alitosi Archivi - Erboristeria Online | Officinalis Modena
Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

PER UNA BOCCA SANA

Dalla bocca passano alimenti e bevande ma anche batteri, virus e microrganismi vari che possono causare diversi problemi a denti, gengive e mucose.

La piorrea è un’infiammmazione caratterizzata dalla formazione di sacche batteriche che indeboliscono gengive e denti, causata molte volte da una scarsa igiene orale che favorisce la stratificazione di cibo e sostanze varie. Ciò comporta lo sviluppo dell’infezione con conseguente riduzione delle gengive, dolore e perdita di denti.
Un’efficace pulizia è il primo step da seguire: la Pasta Dentifricia OS Remargin a base di Colostro e Limone igienizza e previene la formazione di placca e tartaro.
Per rinforzare invece le gengive, occorre fare un trattamento di almeno 2 mesi con gli oligoelementi Manganese-Rame (Oligolito DIA 2) e Rame-Oro-Argento (Oligolito DIA 4), da assumere a giorni alterni.
Attenzione infine all’alimentazione: è bene limitare il consumo di zuccheri (pane, pasta, dolci ma anche bibite, caramelle e chewing gum), alcolici e sigarette; è consigliabile inoltre una sana attività fisica.

Quando palato, gengive o la parete interna di guance e labbra cominciano a far male, è probabile la presenza di afte, ovvero ulcerazioni delle mucose che causano fastidio e dolore.
Le afte possono verificarsi in concomitanza di forte stress ed abbassamento delle difese organiche, ma anche dopo un’indigestione, un’allergia alimentare, una morsicatura accidentale, la deglutizione di cibo bollente o l’uso di alcuni farmaci.
Un eccellente toccasana è il Colluttorio Os Remargin indicatissimo per sciacqui e gargarismi, dove gli estratti di Aloe e Colostro promuovono la riepitilizzazione mentre Limone e semi di Pompelmo sanificano l’ambiente.
In favore del sistema immunitario, puoi assumere 40 gocce tre volte al giorno di EIS Difese a base di Echinacea, Aloe, Astragalo ed altri estratti vegetali.

Il calo delle difese sviluppa talvolta la comparsa della cosiddetta “febbre” sulle labbra: si tratta della colonizzazione di tale zona da parte del virus Herpes simplex che trova terreno fertile anche dopo intense esposizioni al sole o durante il ciclo mestruale.
Sull’herpes labiale utilizza immediatamente la Pomata Activo3 in grado di favorire la regressione della sintomatologia, attenuando notevolmente prurito e bruciore, mentre un integratore molto utile per sopperire alle carenze organiche è la L-Lysina, un aminoacido specifico per la sintesi di tessuti connettivi, collagene ed elastina.

Una piaga per i rapporti interpersonali è l’alitosi. Chi ne soffre è soggetto soprattutto a fermentazioni intestinali determinate da cibi speziati, formaggi stagionati e prodotti da forno che arricchiscono l’intestino di lieviti, ma anche chi ha problemi epatici e coloro che hanno uno scorretto stile di vita con abuso di sigarette e farmaci.
Oltre ad una buona igiene orale da effettuare più volte al giorno, è bene ricorrere alla TM di Menta che, assunta dopo i pasti, stimola la digestione lasciando un alito piacevolmente fresco.

PICCOLI DISTURBI ALLA BOCCA

La bocca è l’ingresso principale del nostro organismo e questa soglia viene varcata da tantissime sostanze: alimenti, bevande, farmaci e purtroppo anche da microrganismi nocivi per la salute. Vediamo nello specifico cosa può verificarsi:

