Giugno 2014 - Erboristeria Online | Officinalis Modena
Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

TRATTA LA GLICEMIA CON DOLCEZZA

La quantità degli zuccheri nel sangue determina la glicemia. L’insulina, un ormone prodotto dal pancreas,  regola l’ingresso dello zucchero nelle cellule per garantirne il nutrimento, ma quando la glicemia è elevata, tale ormone non riesce a far entrare tutti i glucidi, che quindi si depositano, originando il diabete.

Esistono due tipi di diabete:

  • Tipo 1 che generalmente compare in giovane età come malattia autoimmune e trattata con iniezioni di insulina.
  • Tipo 2 dettato soprattutto da uno scorretto stile di vita e da una errata dieta alimentare ricca di carboidrati, che porta all’insulino-resistenza.

La fitoterapia può intervenire solo nell’ultimo caso, con una serie di rimedi il cui scopo è quello di velocizzare lo smaltimento degli zuccheri e riequilibrare l’organismo.

L’azione ipoglicemizzante della Gimnema è data dall’acido gimnemico che si lega ai recettori intestinali, bloccando l’assorbimento degli zuccheri.

La giusta concentrazione glucidica è garantita dal Gemmoderivato Gelso bianco in associazione all’oligoelemento Zinco-Nichel-Cobalto (Oligolito DIA 5a), e la terapia va seguita per 2-3 mesi, ripetibile a cicli durante l’anno.

E’ indispensabile inoltre, modificare l’alimentazione così da stabilizzare il più possibile la glicemia e garantire il corretto immagazzinamento dello zucchero nei tessuti come riserva di energia.
Largo a verdura e frutta (preferendo quella meno dolce) accompagnate da carne, pesce, latte e derivati. Tra i carboidrati, occorre dare la precedenza ai cereali integrali a scapito di quelli raffinati.

Quali sono i sintomi dell’iperglicemia?

  • continua sensazione di fame o di sete;
  • minzione frequente;
  • offuscamento della vista;
  • eccessiva stanchezza;
  • sensazione di bocca secca;
  • difficoltà di cicatrizzazione anche in caso di banali graffi;
  • disfunzione erettile;
  • infezioni frequenti.

VACANZA LOVE BOAT

Mare, profumpo di mare…così iniziava la sigla del telefilm più famoso ambientato su una nave da crociera e se hai prenotato anche tu una cabina sulla “Love Boat”, ecco cosa mettere in valigia:

  • Solari ad Alta Protezione SPF 50 e 36 dove l’azione sinergica dell’olio d’oliva e dei filtri solari naturali permettono una sana abbronzatura ai fototipi chiari.
  • Solari a Protezione Media 24, 16 e 8 se sei già abbronzata o sei di carnagione scura.
  • Olio Capelli Argan per proteggere la chioma dalla secchezza del vento e del sole.
  • Shampoo e Maschera Nutriente che rinforzano ed azzerano il bruttissimo effetto crespo.
  • Polvere Illuminante, indispensabile per i cocktail party a bordo piscina, per renderti glam in ogni situazione.
  • Soffri di mal di mare? Non rinunciare alla crociera ma porta con te Fito Pilor, lo spray da nebulizzare nel cavo orale i cui estratti di Fico, Camomilla, Achillea e Carbone Vegetale contrastano le nausee ed attenuano i dolori addominali.

PROFUMI UNDER THE SUN

Il caldo e l’umidità intensificano e rendono stucchevoli certe essenze, ed è per tale motivo che in estate è preferibile abbandonare i dolci profumi invernali in funzione di bouquet verdi e floreali.

Elisir di Giada ha come note olfattive fior d’arancio, bergamotto, gelsomino, legno di cedro e muschi, mentre Gocce di Diamante annovera un mix fruttato di pesca, mandarino e prugna con un finish di tuberosa e ambra.

