Aprile 2013 - Erboristeria Online | Officinalis Modena
Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

La Graviola in oncologia

La graviola (Annona muricata L.)  è una pianta originaria del Sudamerica il cui frutto dalla buccia verde è di grandi dimensioni; tagliandolo a metà possiamo mangiare la sua polpa, che invece è di colore giallo,  con un cucchiaino o farci dei frullati. In fitoterapia si utilizzano non solo i frutti, ma anche le foglie e la corteccia di questa pianta.

La graviola ha una lunga e ricca storia di utilizzo in erboristeria ed è impiegata dagli indigeni fin dai tempi più remoti. A seconda delle tradizioni, le diverse etnie utilizzavano le foglie o la corteccia della graviola per il fegato, la tosse, l’asma, il parto difficile, come sedativo e cardiotonico, ma anche come antiparassitario. Per uso esterno invece, l’olio del frutto non maturo veniva mescolato ad altri oli per unguenti contro nevralgie, dolori reumatici e artrite.

Recenti studi hanno evidenziato la possibilità che gli alcaloidi presenti nella graviola abbiano forti effetti antidepressivi e, per questo motivo risultano in corso ricerche approfondite. I suoi componenti sono oggetto di sperimentazione per le presunte proprietà anticancerose.

Costituenti principali: la maggior parte delle ricerche sulla graviola è incentrata su un nuovo insieme di sostanze chimiche denominate “acetogenine annonacee” (bis-tetrahydrofuran acetogenis, neoannonin, desacetyluvaricin, bullatacin, asimicin, annoglaucin, squamocin, rollimusin, ecc…).

Le acetogenine annonacee presenti nella graviola sono potenti antiossidanti e selettivamente citotossiche per le cellule tumorali.

Tre gruppi di ricerca separati infatti hanno isolato i composti di acetogenina nella graviola e hanno dimostrato proprietà antitumorali ed anticancerogene significative (toxicity selettivo contro i vari tipi di cellule di cancro senza nuocere alle cellule sane). Sono stati pubblicati 8 studi clinici sulle loro scoperte; molte delle acetogenine hanno dimostrato il toxicity selettivo alle cellule tumorali a dosaggi molto bassi.

La graviola ha proprietà antibatteriche, antielmintiche, antispastiche, antitumorali, modulante dell’umore, antispasmodiche, astringenti, citotossiche, febbrifughe, antipertensive, espettoranti, sedative, stomachiche, vasodilatatrici, pediculicide.

Indicazioni: nella cura delle infezioni batteriche, micotiche, parassiti (pidocchi), ipertensione, febbre, complementare nei protocolli oncologici, depressione, stress, utero-stimolante, antivirale.

Il grado di sicurezza è massimo: non sono state ad oggi sperimentalmente evidenziate alcun tipo di interazioni pertanto risulta atossico, non irritante e non causa sensibilizzazione.

Ovvio che qualora si decida di assumere la graviola come integratore, bisogna informare il medico curante, soprattutto se si stanno già facendo cure farmacologiche, e non è da intendersi come sostituta di altri farmaci.

Non può essere utilizzata in gravidanza ed allattamento (per mancanza di sperimentazioni) e devono prestare attenzione coloro che soffrono  di cuore e di pressione bassa.

 

 

 

La dolcezza degli angeli

Non ci sono parole per descrivere l’emozione che si prova nel tenere un bambino fra le braccia. Una creatura ancora inesperta del mondo, che chiede solo affetto e protezione.

E così è la sua pelle nei primi mesi di vita: un organo immaturo che ha bisogno di essere protetto. Come da un angelo, un essere di luce che lo custodisce e lo guida nel suo cammino verso la vita adulta.

Angeli Baby è l’angelo custode della sua pelle: una linea di prodotti creata per la cura e l’igiene dei vostri bambini fin dai primi giorni.

