Luglio 2013 - Erboristeria Online | Officinalis Modena
Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

ACIDO IALURONICO ANCHE IN ESTATE

Quale cosmetico applicare sul viso in estate anche quando non si va in spiaggia? Questa è una domanda che mi sento rivolgere in questi giorni da tante signore.
Il mio consiglio è l’acido ialuronico.

Diversi studi dimostrano che l’acido ialuronico non solo idrata la pelle, ma vanta una spiccata azione di scavenger (cioè di spazzino) dei radicali liberi, che grazie ai raggi ultravioletti vengono prodotti quotidianamente.

Se hai una pelle tendenzialmente grassa che mal sopporta, col caldo, l’applicazione di qualsiasi crema, puoi ricorrere al Phyto Jaluronico, un siero concentrato arricchito da cellule staminali vegetali: bastano poche gocce di prodotto per avere una notevole idratazione epidermica. Può essere utilizzato da solo oppure sotto una buona crema antirughe per potenziarne l’effetto anti-age.

Jalurage invece è una linea completa per il viso a base di acido ialuronico ad alta concentrazione e comprende:

  • Crema viso da utilizzare mattino e sera per favorire la produzione di collagene.
  • Filler riempitivo contorno occhi e contorno labbra per appianare istantaneamente le rughe ed i segni d’espressione.
  • BB cream, una crema colorata dall’effetto uniformante per annullare qualsiasi discromia. In 2 colorazioni (media chiara e media scura) a seconda della carnagione.

L’acido ialuronico difende i cheratinociti della pelle neutralizzando gli effetti negativi del sole.

ATTENZIONE AI MASSAGGI IN SPIAGGIA

Le spiagge non sono solo la meta di numerosi vacanzieri, ma sempre di più sono il ritrovo di “professionisti” che operano tattoo all’hennè (leggi il relativo blog), treccine afro (leggi il relativo blog) ed anche massaggi.

Chi sono costoro? Avete mai chiesto loro se hanno una qualifica per mettervi le mani addosso? O la composizione dell’unguento che utilizzano sulla vostra pelle?

Pressioni o trazioni brusche o sbagliate a livello cervicale o lombare possono dare origine a lesioni o ulteriori infiammazioni.
Le discutibili condizioni igieniche in cui sono praticati questi massaggi, nonchè l’utilizzo di oli e creme di dubbia provenienza e composizione, possono scatenare reazioni allergiche, dermatiti e fotosensibilizzazioni.

Se avete voglia di un massaggio rilassante o antidolorifico, non cercate un professionista in spiaggia, ma rivolgetevi direttamente ad un centro specializzato, altrimenti rientrati dalla spiaggia, potete spalmarvi l’olio degli angeli per un relax immediato, o l’olio degli esseni per andare ad agire sui dolori articolari o muscolari oppure l’olio delle fate per drenare i ristagni linfatici.

SCACCIA LE ZANZARE

Le zanzare sono un incubo delle serate e delle nottate estive perchè ci massacrano con le loro pizzicate e quel ronzio di sottofondo rende impossibile il relax.

Per fortuna, la natura ci offre dei validi rimedi per tener lontani questi insetti. Molti prodotti naturali sono a base di oli essenziali di citronella e di geranio ed in commercio si trovano valide alternative a partire dai repellenti in spray da nebulizzare sulla pelle.

Il Fluido rinfrescante di FarmaMamma è un repellente a base di Ledum Palustre ed Aloe ed è adatto sia per adulti che per bambini, con una gradevole profumazione fresca data dagli oli essenziali di basilico e menta romana. Nello Spray Bifasico 1 to 1 invece, all’olio di Neem vengono miscelati gli oli essenziali di citronella, lavanda, basilico,eucalipto e menta ed è talmente attivo che può essere vaporizzato anche sulle superfici o negli ambienti.

Se poi ci troviamo sprovvisti di tali repellenti e veniamo punti, per attenuare il dolore c’è il Mini-Roll lenitivo costituito dal gel di aloe e dall’olio essenziale di katrafay, utile per tutti i tipi di pizzicate.

Ricordati che:

  • Il sudore e gli odori intensi attirano le zanzare. Dopo aver fatto la doccia, non utilizzare profumi e deodoranti forti, ma acque molto delicate.
  • Chi è spesso vittima di pizzicate, deve preferire abiti in tessuti naturali, come cotone e lino per favorire la traspirazione ed evitare un’eccessiva sudorazione.
  • L’acqua stagnante in giardino o sui balconi, come nei sottovasi, è l’habitat ideale per la proliferazione delle zanzare.

