antifungini Archivi - Erboristeria Online | Officinalis Modena
Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

PROPOLI, UN RIMEDIO ANTICO MA SEMPRE EFFICACE

La propoli è una resina naturale prodotta dalle api che la elaborano partendo dal polline dei fiori; per questo motivo molti la considerano un prodotto vegetale, in quanto la maggior parte delle sostanze in essa contenute arriva dalle piante.
E’ utilizzata dall’uomo da migliaia di anni ma nel nostro recente passato ha conosciuto un momento di oblio dovuto all’avvento della medicina farmacologica.
Oggi è tornata di moda, spinta dalla ricerca di prodotti naturali, anche grazie alla sua incontestabile efficacia.

La propoli ha azione antibatterica, antivirale, antifungina, antinfiammatoria, antiossidante e stimolante del sistema immunitario.
E’ molto utilizzata per il mal di gola e per le malattie da raffreddamento ma è altrettanto importante per la salute della pelle. Si può utilizzare la Propoli Pomata oppure mescolare alcune gocce di Propoli alcolica o Propoli analcolica ad una Crema Neutra per tutte le forma di infezione batterica: acne, foruncoli, unghie incarnite, ma è anche utile in caso di eczemi, dermatiti, irritazioni di vario genere che trovano giovamento grazie all’azione decongestionante ed antinfiammatoria della propoli.

In Italia si consumano grandi quantitativi di propoli, ma la maggior parte arriva dalla Cina.
La propoli cinese è prodotta dalle api con il polline dei fiori locali, molto lonatani da quelli del nostro habitat. Inoltre viene fusa ad alta temperatura per essere confezionata in pani che poi affrontano il lungo viaggio fino all’Europa chiusi in fusti fatiscenti, rendendo necessario un complesso trattamento di purificazione prima dell’utilizzo.
E’ ovvio che tutto questo danneggia i suoi principi attivi e rende il prodotto più scadente, anche se viene dichiarato il titolo in galangina. La galangina è un bioflavonoide responsabile della colorazione dei fiori e dei frutti ed ha azione antinfiammatoria, antiossidante e antibatterica.

Bisogna tener presente che una propoli mediocre può essere addizionata con galangina ottenuta da altre fonti per aumentarne apparentemente la qualità.
La cosa migliore è utilizzare propoli italiana che è la più controllata, quella che subisce meno trattamenti e meno spostamenti mantenendo infatti i principi attivi.
La qualità della propoli è fondamentale, soprattutto quando viene somministrata ai bambini.

L’ANTIBIOTICO NATURALE

La propoli è una resina scura ed appiccicosa che le api raccolgono dalle gemme e dalle cortecce degli alberi e che elaborano tramite enzimi e secrezioni salivari. La composizione chimica ed il suo colore variano a seconda del tipo di pianta da cui viene raccolta.

Le piante utilizzano questa resina per cicatrizzare le proprie lesioni, proprio come quando noi ci facciamo male e sulla ferita si forma la crosticina. A questo punto arrivano le api, che con le mandibole ne staccano dei piccoli pezzettini, ne fanno delle pallottoline che depositano nelle sacche delle zampe e poi tornano nell’alveare.

La propoli raccolta viene impiegata per proteggere l’alveare dagli agenti atmosferici esterni ed anche dai parassiti (o da elementi estranei) che tentando di entrare, restano incollati e muoiono. Tale resina quindi, isola l’alveare in modo che nessuno possa altrare l’habitat naturale e che non si propaghino infezioni.
L’uomo per raccogliere la propoli sovrappone all’arnia una griglia che verrà opportunamente rivestita dalle api come se facesse parte dell’alveare, oppure per raschiamento dell’arnia stessa.

Utilizzata fin da tempi antichi per le sue proprietà antibiotiche, sia nei confronti di batteri che di virus e funghi, la propoli ha attività cicatrizzanti e stimolanti le difese immunitarie, soprattutto grazie alla presenza dei flavonoidi.

La Propoli idroalcolica 33% è quella ad effetto immediato e si presenta in gocce concentrate da diluire in acqua o da assumere direttamente in bocca. Puoi utilizzarla anche come disinfettante locale ricordandoti che la sua base alcolica provocherà un momentaneo bruciore.

Esiste anche la versione in polvere (Propoli polvere 50%) che è dispersibile e facilmente miscelabile: questa versione può essere utilizzata pure in veterinaria nel caso i nostri animali domestici abbiano problemi di origine virale o batterica.

La propoli è priva di controindicazioni, si può utilizzare nei bambini al di sopra dei 3 anni e può essere somministrata anche durante terapie farmacologiche.

AL MARE E IN PISCINA, ATTENTI ALLE VERRUCHE

Quando siamo in vacanza amiamo camminare senza scarpe, in completo relax, magari ai bordi della piscina o quando andiamo a farci la doccia negli stabilimenti balneari. Frequentando questi ambienti caldo-umidi è facile che la pelle si maceri e si creino piccole fessure che favoriscono la formazione di verruche.

La verruca è determinata da un sottotipo del Papillomavirus che si insedia soprattutto nei piedi tramite dei piccoli tagli o lacerazioni che possono esser provocati anche da uno sfregamento eccessivo della pelle, oppure grazie all’utilizzo di infradito che espongono il piede e non lo proteggono.

Si presenta di forma tondeggiante, biancastra o bruna con dei puntini neri all’interno e può essere anche dolorosa. La verruca può venir confusa con un callo, in quanto simili di colore e forma, ma si può manifestare lontano dai punti di appoggio per cui anche nella parte più centrale di mani e piedi, interrompendo le pieghe naturali della pelle.

Un errore che comunemente si tende a fare è quella di grattarla via rischiando così di infettare altri parti limitrofe; invece bisogna utilizzare direttamente sulla verruca l’olio essenziale di Manuka oppure l’olio essenziale di Tea tree. Entrambi sono antibatterici, antifungini e disinfettanti, ed utilizzati quotidianamente (mattino e sera) riescono a sconfiggerla.
Il tempo di guarigione varia a seconda della profondità in cui si è insediato il virus, per cui non aspettatevi che in pochi giorni passi tutto!

Nel frattempo, puoi contiunare a fare il bagno e a prendere il sole, ma ricopri il lettino con un telo in modo che, chi eventualmente dovesse appoggiarsi, non venga contagiato; inoltre, asciuga per bene le infradito o le ciabattine da mare così da evitare che il virus prolifichi.

Serve aiuto? Contattaci