Completamente naturale e non testata sugli animali, senza PEG, allergeni, conservanti, SLS, SLES, coloranti e oli minerali, Angeli Baby rafforza il legame d’amore tra bambini e genitori.

La linea è composta dalla spuma delicata dove la leggerezza di avena, cocco, pantenolo e calendula sono combinati in una soffice mousse per detergere le pelli delicate dei più piccini. Grazie alla pratica confezione, il momento del bagnetto diventerà facile, divertente ed economico, perchè è adatta per il corpo, il viso ed i capelli; inoltre non cola sugli occhi e si risciacqua facilmente. Spuma delicata è indicata anche per la doccia.

Il latte detergente cremoso per viso e corpo è indispensabile per la cura e l’igiene quotidiana perchè, grazie agli oli vegetali e ai prinicipi attivi idratanti ed emollienti, elimina delicatamente ed in profondità ogni tipo di impurità, lasciando la pelle morbida e pulita. Indicato anche come crema per il corpo, è pratico fuori casa, anche per il cambio pannolino senz’acqua.

Il ricco olio corpo si presta a moltissimi usi: merito della sua formulazione completamente naturale, impreziosita da pregiati oli vegetali e vitamine, che permettono di eseguire dolci massaggi e di idratare la pelle sia asciutta che bagnata. Altamente indicato nel trattamento della crosta lattea e come detergente senz’acqua per la pulizia del sederino irritato.

L’ossido di zinco combinato con principi attivi lenitivi e decongestionanti, arricchisce la pasta protettiva in una formulazione appositamente studiata per alleviare le irritazioni cutanee dovute al pannolino e al contatto con liquidi biologici come urina, sudore e saliva. Protegge la pelle formando uno strato impermeabile che evita il contatto con agenti irritanti, lasciandola respirare e facilitandone la guarigione.

 

Per la protezione della pelle del tuo bambino è importante scegliere detersivi creati con formule specifiche che la rispettino e che non lascino residui dannosi sui suoi vestiti.

Il detersivo degli angeli grazie a tensioattivi non aggressivi di origine vegetale, permette di lavare tutti i tipi di capi, mentre l’olio essenziale di tea tree igienizza a fondo anche in acqua fredda per un bucato impeccabile.

Una coccola soffice per avvolgere gli indumenti dei nostri piccini e per presevarli morbidi ed igienizzati a lungo è lammorbidente degli angeli, che grazie all’innovativa formula a base di olio di cotone e di tensioattivi ammorbidenti, utilizzati anche nei prodotti cosmetici, è sicuro, igienico ed efficace. A mano ed in lavatrice.

Ogni mamma si trasforma in angelo quando accudisce il suo bimbo.

8 maggio: test delle INTOLLERANZE ALIMENTARI

Segnatevi la data: mercoledì 8 maggio Daniela eseguirà il test delle INTOLLERANZE ALIMENTARI (Vega test) e sarà a vostra disposizione per qualsiasi chiarimento o informazione.

La giornata dedicata alle intolleranze si terrà in erboristeria sia al mattino che al pomeriggio, la seduta durerà circa 45 minuti/1 ora al costo di € 45,00 e sarà solo su prenotazione.

Approfittatene per capire quale alimento o sostanza contenuta nei cosmetici che mi crea problemi, gonfiori, arrossamenti, pruriti, forfora,…

Per prenotare, potete chiamarmi in negozio oppure per mail!

 

Domenica 28 aprile: l’antico in Piazza Grande

Domenica 28 aprile torna l’antiquariato in Piazza Grande, quindi potrebbe essere una bella occasione per fare shopping in centro!

Io sarò aperto coi seguenti orari:

  • 10:00-13:00
  • 16:00-19:30

Shopping in centro, un’emozione per tutti!

Più luce con il trucco minerale

Il make-up minerale è un concetto cosmetico innovativo, che propone un trucco assolutamente naturale, basato su ciò che Madre Terra ha di più raro e semplice da offrire: i pigmenti e le sostanze minerali.

