angelica radice Archivi - Erboristeria Online | Officinalis Modena
Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

NIENTE PIU’ AFTE IN BOCCA

Le afte sono delle piccole lesioni che si formano all’interno della bocca causando dolore mentre si parla o si mangia.
Come riconoscerle? Sono piccole abrasioni dolorosissime quando vengono a contatto con saliva o cibo e non sono contagiose.

Se capitano sporadicamente può essere dovuto a qualche alimento ingerito a cui si è intolleranti o a effetti secondari di farmaci assunti; se la cosa si ripete con una certa ciclicità allora siamo in presenza di un calo delle difese immunitarie dovuto a stress o carenze di micronutrienti.

Come trattarle? Quando la causa è dovuta all’alimentazione o ad integratori occorre purificare il fegato con le compresse di EPAKeep in cui Schisandra, Amla, Berberis e Fillanto stimolano le capacità intrinseche di detossificazione limitando l’impatto delle sostanze pericolose per gli equlibri biologici locali e sistemici.

Presta maggiore attenzione a ciò che mangi ed inserisci nella dieta una Tisana purificante e drenante così composta:

Si prepara come decotto facendo quindi bollire 1 cucchiaio di questa miscela in una tazza d’acqua per circa 5 minuti poi si lascia riposare per almeno 10 minuti.

Le afte possono essere invece un segnale di forte stress. Nell’integratore Micosan Somax il fungo Hericium contribuisce a ripristinare il normale funzionamento del sistema nervoso e immunitario ed assieme alle vitamine B 6 e B 12 contrasta i cali psicologici.
Florase Colon Help è indispensabile per pulire l’intestino da tutte le scorie grazie alla presenza dell’alga Chlorella, la Boswellia ha azione antinfiammatoria ed i fermenti favoriscono la ripresa dell’organismo.

Ad uso topico, grande importanza ha Gastropasta Remargin Colostrum in cui l’Aloe e gli oli essenziali disinfettanti stimolano la rigenerazione dei tessuti lesi ed accelerano la guarigione.

 

 

 

 

PIU’ LO MANDI GIU’ E PIU’ RITORNA SU

Quasi un italiano su due soffre di reflusso gastroesofageo, cioè il ritorno di cibo e succhi gastrici dallo stomaco all’esofago provocando forti bruciori.

Tra questi due organi c’è il cardias, un anello muscolare che permette il passaggio del cibo verso il basso e, contraendosi subito dopo, ne evita la risalita (tranne in caso di vomito).

In coloro che soffrono di reflusso, questo muscolo non si contrae correttamente e quindi si accusa il ritorno di succhi gastrici verso l’alto.

Quali sono le cause? Le cattive abitudini alimentari (mangiare troppo o di fretta, consumare cibi grassi, caffè, alcolici, bevande gassate) ma anche l’abuso di farmaci (come gli antinfiammatori) o la presenza di Helicobacter pylori possono favorire l’insorgenza di tale patologia.

Il reflusso talvolta si manifesta anche con una sensazione di acido in bocca, oppure con tosse cronica o con raucedine.
Non bisogna trascurarlo perchè col tempo può cronicizzare e diventare particolarmente serio.

I farmaci che tendenzialmente vengono più utilizzati sono gli inibitori della pompa protonica i quali bloccano la secrezione dei succhi gastrici, oppure gli antiacidi che neutralizzano appunto l’acido nello stomaco; entrambe le tipologie medicinali però, oltre a non risolvere il problema, presentano effetti collaterali.

Meglio possono fare le erbe! Per prima cosa occorre resettare le vecchie abitudini alimentari, quindi rieducare la flora batterica con i fermenti lattici vivi e vitali AxiDophilus, mentre dopo i pasti principali, decotti a base di Zenzero, Liquerizia ed Angelica.

Un rimedio strong da prendere al momento del bisogno è Gastrokey, compresse contenenti Triphala e Scutellaria che ridanno benessere allo stomaco, ma se il sintomo interessa l’esofago e la bocca è indicato il Miele di Manuka capace di contrastare anche l’Helicobacter pylori.

Gli anziani possono intraprendere una cura dolce con la gemmoterapia: le gemme del Fico addolciscono le mucose e non interagiscono con i medicinali.

Serve aiuto? Contattaci