La tendenza inoltre è quella di rendere più leggere le fragranze classiche, dando vita ad acque profumate nelle quali la presenza di alcool è minima, così da poter essere vaporizzate su tutto il corpo.
Tuffati allora nella macedonia agrumata dell’Acquaromatica Peonia e Lime o in quella più frizzante Cedro e Pepe Rosa, miscele spumeggianti ed allo stesso tempo delicate che idratano e rinfrescano.

E per l’uomo? L‘Eau de Parfum For Men coniuga note fresche di artemisia e timo con quelle più piccanti della noce moscata e del cardamomo, oppure il più intrigante Obiectivo Uomo unisce menta, pepe nero, fava tonka, sandalo e benzoino.

I maestri profumieri consigliano di vaporizzare il profumo non solo alla base del collo, ma partendo da più in basso in quanto la fragranza tende a salire quando viene riscaldata.
E’ meglio evitare invece, le zone delicate come le ascelle ed il viso.

COPPIA VINCENTE

Sovrapporre, abbinare, mixare. Ci sono cosmetici che in coppia danno veramente il massimo:

  • Crema Idratante + CC Cream è il giusto connubio per la città durante le giornate soleggiate. La prima va intesa come base dissetante e nutriente, mentre la seconda protegge dalle radiazioni UV dannose.
  • Gocce schiarenti + Crema Nutriente per la notte. L’acido cogico e l’arbutina che caratterizzano il siero, hanno proprietà depigmentanti per cui poche gocce vanno applicate sulle singole macchie e tale trattamento deve essere completato da una crema ricca di attivi che accelera la rigenerazione cellulare.
    Assolutamente vietato utilizzare il siero di giorno in quanto farebbe reazione col sole.
  • Latte Detergente + Acqua Tonica. Non si può spalmare la crema senza prima aver pulito il viso: il latte elimina le impurità ed il trucco, il tonico invece reidrata ed ossigena a fondo l’epidermide permettendo un miglior assorbimento dei cosmetici successivi.
  • Bagnodoccia + Olio-Crema. Il corpo va trattato con dolcezza in quanto il caldo tende a disidratare ed avvizzire la pelle: Schiuma Soave Corallo deterge ed allontana le tracce di sudore, mentre l’Olio-Crema Sontuoso è un vero concentrato di nutrienti che contrastano l’eccessiva secchezza.
  • Shampoo + Balsamo. Questi due cosmetici non vanno alternati, ma sempre abbinati in quanto uno non sostituisce l’altro. Le formulazioni sono tali per cui il primo pulisce ed il secondo ammorbidisce e districa la chioma.

Cose da non fare:

  • Olio + Crema Viso. E’ inutile far seguire all’olio (dalla texture tendenzialmente grassa) la crema perchè non verrebbe assorbita.
  • Crema Solare + Fondotinta. A che serve colorare il viso quando si va in spiaggia?
  • Detergere il viso semplicemente con acqua; essa infatti, non è in grado da sola di allontanare le impurità.

45 ANNI E NON SENTIRLI

Il tic tac del tempo batte per tutti e quando si arriva alla mezza età qualcosa nel nostro organismo cambia. Le donne vanno più soggette a drastiche modificazioni in quanto la produzione degli ormoni da parte delle ovaie, comincia a ridursi fino alla cessazione totale delle mestruazioni.
Tale passaggio molte volte è accompagnato da notevoli disturbi che possono persistere per periodi più o meno lunghi.

Per prima cosa, il ciclo diventa irregolare a causa della fluttuazione dei livelli di estrogeni, i quali poi diminuiscono gradatamente fino alla comparsa della menopausa.
E’ questo il momento di utilizzare l’oligoelemento Zinco- Rame (DIA 5) al mattino prima di colazione e la TM di Agnocasto che in premenopausa regolano il flusso mestruale ed equilibrano gli estrogeni.