Quali sono i vantaggi del trucco minerale?

  • minimizza i rischi di allergie poichè contiene esclusivamente materie prime eudermiche profondamente affini alla pelle ed è privo di ingredienti difficilmente tollerabili dalle pelli più sensibili
  •  protegge la pelle dall’inquinamento atmosferico, la lascia respirare e non occlude i pori
  •  ha una tenuta ed una resa senza precedenti, decisamente superiore ai cosmetici da trucco tradizionali, grazie alle alte concentrazioni di pigmenti minerali.

Il trucco minerale Lepo utilizza esclusivamente pigmenti naturali ricavati dal mondo minerale, altamente micronizzati e purificati, che non contengono coloranti di sintesi.

Senza talco, senza oli, senza parabeni, senza profumo, senza coloranti di sintesi, Nickel tested.

Per un look perfetto, luminoso e assolutamente naturale nasce la polvere minerale che minimizza i rischi di allergia: particolarmente indicata a chi ha la pelle molto sensibile e delicata, ma anche a chi sente l’esigenza di un prodotto nuovo e leggero, che garantisca performance molto elevate, tra cui la notevole scorrevolezza e sfumabilità, l’ottima aderenza e l’assoluta naturalezza.

Gli ingredienti di base sono pigmenti e sostanze minerali purificati al massimo grado e in grande concentrazione (ossidi di ferro, biossido di titanio, mica, sericite naturale). Applicando la tecnica di micronizzazione dei minerali, si ottiene una polvere minerale pura, a carattere non occlusivo e non comedogenico, dalla texture particolarmente morbida, dall’effetto uniformante e a lunga tenuta.

La polvere minerale sostituisce cipria e fondotinta. Copre perfettamente le imperfezioni della pelle, aiutando a mascherare acne, couperose e macchie cutanee.

Agisce da filtro solare naturale perchè le polveri micronizzate minerali costituiscono uno schermo solare “fisico” che contrasta gli effetti dannosi dei raggi UVA e UVB; è disponibile in 4 colori.

Per applicare al meglio sul viso la polvere minerale è bene utilizzare il pennello kabuki, tradizionale pennello giapponese morbido, largo e denso, ed è l’accessorio indispensabile per una copertura efficace ed ottimale.

Per le labbra è stato formulato il lipgloss minerale ultra-brillante, a effetto specchio, a base di pigmenti minerali puri. Arricchito con oli biologici di Argan e Macadamia, mantiene le labbra morbide e idratate.

Contiene un filtro solare che protegge dai raggi UVA e UVB (SPF 15)  ed è in tre tonalità.

Senza coloranti di sintesi, senza conservanti, Nickel tested.

 

 

 

 

 

I pollini, che fastidio…

Con l’arrivo della primavera si ha l’inizio di una nuova fase: la natura infatti si risveglia e con lei i colori ed i profumi si fanno sempre più intensi. Non tutte le persone però, vivono questo momento con esultanza, in quanto si ripresenta il problema delle allergie!

L’allergia è la risposta del sistema immunitario ad un elemento estraneo al nostro organismo, che reagisce in maniera eccessiva, innescando il processo di sensibilizzazione; tale processo consiste nella formazione di anticorpi che devono fronteggiare l’allergene “nemico”.

In primavera gli allergeni sono rappresentati dai pollini, i quali causano starnuti frequenti, gocciolamento nasale, lacrimazione, prurito nasale ed oculare, congestione nasale ed occhi lucidi, ma a volte anche stanchezza, irritabilità, ecc…

Nel polline sono contenute alcune sostanze (gli antigeni) che rendono sensibili soggetti predisposti. Nella persona allergica, gli antigeni vengono rilasciati a livello delle mucose respiratorie e provocano una forte reazione del sistema immunitario.

Non tutti gli allergici ai pollini cominciano a starnutire e lacrimare nello stesso periodo: dipende da quale tipologia di pianta il soggetto risulta sensibile.

