adama Archivi - Erboristeria Online | Officinalis Modena
Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

DIARREA DEL VIAGGIATORE

La diarrea del viaggiatore è un disagio molto comune di cui soffrono le persone che viaggiano nei Paesi molto caldi e nei Paesi tropicali. Si manifesta soprattutto d’estate con le alte temperature, le variazioni climatiche, frutta e verdura cruda, lavata con acqua non potabile o mal conservata, che fan sì che i batteri ed i virus proliferino e trasmettano l’infezione.

Cosa si può fare?

  • Almeno 1 settimana prima della partenza, fare un ciclo di Enterodophilus, il ceppo di fermenti lattici che protegge l’intestino dall’aggressione di patogeni e si continua anche per tutta la permanenza. Nel caso si manifesti qualche “disordine” si può aumentare il dosaggio.
  • Assumere l’estratto di semi di pompelmo come disinfettante, antibatterico, anche proprio per lavare la frutta o da utilizzare per l’igiene orale.
  • Come sintomatico, in caso di feci abbondanti, si può ricorrere al Coliref, che grazie all’estratto della patata ha attività addensante ed antinfiammatorio.

Le 5 regole per la diarrea del viaggiatore sono:

  1. Utilizzare solo acqua servita in bottiglie sigillate sia per bere, sia per lavare la frutta e la verdura e per lavarsi i denti.
  2. Non mangiare la frutta con la buccia (neanche succhi, frullati o cocktail a base di frutta preparati al momento), nè la verdura cruda.
  3. Non bere bevande con il ghiaccio (sempre per il problema che l’acqua potrebbe essere non potabile).
  4. Non bere latte crudo, nè suoi derivati (latticini, formaggi,…); devono essere pastorizzati.
  5. Non mangiare carne cruda, frutti di mare crudi, nè pietanze a base di uova crude (maionese, zabaione, creme,…)

In caso di diarrea del viaggiatore occorre ricordare che è meglio evitare l’assunzione di cibo per almeno 24 ore, durante le quali invece è consigliabile bere molta acqua, con l’aggiunta di zuccheri e sali minerali, per evitare la disidratazione che accompagna la diarrea.
Superata la fase acuta, si può iniziare con la “dieta in bianco” a base di riso bollito o crema di riso, carni bianche o pesce lesso con patate lesse e frutta grattugiata, mentre sono da evitare i cibi piccanti, speziati, fritti, quelli a base di latte e la cioccolata.

Serve aiuto? Contattaci