 

CAPELLI LEGATI CON IL FOULARD

Il foulard è l’accessorio dell’estate 2013.

Non si mette al collo, ma si utilizza piegato a fascia larga e, poi, si annoda dietro la nuca per tenere in ordine i capelli, non solamente in spiaggia, ma anche, per esempio, quando si passeggia in città.

Un foulard più piccolo si può usare, invece, per legare la coda di cavallo, oppure ancora dare un tocco di personalità allo chignon.

Prima di indossarlo, utilizzate su tutta la lunghezza del capello la crema capillare, una crema appunto altamente spalmabile e morbida che renderà più setosa la chioma. Non unge, non secca e non puzza per cui può essere usata come prodotto finale prima di creare il vostro look dell’estate.

CHE SUDATA!!!

La sudorazione è un fenomeno naturale che può sopraggiungere in qualsiasi momento della giornata e non solo legato al caldo e all’afa: una situazione imbarazzante, una riunione importante di lavoro, un appuntamento a lungo atteso, insomma, una qualsiasi situazione di stress che ci altera il normale equilibrio psico-fisico.

La sudorazione è uno stato fisiologico, come la salivazione o la necessità di urinare, che in alcune persone è più accentuato e quindi alla base c’è una componente genetica.
A volte però ci potrebbe essere uno stato ansioso, come un forte choc, un’emozione intensa o una prova da superare, che possono provocare una consistente iperidrosi, con conseguenti aloni sugli abiti, mani e piedi bagnati, viso arrossato e gocciolante.
Chi, inoltre, sa di sudare molto, in presenza di altre persone ha talmente paura di sudare che suda ancora di più!

Perchè abbiamo questa reazione? Il sudore è il mezzo con cui il nostro corpo abbassa la sua temperatura ed è costituito soprattutto da acqua contenente sali minerali, tossine e batteri.
Il sudore che fuoriesce sulla pelle, evaporando raffredda la cute e di conseguenza l’intero corpo. Quando il caldo è secco, l’evaporazione è veloce e quindi non ci accorgiamo quasi di sudare, mentre quando è umido l’acqua fa più fatica ad evaporare ed il sudore resta più a lungo sulla pelle.

4 consigli contro il sudore:

  1. Non usare il profumo per coprire gli odori…il mix peggiorerebbe le cose! Meglio un anitodorante privo di profumo.
  2. Nell’abbigliamento, scegli i tessuti naturali come cotone, lino e seta che fanno traspirare meglio la pelle.
  3. Non mangiare troppo aglio, cipolla e cibi speziati perchè contengono sostanze che vengono eliminate attraverso il sudore, rendendo l’odore più acre.
  4. Preferire saponi e detergenti naturali ad azione antibatterica. La proliferazione di batteri a contatto con l’aria promuove la formazione di cattivo odore.

 

TATTOO ALL’HENNE’…ATTENZIONE ALLE ALLERGIE

Molti pensano che farsi un tatuaggio temporaneo all’hennè sia privo di controindicazioni: sbagliato!
E’ vero che è meno rischioso rispetto a quello permanente, ma il problema è che negli inchiostri utilizzati vengono aggiunte delle sostanze, tra cui la parafenilendiamina (PPD), che hanno lo scopo di velocizzare l’applicazione ed accentuare il colore.

La parafenilendiamina è un colorante blu scuro impiegato in diversi prodotti come le tinture per capelli, i cosmetici, l’inchiostro da stampa, nei tessuti, ma è una sostanza sensibilizzante.

La legislazione europea ne permette l’utilizzo soltanto nelle tinte per capelli a concentrazioni basse (max 6%), mentre ne vieta l’inserimento nei cosmetici da applicare sulla pelle, ciglia e sopracciglia.
Un divieto che gli ambulanti extracomunitari spesso non rispettano perchè importano direttamente i prodotti dai loro Paesi d’origine, dove non esistono queste limitazioni.

Ecco, allora,che si possono manifestare dermatiti da contatto o reazioni allergiche accompagnate da prurito, bruciori e vesciche poco dopo aver fatto il tatuaggio.

Cosa fare in questi casi? In attesa di farsi visitare da un dermatologo, applicare una pomata antinfiammatoria o il gel d’aloe e non esporsi al sole fino al completo miglioramento.