Le prime vampate cominciano a farsi sentire soprattutto di notte: ti svegli improvvisamente con il cuore che batte forte ed il corpo madido di sudore.
La Dioscorea è una pianta originaria del Messico il cui principio attivo, la diosgenina, subentrando nel controllo ormonale è utile nei disturbi associati alla menopausa quali sbalzi d’umore e vampate di calore.

Con la premenopausa cambia anche la qualità del sonno, in quanto sia le vampate che lo stato di ansia e di agitazione che caratterizza la donna in questa fase, compromettono il riposo.
Il Magnesio (AxiMagnesio) è un minerale indispensabile da integrare alla dieta come neuroregolatore, e prima di coricarti puoi utilizzare FitoFemm, uno spray sublinguale a base di Cimicifuga, Biancospino, Cardiaca e Passiflora che calma gli stati nervosi ed attenua le sudorazioni.

 

STRESS DA LAVORO

Lo stress è un disagio che si manifesta con ansia, pesantezza, malumore ed insonnia. Esso dev’esser considerato anche come un elemento positivo, un campanello d’allarme che il nostro corpo fa squillare per far capire che è ora di darci un freno!

A circa un mese dalle sudate ferie, la maggior parte degli italiani si trova in questa situazione ed all’interno dell’ambiente di lavoro, l’aria comincia a farsi soffocante.

Se hai problemi con un collega lavativo, non sbottare ma cerca di avere un dialogo chiarificatore per stabilire i reciproci compiti; se a voce è difficile, fallo per mail.
Di fronte a delle critiche, pretendi motivazioni oggettive con dati alla mano, altrimenti prendi da una parte l’accusatore e chiedi spiegazioni mantenendo self control.
Domandare consigli ai più esperti o fare gioco di squadra, è comunque un’ottima strategia per instaurare buoni rapporti coi colleghi.

Con il superiore, la regola fondamentale è quella di non lamentarsi: lui si aspetta che risolvi i problemi, non che complichi le cose, e se c’è qualcosa che non va, mettilo al corrente con già una possibile soluzione.
Lo stress fa rispondere con una certa impulsività ed il capo può percepire insicurezza o superficialità: ricapitola ciò che sta dicendo (così da evitare equivoci) ed esponi il tuo ragionamento in maniera garbata e senza peccare di presunzione perchè, in fin dei conti, lui sta sopra di te!

Sei tu il capo? La chiarezza di ruoli e mansioni ed il coinvolgimento del team sono le basi per la buona riuscita del lavoro.
Quando un tuo sottoposto sbaglia, non far scenate davanti a tutti ma riprendilo in modo discreto.
Ricordati che sei tu che comandi, per cui dà ordini precisi e non lasciar correre, ma affronta i problemi  e risolvi la situazione.

Qualunque sia il tuo ruolo, la fitoterapia schiera piante adattogene pronte a venir in tuo soccorso!
Un mese prima delle ferie assumi come antistress 2 capsule al giorno di Rodiola, mentre se hai i nervi a fior di pelle e fatichi a digerire sciogli tutte le mattine 2 misurini di Magnesium Fizz abbinato alla TM di Lavanda che distendono i muscoli rilassano il tratto addominale.
Quando l’umore è sotto i piedi e soffri d’insonnia, deglutisci una compressa di Demalin i cui estratti secchi di Griffonia, Iperico e Passiflora intervengono favorevolmente sul sistema nervoso centrale.

5 cose da non fare:

  1. Non gettarti ancor di più sul lavoro ma prenditi delle pause.
  2. Non sfogarti con le sigarette ma fallo con il sesso e lo sport.
  3. Non chiuderti in casa ma esci con gli amici.
  4. Non buttarti sul cibo ma bevi degli smoothies.
  5. Non stordirti con fb e giochi virtuali, piuttosto leggi un libro o ascolta musica.