  • Le afte sono delle piccole lesioni caratterizzate da ulcere o lacerazioni che compaiono sulla mucosa orale, sul palato, sulla parete interna delle guance, sulle gengive o sulla parte interna delle labbra.
    Si manifestano singolarmente o a gruppetti, determinando una sensazione di dolore e si possono ripresentare periodicamente se non si interviene con una cura che riesca a debellarle.
    Le cause che innescano la formazione delle afte possono essere diverse: lo stress che abbassa le difese immunitarie, una carenza di vitamine dovuta soprattutto ad una dieta alimentare scorretta ed il consumo di cibi piccanti o irritanti come cioccolato e frutta secca.
    Cosa si può fare? Sicuramente occorre correggere l’alimentazione e poi si devono fare delle toccature con la Propoli Estratto Idroalcolico; subito si avvertirà una sensazione di bruciore ma l’effetto disinfettante è garantito.
    Si è notato inoltre che la carenza della B 12 determina una maggiore predisposizione all’aftosi per cui durante l’anno è importante fare dei cicli di questa vitamina.
  • La gengivite è un’infiammazione che si manifesta con un arrossamento della gengiva ed è provocata da una scarsa pulizia dentale, oppure da una spazzolatura troppo energica, ma anche il fumo di sigaretta fa la sua parte!
    In questo caso, occorre lavare i denti con il Dentifricio Remargin e fare sciacqui con il Colluttorio Remargin a base di Aloe, Colostro, semi di Pompelmo ed oli essenziali disinfettanti.
    Se si trascura l’igiene dentale, la gengivite potrà poi creare un ambiente favorevole alla formazione delle carie.
  • L’Herpes Simplex è il nome del virus che causa l’herpes labiale, una fastidiosissima serie di vescicole piene di siero accompagnate da rossore e prurito. Molte volte si manifesta in concomitanza di forte stress ed abbassamento delle difese organiche,  per cui occorre assumere 2 capsule al giorno di Pau d’Arco come antivirale ed 1 compressa di L-Lysine, l’aminoacido che ripristina le carenze del sistema immunitario.
    Sulla zona interessata dall’herpes si può spalmare la Pomata Labiale Activo 3 che disinfetta e protegge la mucosa.
  • L’alitosi è una problematica che può avere diversi fattori scatenanti, primo fra tutti una insufficiente igiene dentale. Secondariamente potrebbero esserci un problema di fermentazione del cibo nello stomaco e quindi cattiva digestione, alimentazione scorretta, abuso di alcol e sigarette.
    Dopo aver fatto un’accurata pulizia presso il dentista, bisogna fare una cura con i fermenti lattici Axidophilus per riattivare la flora batterica, bere una rinfrescante tazza di tisana dopo i pasti a base di Menta Piperita arricchita con 1-2 cucchiai di Chlorella polvere per assorbire ed eliminare le scorie dal fegato e dall’intestino.

 

SPAZZOLINO DA DENTI: ISTRUZIONI PER L’USO

La pulizia dei denti è l’ultima cosa che si fa prima di andare a letto; talvolta questa operazione viene effettuata molto frettolosamente e molte volte non viene eseguita correttamente perchè viene sottovalutata la sua importanza. Questo è un grosso errore in quanto, a lungo andare, si possono verificare vari problemi, primo fra tutti la carie.
Ci si accorge che qualcosa non va quando si comincia ad essere estremamente sensibili al caldo e al freddo e si avverte dolore quando si mangiano i dolci.

La tecnica per lavarsi i denti correttamente è quella di muovere lo spazzolino in verticale (e non in senso orizzontale come fanno in tanti), lavando un’arcata alla volta; lo spazzolino va adagiato inclinato tra la gengiva e il dente ed il movimento deve essere rotatorio in modo da far passare le setole su tutto il dente. Ovviamente per lavare l’arcata superiore occorre spazzolare i denti dall’alto verso il basso, mentre per quella inferiore il movimento è opposto.

Non bisogna poi dimenticarsi della lingua. Essendo porosa e ruvida, essa risulta un ottimo substrato per la colonizzazione di batteri che contribuiscono inoltre a dar problemi di alitosi.

Istruzioni per l’igiene dentale:

  1. Lavare i denti dopo i pasti principali.
  2. Impiegare almeno 2-3 minuti per la pulizia dentale.
  3. Usare almeno una volta al giorno il filo interdentale o lo scovolino per pulire gli spazi interdentali ed anche il colluttorio per igienizzare meglio tutta la bocca (lingua compresa).
  4. Cambiare lo spazzolino ogni 3 mesi oppure quando ci si accorge che le setole son rovinate.
  5. Andare dal dentista ogni 6 mesi/1 anno per un controllo.

E’ sin da piccoli che s’imparano le tecniche di pulizia dei denti, per cui è importantissimo insegnare ai bambini a non trascurare l’igiene orale.

Solimè ha realizzato due prodotti specifici per pulire i denti e sanificare la bocca: OS Remargin Pasta Dentifricia e OS Remargin Colluttorio.
Il dentifricio è costituito dal colostro, noto per le proprietà antinfiammatorie e cicatrizzanti, e dal limone dall’attività astringente e purificante. Il colluttorio è formulato con colostro, aloe, limone e semi di pompelmo con funzione antibatterica, indicato anche per rinfrescare l’alito e per i fumatori.
Entrambi non contengono fluoro, xilitolo, conservanti chimici, coloranti, abrasivi, aromi di sintesi, zuccheri, iodio e menta, rendendoli così compatibili con le cure omeopatiche.

Attenzione a quello che si mangia. Esistono cibi che contrastano le sostanze acide che erodono lo smalto dei denti e tra queste troviamo il latte e le fibre delle verdure che richiedono una lunga masticazione e, quindi, salivazione, che rimuove i residui. I cibi pericolosi sono la frutta dolce ed i relativi succhi, lo zucchero, i biscotti, le caramelle, le bibite gassate, il cioccolato ed anche i farmaci confettati cioè lavorati con saccarosio.
Per i cibi acidi tipo gli agrumi, i pomodori, le fragole, l’uva e l’aceto che alterano il pH della bocca, occorre attendere almeno 30 minuti prima di effettuare la pulizia.

Serve aiuto? Contattaci