argilla verde Archivi - Erboristeria Online | Officinalis Modena
Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

VOGLIO UN FISICO BESTIALE

Hai già prenotato le vacanze, ora non resta che dedicarti alla cura del tuo corpo per arrivare in spiaggia in splendida forma.

Per avere un fisico al top devi seguire semplici regole:

  1. Elimina la pancetta. Mettiti subito in riga; non puoi presentarti sotto l’ombrellone con la ciambella a livello del girovita.
    Metti in tavola più frutta e verdura, riduci i carboidrati, azzera l’alcol ed assumi prima dei pasti le capsule di Caffè Verde il cui acido clorogenico accelera il metabolismo ed attenua la fame.
  2. Fai uscire la tartaruga. Le donne spesso dicono che preferiscono l’uomo un po’ in carne però, chissà perchè, sul bagnasciuga notano sempre prima quelli con la tartaruga.
    Per scolpire gli addominali, devi avvalerti della consulenza di un personal trainer che ti sappia allenare correttamente in palestra e per aumentare la tonicità muscolare Kymasin Up è un integratore che contiene l’estratto di fieno greco, ottimo ricostituente e fortificante.
  3. Fatti bello. La cura del corpo fino a poco fa era una prerogativa del mondo femminile, ma ora sempre più uomini si rivolgono ai centri estetici per massaggi e trattamenti cosmetici.
    L’angolo SPA puoi ricrearlo anche a casa tua con pochi e semplici funzionali green: l’Olio di Jojoba è un ottimo idratante ed ammorbidente da spalmare dopo la doccia, l’Argilla Verde puoi utilizzarla per fare impacchi e maschere, mentre l’Olio Puro d’Argan è efficace come antiossidante ed antinvecchiamento.
  4. Leva il pelo. Dopo tanta fatica, devi mettere in mostra i risultati raggiunti. Elimina i peli dal petto e dall’addome con le Strisce Depilatorie Men Body No Hair Crew che garantiscono la pelle liscia fino a 3 settimane e se vuoi osare dappertutto, ricorri alla Crema Depilatoria Zone Intime Men Body No Hair Crew delicata sulla pelle ed indolore.

RIGENERA LA PELLE CON LO SCRUB

Fino a poco fa, nonostante fosse primavera, siamo state coperte con maglioni e jeans ed ora è giunto il momento di spogliarsi e goderci il sole.

Per beneficiare appieno dei raggi occorre eliminare smog e impurità che offuscano la pelle e darle finalmente una bella ossigenata.
Il semplice bagnodoccia non è sufficiente, meglio un peeling una volta alla settimana che rimuova le cellule morte e favorisca la rigenerazione.

Per il viso, a seconda del tipo di pelle, puoi scegliere tra la Maschera Scrub all’Argilla Verde capace di neutralizzare l’eccesso di secrezioni sebacee e contrastarne efficacemente l’untuosità, oppure la Maschera Gommage dalla formulazione più oleosa, i cui microgranuli asportano dolcemente le impurità.
Lo Scrub alla Crusca di Riso regala invece una sferzata di energia quando l’epidermide è particolarmente stanca e segnata.

Sul corpo è fantastico lo Scrub ai Cristalli di Zucchero Rosa di Quarzo in quanto l’azione meccanica delle piccolissime particelle levigano e stimolano il microcircolo, oppure Iodase Scrub che abbina l’effetto snellente dell’alga fucus ai granuli esfolianti che azzerano gli ispessimenti.

Le amanti del fai-da-te potranno sbizzarrirsi con la pura Argilla verde da miscelare ad oli vegetali quali l’Olio di Mandorle dolci, l’Olio di Avocado o l’Olio di Jojoba per purificare e nutrire l’epidermide, mentre l’aggiunta dei semi di Papavero lasciano la pelle levigata e soffice.

RICOMINCIAMO AD ALLENARCI

Complici le belle giornate, la primavera invoglia a fare più sport all’aperto. L’obiettivo sicuramente è quello di arrivare con un fisico al top in previsione della prova costume.
Ecco alcuni semplici consigli per raggiungere lo scopo e non incorrere in errori!