BAGNATI DAL SOLE

Se la canzone di Noemi è il vostro diktat dell’estate dovete sapere che:

  1. Il sole è un vero toccasana per l’umore in quanto stimola la serotonina, agisce favorevolmente su dermatiti e psoriasi e contrasta l’osteoporosi permettendo  un maggior assorbimento di calcio nelle ossa.
    Va preso però con le dovute precauzioni! Scottature, eritemi, macchie solari fino alla formazione dei melanomi sono i risvolti negativi che possono verificarsi quando si pecca di eccessiva leggerezza.
    La protezione cutanea è fondamentale, basta scegliere cosmetici sicuri e formulazioni adatte alla propria pelle.
  2. Non è vero che con la protezione massima non ci si abbronza. SPF50 infatti, ha filtri super potenziati per bloccare le radiazioni dannose per la pelle e permette invece un’abbronzatura più profonda e durevole nel tempo.
  3. Le protezioni basse 8 e 16 è meglio utilizzarle quando la pelle è già ambrata o negli orari in cui le radiazioni sono poco intense, mentre quelle medie 36 e 24 vanno spalmate generosamente, anche più volte durante l’esposizione.
  4. Il sole invecchia in quanto i raggi UVA raggiungono il derma danneggiando le fibre di elastina e collagene.
    Per prevenire la comparsa delle rughe nelle protezioni 50 e 24 viso sono presenti composti antiossidanti e antiage.
  5. E’ obbligatorio utilizzare gli abbronzanti anche quando il cielo è coperto o se siete sotto l’ombrellone; le radiazioni, anche se invisibili, passano comunque.
  6. L’Acceleratore è un’ancora di salvataggio quando si ha poco tempo a disposizione per la tintarella o in caso di soggiorni brevi; è indispensabile però utilizzarlo correttamente perchè stimola un’abbronzatura superficiale che dopo poche docce sbiadisce.
    Il segreto è quello di spalmarlo sopra ad una protezione così da veicolare i principi attivi più in profondità.
  7. Il caldo è nemico dei capelli, ne favorisce l’invecchiamento e ne anticipa la caduta.
    L’Olio Capelli Argan è la formulazione in spray più adatta per proteggere il fusto e garantirne la vitalità.
  8. Allontanare la salsedine e nutrire i capelli è facile con lo Shampoo e  il Balsamo Nutriente agli estratti bio di Aloe ed Avena dalle proprietà idratanti e fortificanti.
  9. Il Doposole è fondamentale quasi quanto la protezione; il caldo, il sole, i tuffi in mare e in piscina inaridiscono la pelle compromettendo la tenuta della tintarella.
    Tale trattamento di bellezza, essendo ricco di olio di oliva, è una riserva di nutrimento che lascia la cute vellutata e compatta.
  10. I radicali liberi vanno contrastati con Oxy Max, un integratore a base di Carotenoidi, Vitamina E e Selenio utili per il photoaging e per prevenire i processi di invecchiamento.

APPUNTAMENTO A WIMBLEDON

23 Giugno 2014 è una data speciale da segnare nell’agenda: inizia il torneo di tennis più importante dell’anno a Wimbledon. Anche se non pratichi tale sport ed, anzi, non ti interessa nemmeno, devi sapere che i riflettori internazionali sono puntati sia sul campo che sulle tribune e le celeb ben lo sanno!

Accanto a Victoria Beckham potresti sederti tu e per essere glam come lei, ecco 3 consigli giusti:

  1. L’occhiale da sole scuro e grande è sempre molto fashion, ma occorre proteggere il viso con dei beauty resistenti al caldo; il Primer Minerale è un’ottima base uniformante, dalla texture molto leggera che permette una maggior tenuta del make-up.
    La Polvere Minerale è quel finish perfetto per far risplendere il tuo incarnato e protegge dai raggi dannosi in quanto ha filtri solari che contrastano il photoaging.
  2. Cappellino o no? Decidi tu, l’importante è che la chioma sia perfetta. Prima dell’acconciatura utilizza la Crema Capillare che garantisce lo styling, oppure se opti per un look più selvaggio come trattamento finale la Crema Definisci Ricci o la Crema Lisciante renderanno i tuoi capelli liberi di muoversi con vera classe!
  3. Non farti cogliere accaldata e sudata da paparazzi e cameramen: metti nella clutch lo Spray Benex i cui oli essenziali rinfrescanti di Eucalipto e Menta possono essere vaporizzati su tutto il corpo per un immediato refrigerio.