 

TRAVEL GYM

Sei un fissato dello sport? Oppure con la scusa della vacanza sei uno di quelli che non muove più un muscolo? Nessun problema, anche con la valigia potrai allenarti e mantenere il fisico in perfetta forma!
Prima di cominciare, spalma sull’addome la crema o il siero Iodex (kit Iodex uomo) ad azione riducente e rimodellante, così che i principi attivi di tale prodotto penetrino maggiormente in profondità nelle adiposità localizzate.

Il travel gym consiste in una serie di esercizi da eseguire con l’aiuto della tua valigia ovunque ti trovi: riempila con gli indumenti che ti sei portato in vacanza, fino al raggiungimento del peso a te consono o a seconda della fatica che vuoi fare (anche vuota potrebbe essere già un inizio!)  e comincia ad eseguire i seguenti esercizi:

  1. In piedi con le gambe divaricate, abbraccia la valigia e stringila al petto. Piega le ginocchia ed abbassati fino ad avere le cosce parallele al pavimento, cercando di non inarcare la schiena e ripeti questi piegamenti.
  2. Mettiti in ginocchio con la valigia di piatto sulla spalla destra, tenendola ferma sui due lati con le mani. Tendi addominali e glutei e solleva la valigia sopra la testa, facendola poi scendere sulla spalla sinistra. Continua l’esercizio alternando tra spalla destra e sinistra.

Magari, prima di partire, potresti chiedere al tuo personal trainer di consigliarti qualche esercizio da eseguire con la valigia durante la vacanza così da non perdere la tua tonicità muscolare.

IL TRUCCO GLAM DELL’ESTATE

Dimentica le vecchie regole, per l’estate 2013 scegli i colori che vuoi senza pensare agli abbinamenti. Anzi, con più sono slegati, più sei fashion!!!

Per gli occhi, vietato abbinare il colore dell’ombretto a quello dell’iride. Al contrario, la moda vuole occhi neri dipinti di blu e pigmenti dorati su sguardi cerulei.
Chi ha gli occhi scuri potrebbe sfumare in maniera decisa la polvere sulle palpebre (sia quella superiore che inferiore), mentre per coloro che hanno gli occhi chiari è meglio lasciare l’ombretto pieno senza lavorarlo troppo: lo sguardo così sembrerà più ipnotico.

Unghie e bocca, mai dello stesso colore.
Lo smalto deve essere considerato un accessorio non legato al resto del look. Niente ton sur ton con l’ombretto e nemmeno uguale al rossetto: miscela nuance in tono creando sfumature inedite che caratterizzino il tuo make-up.
Sono ormai abolite le unghie lunghe: il trend prevede unghie corte, un po’ squadrate e comunque curate.

TRECCINE AFRO E ALOPECIA

Un’acconciatura che in spiaggia, da qualche anno, è diventata un must è quella delle treccine afro che realizzano le sapienti mani delle donne africane.

Sicuramente, durante la vacanza, i capelli staranno più in ordine, ma al rientro c’è il rischio di ritrovarsi la chioma rovinata, indebolita o addirittura più rada.
Le treccine afro infatti, possono provocare la cosiddetta “alopecia da trazione”: la tensione prolungata traumatizza il bulbo fino a provocare la caduta del capello stesso.

Il cuoio capelluto inoltre, resta scoperto in ampie strisce e risulta esposto, molte volte senza un’adeguata protezione, ai raggi solari, rischiando la scottatura.

E non è finita: il sole, il sudore, la sabbia e l’acqua del mare tendono ad alterare il pH della pelle, aumentando la produzione di sebo. Poichè i capelli con le treccine vengono lavati con minore accuratezza, è più facile che la proliferazione batterica promuova forfora, micosi e dermatiti.

Se sei una patita delle treccine afro, evita quelle che vengono eseguite troppo strette, ma preferisci quelle più morbide, in modo da non traumatizzare troppo la cute ed i capelli.

Durante l’esposizione al sole è bene utilizzare dei protettivi solari specifici per i capelli, oppure bandane e cappelli di tessuto traspirante. Non dimenticare infine, la detersione: usa gli oli lavanti, tipo l’olioderbe all’aloe, per pulire sia i capelli dalla sabbia che eliminare l’eccesso di sebo e rinfrescare la cute.