  1. Inizia gradualmente. Allenarsi subito a ritmi intensi può farti stancare velocemente ed abbandonare la causa.
  2. Tonifica la mente e fai il pieno di energia con le capsule di Goji ricche di minerali ed antiossidanti che aiutano anche a controllare la fame.
  3. Dopo l’esercizio fisico, reidratati. Nella bottiglietta d’acqua aggiungi 1 – 2 cucchiai di Effetto Drena che pulisce l’organismo ed elimina i liquidi in eccesso.
  4. Segna sull’agendina i giorni in cui fare i trattamenti anticellulite. La costanza è alla base di una buona riuscita, per cui non trovare scuse e ritagliati un po’ di tempo per te stessa.
    Il Fango Iodase Dren risulta molto efficace nel trattamento dermocosmetico degli inestetismi della cellulite, anche in presenza di una spiccata ritenzione di liquidi e di capillari delicati, grazie al suo piacevole effetto freddo. Ottimo per ridurre il senso di gonfiore e pesantezza alle gambe. Non cola, non sporca, non unge, si rimuove facilmente con una doccia tiepida.
  5. Tutte le sere massaggia generosamente la Cremagel VegeVen che agisce efficacemente sulla circolazione e dona sollievo immediato.

In caso di traumi e contratture, ricorri ad impiastri di Argilla Verde seguiti da massaggi con l’Unguento Arnica Forte dall’effetto antidolorifico, analgesico locale e decongestionante e ricomincia ad allenarti solamente quando sarà passata l’infiammazione.

 

MALESSERI POST VACANZA

Non sempre le vacanze finiscono bene. Stanchezza, doloretti e problemini vari possono determinare un rientro faticoso e snervante.

  • MAL DI TESTA. Capita sempre più spesso che quando si stacca la spina subentra l’emicrania in quanto il relax forzato mette ancor più a dura prova la mente. Prova a distendere i nervi con le gocce di Lavanda TM, utili anche per le cefalee.
  • DOLORI. Le lunghe passeggiate in montagna o sulla battigia possono aver indolenzito le gambe e la schiena. Se riesci, attenua l’infiammazione con gli impiastri di Argilla Verde, altrimenti ricorri alla Pomata di Arnica per i problemi muscolari.
  • STANCHEZZA. Ma si può tornare più stanchi di prima? Ebbene sì! Ricaricati con Nutrisprint , fialette da bere contenenti Rodiola come pianta adattogena e Matè e Guaranà che danno energia.
  • OTITE. I bagni in piscina e al mare possono scatenare la temuta “otite del nuotatore”, un’infiammazione del lume dell’orecchio che si manifesta con dolore, prurito e calo dell’udito. Non disperare! Applica mattina e sera le gocce di Verbasco Composto direttamente nel condotto uditivo che attenuano velocemente i fastidi auricolari.
  • PROBLEMINI INTIMI. Cistiti e candidosi sono un mal comune a tante donne perché l’ambiente umido che si crea facilmente nella zona dei genitali promuove l’attacco di funghi, batteri e virus. Risolvi irritazioni e bruciori con i Semi di Pompelmo EST che disinfettano e neutralizzano i patogeni.
  • COLON IRRITABILE. Il cambio di alimentazione e dei ritmi comporta un notevole stress all’intestino che così comincia a fare i capricci. Bio-Strath è un integratore a base di plasmolisato di lievito vegetale in grado di migliorare l’apparato gastrointestinale e rafforzare il sistema immunitario contro gli attacchi virali.

SINDROME DEL TUNNEL CARPALE

Il nervo che collega il polso alla mano e che dà sensibilità e movimento si chiama mediano, mentre la zona attraversata è denominata “tunnel del carpo”. Quando si ha la compressione di tale nervatura con relativa sensazione di formicolii, crampi e dolori durante i movimenti alle dita o al palmo si dice che si soffre della sindrome del tunnel carpale.

Le cause sono riconducibili a gesti ripetitivi del polso o della mano soprattutto durante l’attività lavorativa; ad esempio, chi scrive spesso al computer soffre di indolenzimenti a una o ad entrambe le articolazioni per continua sollecitazione e tensione.
Tendenzialmente ne vanno più soggette le donne.

Occorre intervenire in tempo con qualche accorgimento per evitare che la situazione peggiori.
Oltre ai tutori o ai cuscinetti da utilizzare quando si batte sui tasti del pc, è bene fare degli impacchi di Argilla Verde per attenuare l’infiammazione: si prepara una cremina amalgamando argilla e acqua in una ciotola e la si spalma sulla zona dolorante. Una volta asciugata, si lava il tutto sotto l’acqua corrente e si massaggia poi la Pomata all’Arnica ad attività antidolorifica ed antinfiammatoria.

Alcuni studi inoltre, hanno dimostrato che l’assunzione per almeno 3 mesi di vitamina B-6 (piridossina) allevia parecchio i sintomi della sindrome del tunnel carpale in quanto si è notato che chi ne soffre, manifesta una sua carenza.