DIETA LOW CARB

La Low Car Diet è una proposta dietetica studiata dal medico nutrizionista tedesco Nicolai Worm dove vengono classificati gli alimenti in base all’impatto glicemico.

Worm ha creato un modello dietetico, denominato Metodo Logi (Low Glycemic and Insulinemic Diet), ripreso poi dal professor David Ludwig, ideatore di uno schema a piramide in cui vengono inseriti gli alimenti: alla base (quindi nella zona più larga) si trovano i cibi a basso carico glicemico, mentre salendo quelli più pericolosi.

Nelle diete molte volte si considera l’indice glicemico, mentre Worm parla di carico glicemico; qual è la differenza?
Il primo è un indice qualitativo che mette in corrispondenza l’azione del glucosio (con una pari quantità di zucchero presente in un carboidrato) sulla glicemia.
Il secondo invece, sono i grammi di zucchero presenti nell’alimento moltiplicati per il suo indice glicemico e divisi per 100.
Ad esempio, una fetta d’anguria ha lo stesso indice glicemico del corrispondente peso di pane bianco, ma ha un carico glicemico notevolmente più basso.

Nella Piramide di Logi si notano nei piani inferiori frutta e verdura come pure gli oli che, rallentando lo svuotamento gastrico, attenuano l’assorbimento degli zuccheri.
Al centro si posizionano le proteine sia animali che vegetali (carne, pesce, latte e derivati purchè magri) ed appena sopra i cereali integrali da abbinare agli alimenti degli altri due ripiani.
In vetta si trovano i farinacei e le bevande zuccherate ai quali bisogna prestare particolare attenzione perchè fanno ingrassare.

Worm sostanzialmente dice che una dieta ricca di carboidrati come quella attuale, è frutto dell’evoluzione e dello stile di vita moderno; nell’età antica infatti, l’uomo cacciatore si cibava di animali e vegetali, per cui ribadisce l’idea che tali alimenti devono essere alla base della dieta, mentre considera i carboidrati come un “contorno” e non come il piatto principale.

A differenza delle diete iperproteiche molto conosciute oggi ed estremamente sbilanciate nel consumo di carni e grassi, Worm dà ampio spazio a frutta e verdura accompagnate da proteine magre.

Il suo protocollo alimentare è così ripartito: 40-50% grassi (perlopiù di vegetali come gli oli), 20-30% proteine e 20-30% carboidrati.
L’alta presenza dei lipidi non deve spaventare, in quanto essi sono rappresentati soprattutto dagli oli vegetali ricchi di acidi grassi, così come per la carne ed il pesce sono presenti dei grassi buoni che dipendono dalla qualità della materia prima: i migliori sono quelli ricavati da animali selvaggi oppure allevati secondo criteri bio.

Nella dieta Low Carb gli alimenti principali sono frutta e verdura perchè ipocaloriche, ricche d’acqua e dall’alto potere saziante, in modo particolare se accompagnate da proteine e condimenti.
I carboidrati  ed i cereali integrali invece vanno limitati perchè causano sbalzi glicemici.

BLUSH, I LOVE YOU

Il blush in crema è il make-up che non può mancare assolutamente nel tuo beauty! Il motivo? L’estrema facilità di applicazione ed il suo effetto naturale che regala alla pelle freschezza e luminosità.

