Altea radice Archivi - Erboristeria Online | Officinalis Modena
Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

NIENTE PIU’ AFTE IN BOCCA

Le afte sono delle piccole lesioni che si formano all’interno della bocca causando dolore mentre si parla o si mangia.
Come riconoscerle? Sono piccole abrasioni dolorosissime quando vengono a contatto con saliva o cibo e non sono contagiose.

Se capitano sporadicamente può essere dovuto a qualche alimento ingerito a cui si è intolleranti o a effetti secondari di farmaci assunti; se la cosa si ripete con una certa ciclicità allora siamo in presenza di un calo delle difese immunitarie dovuto a stress o carenze di micronutrienti.

Come trattarle? Quando la causa è dovuta all’alimentazione o ad integratori occorre purificare il fegato con le compresse di EPAKeep in cui Schisandra, Amla, Berberis e Fillanto stimolano le capacità intrinseche di detossificazione limitando l’impatto delle sostanze pericolose per gli equlibri biologici locali e sistemici.

Presta maggiore attenzione a ciò che mangi ed inserisci nella dieta una Tisana purificante e drenante così composta:

Si prepara come decotto facendo quindi bollire 1 cucchiaio di questa miscela in una tazza d’acqua per circa 5 minuti poi si lascia riposare per almeno 10 minuti.

Le afte possono essere invece un segnale di forte stress. Nell’integratore Micosan Somax il fungo Hericium contribuisce a ripristinare il normale funzionamento del sistema nervoso e immunitario ed assieme alle vitamine B 6 e B 12 contrasta i cali psicologici.
Florase Colon Help è indispensabile per pulire l’intestino da tutte le scorie grazie alla presenza dell’alga Chlorella, la Boswellia ha azione antinfiammatoria ed i fermenti favoriscono la ripresa dell’organismo.

Ad uso topico, grande importanza ha Gastropasta Remargin Colostrum in cui l’Aloe e gli oli essenziali disinfettanti stimolano la rigenerazione dei tessuti lesi ed accelerano la guarigione.

 

 

 

 

PIANTE PER IL GONFIORE ED IL REFLUSSO

Un problema sempre più diffuso nel mondo moderno è quello legato all’apparato digerente: meteorismo, gastrite e reflusso sono sinonimi di un suo cattivo funzionamento.
Lo stomaco è un organo in grado di accogliere il bolo alimentare e di scinderlo in molecole più piccole grazie all’intervento di acidi ed enzimi; alcune sostanze più semplici (alcol, acqua e zuccheri) vengono assorbite immediatamente, mentre le restanti scendono nell’intestino per essere poi scomposte ulteriormente.

Lo stress a cui siamo sottoposti quotidianamente rallenta il transito del cibo, riduce la formazione degli enzimi digestivi e determina iperacidità ed infiammazione dello stomaco. Lo stile di vita frenetico che genera ansia e tensione, il consumo di cibi di qualità più scadente, l’utilizzo di farmaci ed antibiotici ed infine la sedentarietà sono le cause principali.

Prima di prendere rimedi a caso, occorre capire qual è il problema.
La cattiva digestione o dispepsia è dovuta al rallentamento della funzionalità dello stomaco con relativo senso di pienezza e bruciore. Tutti gli esperti dell’alimentazione consigliano di masticare molto lentamente in quanto una prima demolizione del cibo avviene proprio in bocca ad opera della saliva e dei suoi enzimi.
Possono essere utili:

Lo stomaco è ricoperto da una mucosa che ha lo scopo di proteggere dall’acidità ma quando stress, abuso di alcol e sigarette, cibi irritanti e farmaci aumentano la produzione di acido, si infiamma e si genera la gastrite. In questo caso, servono piante ricche di mucillagini come la Malva fiori e foglie e l’Altea radice o addolcenti come la Camomilla fiori.

Il reflusso è determinato dalla non chiusura dello sfintere gastroesofageo con conseguente ritorno del contenuto gastrico nell’esofago; lo stomaco infatti non si svuota ed il cibo che ristagna fermenta producendo gas acidi che risalgono verso l’alto. Le radici di Zenzero come procinetico e di Liquerizia trovano un valido impiego per tale disturbo con ottimi benefici sulla mucosa.

Serve aiuto? Contattaci