VUOI FARE UNA MASCHERA ALL’ARGILLA?

Preparare una maschera al viso è una beauty routine conosciuta ed eseguita fin dai tempi antichi. La materia prima utilizzata era l’argilla lavorata con acqua ed essenze profumate per ridare più luce e freschezza al volto.
Ancora oggi questo è un eccezionale trattamento di bellezza capace di eliminare le impurità, le tracce di smog, i residui del trucco, rivitalizzare la pelle ed attenuare le rughe.

L’argilla è una polvere minerale estratta dalle rocce o di origine vulcanica ricca di minerali quali silice, ferro, alluminio, calcio, magnesio, potassio, rame ed altri ancora che, tramite uno scambio osmotico a livello cellulare, permette la penetrazione di tali nutrienti nel derma e la fuoriuscita di sebo ed impurità.

In natura esistono vari tipi di argilla: bianca, verde e rossa sono le più comuni e maggiormente reperbili, e la differenza di colore sta nella loro composizione minerale.
L’Argilla Bianca o Caolino è la più delicata per cui più indicata per le maschere facciali su pelli secche, reattive o con couperose, quella Verde (più ricca di calcio) è più aggressiva e quindi preferita per le pelli grasse e seborroiche che necessitano di una maggiore purificazione, mentre quella Rossa o Ghassoul  (più ricca di ferro e rame) è indicata per le dermatiti e come antinfiammatorio.
Le ultime due inoltre vengono utilizzate anche per gli impiastri per il corpo: la verde ha un elevato potere assorbente ed è la base dei trattamenti anticellulite, la rossa invece è un vero toccasana per le articolazioni doloranti grazie alla presenza del rame.

La preparazione è uguale per tutte le argille: va miscelata ad acqua fresca o tiepida fino ad ottenere una cremina morbida ed omogenea, che non abbia dei grumi in quanto si farebbe fatica a stendere, ma nemmeno troppo liquida perchè non resterebbe sulla pelle.

Prima di applicarla è opportuno detergere il viso (ad esempio con il Latte Detergente e Tonico), stenderla in modo omogeneo e lasciarla asciugare per 10-15 minuti non di più perchè potrebbe seccare troppo il derma.

RUGHE DA STRESS

Quando lo stress ci travolge possiamo manifestare situazioni di sofferenza a livello dermico con arrossamenti, brufoli, ma soprattutto con le temutissime rughe.

In determinate condizioni di affaticamento psico-fisico nel sangue si ha un accumulo di cortisolo, ovvero l’ormone dello stress, prodotto dall’ipofisi che scatena meccanismi di difesa antiestetici perchè la pelle manifesta le emozioni che proviamo e che non riusciamo a controllare.

Nell’uomo è molto probabile che si abbia la formazione di ingrossamenti piliferi nella barba, con conseguenti infiammazioni e produzione di pus.

Se sai di avere davanti un periodo molto stressante sul lavoro o in famiglia, fai una cura con piante adattogene come la Tintura Madre di Passiflora che favorisce il rilassamento oppure con il fungo Reishi (conosciuto anche come Ganoderma) che aiuta l’organismo a ritrovare l’equilibrio, senza tralasciare le vitamine B-2 ed E combinate con gli aminoacidi contenuti nell’Oxistress DNA.

Sul viso invece occorre spalmare prodotti cosmetici specifici a seconda del problema.
In caso di brufoli e pelle impura puoi fare una maschera di pulizia a base di Argilla verde, mescolando un po’ d’acqua con qualche cucchiaino di questa polvere finissima che ha la capacità di purificare il derma ed astringere i pori eccessivamente dilatati.
Dopo aver lavato l’impiastro, applica la Crema Specifica Pelle Grassa e Impura a base di bardana e rosmarino che tendono a normalizzare ed a contenere l’eccesso di sebo quotidianamente.

Per evitare che il tuo volto si accenda come un semaforo è necessario intervenire con il Siero Concentrato al Bioplasma Marino da utilizzare come base e sopra la Crème Jour ViKurage Riche: il primo riduce l’infiammazione e  prepara la pelle alla crema che invece svolge un’efficacissima attività antiarrossamento.

Come antirughe, i cosmetici a base di acido ialuronico risultano tra i più efficaci. Massaggia generosamente sul volto la Crema Viso Jalurage che favorisce la produzione di collagene e per non spegnere il tuo sguardo applica intorno agli occhi il Filler Jalurage che appiana istantaneamente tutte le rughette ed i segni di espressione.