Velvet Blush ha una texture morbida e cremosa che si fonde immediatamente con la pelle, andandola a nutrire grazie ad un complesso ialuronico e vitaminico; immediatamente avrai un effetto porcellana ringiovanente.

Il fard in crema si presenta in due tonalità di base: rosato per un effetto candy o aranciato per un risultato bronze.

Come applicarlo? Puoi utilizzare un pennello apposito, oppure nella maniera più economica, ovvero con le dita.
Parti con poco prodotto direttamente al centro delle guance per non cadere nel too much!!! A contatto con la pelle, tale cosmetico si scalda leggermente ed è più facile la stendibilità.
Sfuma bene soprattutto sugli zigomi e ricordati che lo puoi passare delicatamente anche sulle labbra come rinforzante del rossetto.

ASPETTANDO L’ESTATE

Preparare la pelle prima della tintarella è il metodo più efficace per garantire un’abbronzatura più intensa e duratura, e per farti apparire più bella e luminosa che mai.
Segnati allora questi numeri:

  • 7-10 l’intervallo di giorni tra lo Scrub e l’esposizione al sole. Questo trattamento di bellezza elimina le cellule morte e le impurità, e rende più omogenea ed intensa l’abbronzatura.
    E’ necessario farlo prima in quanto anche il più delicato, potrebbe indebolire le difese cutanee.
  • 3650 le protezioni solari alte da utilizzare almeno i primi giorni per evitare scottature e spellamenti.
  • 1624 i filtri  solari medi per le pelli già un pò abbronzate.
  • 8 la protezione da utilizzare gli ultimi giorni o durante le ore in cui il sole non ha una radiazione intensa.
  • 2-3 le applicazioni quotidiane degli abbronzanti.
  • 1 volta al giorno (almeno dopo la doccia serale) spalma generosamente il Doposole su viso e corpo per idratare ed ammorbidire la pelle, riparando gli eventuali arrossamenti.

PROBLEMI DI SPOGLIATOIO

Un obiettivo comune a tanti è quello di mettersi in forma per la temutissima prova costume ed è questo il momento in cui palestre e piscine hanno un aumento di iscrizioni.
La condivisione dello spogliatoio ed il connubio calore- sudore fa sì che ci sia la proliferazione di microrganismi che causano diversi problemi.

Soprattutto in piscina il problema delle verruche è il più temuto; si tratta di virus che amano gli ambienti caldo-umidi e che a contatto con la pelle nidificano e causano protuberanze simili a calli, più o meno dolorose.
Lo shampoo doccia SchiumaDerbe è un ottimo detergente purificante in quanto gli oli essenziali in esso presenti proteggono la pelle da aggressioni fungine e batteriche.
Sulla verruca è necessario utilizzare l‘o.e. di Manuka ad azione altamente disinfettante e germicida; piccole toccature quotidiane saranno sufficienti per debellare definitivamente gli “ospiti indesiderati”.

Nello spogliatoio è consigliabile sempre l’utilizzo delle ciabatte per evitare l’aggressione da parte anche di funghi che vivono nelle docce, nelle saune, ed in tutte le zone in cui ci sono ristagni umidi.
L’attecchimento dei miceti causa piccole macchie rosse più o meno squamose che possono provocare anche dolore; in questo caso è meglio utilizzare l’o.e. di Tea Tree direttamente sulla zona colpita per inibire la proliferazione e disattivare i patogeni.

Il sudore o l’asciugatura approssimativa post doccia del corpo può dare origine a dermatiti. Le zone più colpite sono tra le dita dei piedi e sotto il seno dove il sudore che ristagna, macera determinando l’ngresso di batteri che causano fenomeni irritativi.
Oltre ad un’accurata asciugatura, occorre utilizzare la Pomata Lenitiva e Rigenerante con miele di Manuka attivo, ottimo coadiuvante nel trattamento di arrossamenti, secchezza e dermatiti pruriginose.

Serve aiuto? Contattaci