acido folico Archivi - Erboristeria Online | Officinalis Modena
Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

STANCHEZZA: HAI CONTROLLATO IL FERRO?

La spossatezza di questi giorni non sempre è stress da rientro. Forse la quantità di ferro nell’organismo non è sufficiente pertanto possono comparire astenia generalizzata, ma anche pallore, inappetenza, unghie e capelli fragili.

Questo minerale è il componente principale dell’emoglobina, la proteina contenuta nei globuli rossi che, oltre a colorare il sangue, permette il trasporto dell’ossigeno.

L’anemia interessa soprattutto le donne in quanto le mestruazioni determinano una perdita di sangue (e di ferro) costantemente ogni mese durante l’età fertile. Flussi abbondanti e cicli ravvicinati inoltre peggiorano la situazione.

L’organismo ottiene ferro dal cibo: una dieta sbilanciata e p0vera di tale minerale può favorire una carenza nutrizionale. Oltre agli ortaggi, ai legumi, alla frutta (fresca e secca) occorre consumare regolarmente carne, soprattutto rossa.

Nonostante si mangi correttamente, a volte i livelli di ferro restano bassi a causa di alcune sostanze (fitati e ossalati) che ne rendono difficoltosa l’assimilazione. Per superare tale problema, basta versare qualche goccia di limone sui cibi poichè la vitamina C ne facilita l’assorbimento.

Quando le riserve sono veramente poche si può ricorrere all’integratore Iron Complex in cui rame e acido folico rendono il ferro più disponibile.

Le adolescenti a causa di irregolarità ormonale tendono ad avere mestruazioni abbondanti come pure le over 40 che si avvicinano alla menopausa con cicli ridotti, devono intervenire con la Vitamina K e la Borsa del Pastore TM. Questi rimedi sono in grado di fermare le perdite eccessive di sangue.

Attenzione anche ai disturbi intestinali, come la sindrome del colon irritabile, che alterano la microflora responsabile dell’assorbimento dei nutrienti. A PegaStress, i fermenti lattici utili nelle fasi più delicate della vita, occorre abbinare le compresse masticabili di Baobab che regolarizzano l’intestino ed apportano più minerali.

In gravidanza è piuttosto normale soffrire di anemia in quanto il ferro viene “rubato” dal feto per la sua crescita. A sostegno della mamma servono gli oligoelementi Ferrum e DIA 4 (Rame-Oro-Argento) e l’acido folico (Folic) per favorire i processi di accrescimento e la riproduzione cellulare.

Inoltre:

  • Limita il consumo di tè e caffè poichè i tannini presenti riducono drasticamente l’assorbimento del ferro.
  • Non esagerare con i farmaci antiacidi. Essi fanno diminuire l’acidità dei succhi gastrici riducendo la fissazione del minerale.
  • Se fai sport, integra la dieta con la polvere di Spirulina Bio ricca di ferro subito disponibile.

Acido folico ed autismo nel bambino

Il nuovo studio pubblicato sul “Journal of the American Medical Association” ha analizzato i dati provenienti dal Norwegian Mother and Child Cohort Study. I risultati hanno mostrato che le future mamme che assumono acido folico 4 settimane prima della gravidanza e per 8 settimane dopo essere risultate incinte, hanno il 40% in meno di rischio di avere un bambino affetto da autismo.
Un deficit di acido folico porta a difetti nello sviluppo del sistema nervoso e quindi, probabilmente, gli scienziati ritengono che una carenza in gravidanza di questa vitamina possa anche colpire lo sviluppo del cervello in altri modi.
Il Norwegian Mother and Child Cohort Study ha coinvolto oltre 85000 bambini nati tra il 2002 e il 2008, e i loro genitori.

Serve aiuto? Contattaci