altea Archivi - Erboristeria Online | Officinalis Modena
Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

LO ZUCCHERO CHE VA BENE PER LA CISTITE

Potrebbe essere un controsenso ed invece non lo è! Ebbene sì, c’è uno zucchero di origine vegetale che risulta utilissimo per combattere le cistiti.
Si tratta del D-Mannosio, un antibiotico naturale capace di ostacolare l’attecchimento dei batteri alle pareti delle vie urinarie.

Quando può essere impiegato?

  • In prevenzione ai cambi di stagione, nei momenti di stress o dopo le abbuffate alimentari delle feste.
  • Al momento del bisogno, soprattutto ai primi fastidi senza aspettare che la situazione peggiori.

Come si trova in commercio?

  • Bustine CistActive Forte da scioglierne 1-2 al giorno in acqua; oltre al D-mannosio sono presenti il Mirtillo rosso (Cramberry), il Ribes nero, la Malva ed il Finocchio.
  • Compresse CistActive Forte di cui se ne assumono 1-2 al giorno lontano dai pasti che contengono, oltre al D-Mannosio ed al Cranberry, anche l’Uva ursina, il Coleus e la Betulla.
  • Concentrato Fluido CistActive Forte da diluire in una bottiglia grande di acqua; in questo caso troviamo D-Mannosio e Mirtillo Rosso assieme a Malva, Altea, Ortosiphon, Spirea, Mirtillo nero ed i fruttooligosaccaridi.

Tutti risultano utili anche all’universo maschile.

AL RIPARO DALL’INFLUENZA

Si può prevenire l’influenza con le cure naturali? Certo che sì! Ed è proprio questo il momento giusto per cominciare.
Per mantenere attivo il sistema immunitario devi fornire all’organismo le sostanze necessarie per combattere i patogeni.

L’Echinacea è una radice in grado di aumentare la resistenza alle infezioni; non è indicata però per chi soffre di malattie autoimmuni (es. artrite reumatoide) ovvero coloro che hanno un’avversa reazione del sistema immunitario che, invece di difendere l’organismo ne promuove l’aggressione. Meglio allora la corteccia di Uncaria, ottima come antivirale e antibatterica.

La vitamina C (C Complex 1000) protegge le cellule dall’ossidazione ed entra in sinergia con i principi attivi fitoterapici per garantirne i benefici.

Una difesa completa si può avere con Nutridef Adulti in cui il fungo Shiitake è immunomodulante, Astragalo e Schisandra rinforzano le barriere, Zinco e Rosa canina proteggono le prime vie aeree ed i lactobacilli aiutano la microflora come scudo per i virus gastrointestinali.

I malanni autunnali iniziano molte volte col mal di gola che, di per sè, non è una malattia, ma un disturbo che se non trattato può degenerare.
Preparati un decotto a base di radici di Altea, ricche di mucillagini emollienti e deglutisci mattina e sera le Gocce Alcoliche di Propoli che disinfettano rapidamente.

Insegnanti e addetti alle vendite rappresentano la categoria di oratori che sforzano tantissimo le corde vocali. Per proteggerle e non restare senza voce è straordinaria la TM di Erisimo capace di scongiurare l’afonia, mentre le Pastiglie PropGola con olio essenziale di Menta aiutano a calmare il dolore ed evitano la secchezza orale.

STOMACO IN SALUTE

Soffrire di pancia gonfia, bruciori e acidità può essere la conseguenza di un momento di stress o la reazione a qualcosa che abbiamo mangiato. La cosa più semplice che tanti fanno è quella di assumere antinfiammatori e gastroprotettori, ma a lungo andare anche questi fanno male.

La fitoterapia è in grado, non solo di alleviare i malesseri, ma anche di curare la causa scatenante (sempre che a monte non ci siano patologie gravi) e dire addio ai farmaci.

  • GONFIORE. Molte donne si sentono gonfie ed appesantite anche se mangiano piatti leggeri. Scongiurate intolleranze a lattosio e glutine, il problema è dovuto a cattiva digestione e pigrizia intestinale.
    Prima di colazione è bene assumere i fermenti lattici Axidophilus che ripopolano la microflora per scomporre meglio i cibi e renderli più digeribili.
    Dopo i pasti, bevi tisane sgonfianti a base di semi di Finocchio selvatico, Anice Stellato e foglie di Menta dolce oppure sciogli una bustina di Nutriregular in cui lo Zenzero favorisce anche il transito.
  • ACIDITA’. La produzione di acidi nello stomaco è fondamentale per poter digerire bene gli alimenti, oltre ad essere una potente barriera contro i patogeni che non sopportano tale acidità. A volte però, la parete dello stomaco può irritarsi e scatenare bruciori.
    Le compresse masticabili PeGastrit contenenti estratto di Fico d’India e Broccoli hanno azione antinfiammatoria, mentre le mucillagini di Malva ed Altea leniscono le mucose.
    E’ necessario inoltre basificare l’ambiente gastrico con Super Basic a base di polvere di Baobab che agisce favorevolmente sul mantenimento del fisiologico equilibrio acido-base.
  • REFLUSSO. La digestione lenta e la risalita del cibo con conseguente irritazione della faringe, dolore e tachicardia soprattutto quando ci si sdraia, sono i sintomi del reflusso gastroesofageo.
    L’Estratto Concentrato di Zenzero addolcisce le pareti dello stomaco e contrasta efficacemente la nausea. Se è presente il batterio Helicobacter pylori, puoi neutralizzarlo deglutendo un cucchiaino di Miele di Manuka 400 MGO prima di ogni pasto; tale rimedio è un potente antisettico che riveste le mucose ed apporta immediato beneficio.

UNA TAZZA D’ALTEA

L’Althaea officinalis L. è una pianta erbacea dalle virtù terapeutiche eccezionali apprezzate in ambito erboristico, ma anche in campo cosmetico nella preparazione di saponi e creme.
Appartenente alla famiglia delle Malvaceae, cresce in luoghi umidi e può raggiungere un’altezza di circa 1,5 m; è rivestita da peli densi che le conferiscono un aspetto bianco e vellutato, i fiori hanno petali bianco-rosati ma è la radice decorticata la parte più utilizzata in quanto ricca di mucillagini ad attività antinfiammatoria ed emolliente.

Etimologicamente parlando, il termine Althaea deriva dal verbo greco althein che significa “guarire”, mentre officinalis deriva da opificina e indica l’officina, il luogo in cui si producono i medicamenti.

Le mucillagini contenute nella radice hanno la capacità di trattenere i liquidi in modo da favorire l’azione drenante sui tessuti infiammati. Per tale motivo l’Altea viene utilizzata per curare stomaco e intestino, svolge un’efficace azione anticatarrale e antitussiva capace di sedare le tossi secche e stizzose, ed inoltre trova impiego sottoforma di sciacqui e gargarismi per il cavo orofaringeo.

La radice di Altea viene inserita nelle tisane lassative in quanto le mucillagini assorbono e trattengono i liquidi enterici rendendo la massa fecale più morbida e più voluminosa, facilitando lo svuotamento e stimolando la peristalsi intestinale.

 

 

Serve aiuto? Contattaci