durante la giornata, Metodren Detoxine è disponibile in 5 gusti:

  1. Tè verde
  2. Pesca-Limone
  3. Mirtillo
  4. Mela (senza fucus)
  5. Litchi-Limone (senza fucus)

A voi la scelta!