FILTRI SOLARI SICURI

Quante persone sanno cosa indica il numero del Fattore di Protezione Solare (SPF)?
Facciamo un esempio: una persona di fototipo 3 si scotta dopo 30 minuti di esposizione al sole; se questa persona applica prima dell’esposizione una crema con SPF 6 potrà stare al sole 30 x 6 = 180 minuti prima di scottarsi.
L’SPF quindi non è un numero assoluto, ma dipende dal fototipo.

Per la nostra pelle sarà un grande stress trovarsi ad affrontare improvvisamente i raggi cocenti del sole, per cui è molto importante la scelta del prodotto da applicare per proteggersi dalle scottature, che deve essere di ottima qualità.

Quando si vuole formulare un prodotto solare “naturale” ci si scontra con la realtà dei filtri solari che naturali proprio non sono. I filtri fisici (biossido di titanio e ossido di zinco), che sono tra i pochissimi naturali, hanno l’inconveniente di lasciare una antiestetica patina bianca sulla pelle.

I solari di Erboristeria Magentina contengono invece idrossiapatite, un minerale naturale che è presente anche nelle ossa (delle quali costituisce oltre il 90%) e che contribuisce ad aumentare in modo consistente il Fattore di Protezione Solare.
L’idrossiapatite è un minerale costituito da fosfato acido di calcio, magnesio, manganese e zinco che permette di ridurre al minimo la percentuale di filtri presente nel prodotto ed inoltre non lascia alcuna patina bianca.

L’idrossiapatite protegge efficacemente la pelle dalle sostanze chimiche con cui viene a contatto, anche quelle relative allo smog, ed è un ottimo remineralizzante, per cui un buon antirughe. I suoi cristalli, inoltre, riflettono la luce, creando il cosiddetto effetto “soft focus”, un effetto ottico che maschera le rughe più sottili.

I solari di Erboristeria Magentina sono:

Abbronzati e protetti!

FITNESS “ON THE BEACH”

Un recente studio pubblicato sul Journal of Strength Conditioning and Resistance attesta che lo sport praticato sulla spiaggia comporta un maggior dispendio di calorie.

Il cuore batte più velocemente quando ti alleni sulla sabbia perchè il piede sprofonda invece che rimabalzare (come sul terreno), per cui il corpo deve lavorare di più per bilanciarsi.
La battigia, inoltre, assorbendo i 2/3 dell’impatto del piede, rende meno traumatica la corsa nei confronti di ossa e muscoli.

Non allenarti a piedi nudi perchè, oltre al rischio di tagliarti con ciò che si trova sulla sabbia, l’urto del piede con la battigia potrebbe dare origine ad infiammazioni articolari: meglio indossare scarpe ben ammortizzate la cui suola attutisca i colpi.

I granelli di sabbia nelle sneackers sono inevitabili. Per evitare che lo sfregamento procuri vesciche, applica prima dell’allenamento un buon balsamo piedi nutriente e protettivo.

Per terminare l’allenamento, tuffati in mare: l’acqua fredda ha un effetto rigenerante che promuove il recupero e minimizza la sensazione di fatica.

SNACK SPEZZAFAME

Gli snack spezzafame da scegliere per non avere fame tra pranzo e cena sono sicuramente quelli a base di frutta.

Potete prepararvi in una zuppiera al mattino, una bella e coloratissima macedonia di frutta di stagione. Senza alcun dubbio, questo è il momento migliore in cui, nella scelta, si può spaziare tra frutta esotica e frutta nostrana, frutta secca e frutta succosa!

Il frutto fresco è l’ideale quando fa caldo: rinfresca e, insieme a vitamine, antiossidanti e minerali, fornisce elevate quantità di acqua. Tenete presente che la frutta di colore arancione ha una maggiore concentrazione di carotenoidi, per cui chi ha in previsione una vacanza al mare, dovrebbe preferire le pesche, le albicocche ed i meloni per favorire l’abbronzatura.
Provate a mescolare le bacche di goji, le bacche di cranberry e la polpa di açai a qualsiasi macedonia di frutta fresca e sentirete che delizia!

Ai più “golosoni” che invece impazziscono per gli snack cremosi, suggerisco di utilizzare come elemento di base lo yogurt naturale e sbizzarrirsi poi con le guarnizioni finali.
Prendete un vasetto di yogurt naturale ed aggiungete la granella di cacao ed un po’ di frutta secca e senza perder troppo tempo sul posto di lavoro, gusterete un bel mix energetico e poco calorico!

Serve aiuto? Contattaci