ARTROSI ALLE MANI

Hai difficoltà a cucire un bottone o ad infilare un ago? Le dita delle mani sono rigide ed intirizzite già dal mattino? Provi calore o noti del gonfiore a livello di mani e  polsi? Potrebbe essere un inizio di artrosi alle mani.

Soprattutto dopo una certa età, è facile che subentri un’infiammazione dolorosa alle mani che ostacola il normale svolgimento dei lavori di casa e progressivamente può degenerare creando deformità alle dita. Ciò avviene perchè si consumano le cartilagini che rivestono le ossa e le donne ne vanno più soggette perchè hanno le articolazione più piccole rispetto all’uomo.
E’ inutile dire che chi fa lavori manuali è più a rischio, ma anche gli sportivi e tutti coloro che hanno già una predisposizione genetica per questo problema.

Quando si comincia ad avere qualche doloretto è bene agire con degli antinfiammatori naturali come le compresse di Arpagodol dove l’Artiglio del diavolo abbinato al Metolose (un polimero naturale gastroresistente) è maggiormente efficace ed attivo per donare immediato sollievo.
Da protrarre anche per tutto il periodo autunnale, consiglio l’abbinamento di MG Ribes nero da assumere al mattino, e MG Pino la sera, per contrastare l’insorgere di ulteriori infiammazioni e proteggere le articolazioni.

Marine Cartilage contiene 15% di condroitinsolfato, oltre alla gluosamina ed al calcio, fondamentali per irrobustire le cartilagini e le ossa.

In caso di sindrome del tunnel carpale, bisogna aggiungere alla dieta alimentare la Vitamina B-6 (o piridossina) perchè è proprio la sua carenza a favorire questa condizione; alcuni studi hanno dimostrato che il suo apporto è in grado di alleviare i sintomi nell’85% dei casi.

L’argilla poi è sempre utile: un bell’impacco di Argilla verde accelera la guarigione, ed una volta lavata, sulle mani e sui polsi occorre applicare la Pomata AR per attenuare il dolore.

L’importante è non stare fermi durante il giorno con le mani: fare degli esercizi per sciogliere le articolazioni (circonduzione con i polsi, muovere le dita, aprire e chiudere le mani a pugno,…) ed inoltre evitare di affaticarvi troppo nei lavori domestici cioè non insistere se siete doloranti ma fate delle pause, non caricatevi eccessivamente con le buste della spesa e se scrivete al computer ogni tanto fate ginnastica alle dita.

GOMITO DEL TENNISTA

L’epicondilite o gomito del tennista è un malessere di cui soffrono tante persone che usano molto le braccia (per cui, non solo i tennisti!).

Se gochiamo a racchettoni in spiaggia e sovraccarichiamo il gomito, i tendini adiacenti agli epicondili laterali o esterni s’infiammano e se continuiamo a giocare sopportando il dolore, potremmo aggravare il trauma.

L’epicondilite può manifestarsi con movimenti bruschi o poco controllati nella vita di tutti i giorni. Le signore che vanno a fare la spesa e portano pesi in maniera maldestra, ma anche in autobus col braccio in tensione nella presa della maniglia devono fare attenzione.
I sintomi si avvertono con fastidi durante i movimenti ripetuti del polso ed il dolore si propaga al braccio e talvolta anche alla mano. In alcuni casi il dolore si può avvertire anche con il braccio a riposo oppure di notte.

Come terapia naturale si possono fare degli impacchi d’argilla verde per contrastare l’infiammazione: uno spessore omogeneo d’argilla da tenere in posa per un’oretta o tutta notte migliorerà la situazione; dopo aver lavato via l’impiastro è bene massaggiare la pomata di arnica oppure il gel freddo di arnica, in quanto l’arnica è un’ottima pianta antinfiammatoria muscolare e gli olii essenziali che arricchiscono il preparato aiutano ad alleviare fin da subito il dolore.
Chi invece gradisce un massaggio più intenso, può ricorrere all’olio di arnica che dovrà essere cosparso bene e lasciato assorbire.

In ogni caso, se soffriamo di epicondilite:

  • è  bene sospendere l’attività sportiva che comporta l’utilizzo del braccio;
  • non far lavorare troppo il gomito, ma non lasciarlo nemmeno immobile;
  • alla prima comparsa dell’indolenzimento, mettere subito del ghiaccio;
  • usare una benda o una guaina elastica per comprimere la zona lesionata;
  • quando possibile, alzare il gomito al livello delle spalle per prevenire o diminuire il gonfiore.
Serve aiuto? Contattaci