Per verificare il problema, si può effettuare il Prick test, detto anche test cutaneo o cutireazione con allergeni,  che consiste nel porre sull‘avambraccio una goccia di soluzione acquosa di differenti allergeni; se si è allergici alla sostanza, entro pochi minuti si formerà un ponfo che fa prurito.

Oppure si fa il Rast cioè un test basato su di un prelievo di sangue e sulla ricerca degli anticorpi specifici presenti per una o più sostanze allergizzanti.

In maniera più empirica si può  indicativamente capire a quali piante si è allergici in base al periodo in cui si manifestano i disturbi. E così, basta seguire il calendario pollinico in cui viene stilato il periodo di fioritura delle piante:

 

Nocciolo: da gennaio a fine marzo.

Olmo: da metà febbraio ad aprile.

Pioppo e Salice: da marzo a fine maggio.

Parietaria: da maggio a settembre ( soprattutto sulle coste a sud dell’Italia ).

Betulla: da aprile a metà giugno.

Quercia, Faggio, Platano, Pino: da metà maggio a metà agosto.

Piantaggine, Acetosa: da maggio ad agosto.

Graminacee: da metà maggio a metà settembre.

Tarassaco: da maggio a giugno.

Ortica: da maggio a settembre inoltrato.

 

Cosa possiamo fare? Stare tappati in casa? Uscire con la mascherina? E rovinarci in questo modo le meravigliose giornate primaverili?!?

Se partiamo con un po’ di anticipo riusciamo a prevenire o ad alleviare i disturbi.

Il rimedio di base per eccellenza è il Ribes nigrum gemmoderivato(ad azione cortison-like), che va ad alzare il sistema immunitario dei soggetti allergici alla dose di 50 gocce circa per due volte al giorno  in acqua. Per aumentarne l’efficacia, sarebbe opportuno affiancarci anche loligolito DIA 1 , ovvero delle fialette composte dall’oligoelemento Manganese in associazione coi litoterapici Rodonite e Calcopirite aurifera in tracce, delle quali se ne assume una a giorni alterni, al mattino a digiuno.

Questo abbinamento è indicato anche per i bambini piccoli, le donne in gravidanza, gli anziani,… ovviamente con dosaggi differenti!

Se l’allergia si manifesta soprattutto a carico delle vie aeree superiori e quindi a livello dell’apparato respiratorio, possiamo assumere invece le gocce di  Ribes composto oppure le compresse di Allfor-Plus più “robuste” e complete per affrontare starnuti e gocciolamenti nasali.

Se invece i pollini creano problemi di tosse secca e convulsiva, broncospasmo, ecc…il prodotto giusto da integrare al Ribes è il Rosolaccio composto ad azione emolliente e lenitiva sulla mucosa orofaringea.

Per gli occhi che lacrimano e bruciano, un prodotto eccezionale è il TG1 occhi, collirio monodose ad azione antinfiammatoria, adatto anche per tutti coloro che indossano lenti a contatto e pratico da portarsi quando si va all’aria aperta.

Cerchiamo in questo caso di non uscire nelle giornate secche e ventose perchè con questo clima la concentrazione di pollini nell’aria è molto elevata, mentre è minima quando piove. Allo stesso tempo, non dedichiamoci al giardinaggio o al taglio dell’erba.

 

 

 

Capelli forti e lucenti

Se spazzolando la vostra chioma avete notato “troppi capelli” impigliati nel pettine, niente panico! Col cambio di stagione è facile notare la perdita di qualche capello ed un rimedio molto casalingo e poco dispendioso è la polvere d’Amla.

Vi rimando allarticolo di qualche mese fa e consiglio questa maschera capillare anche a tutte le persone che soffrono di allergie o pruriti, perchè in questo modo vengono evitati tutti quegli elementi chimici che potrebbero dare fastidio.

Prima di applicare sulla cute la “pappetta”, proteggete le spalle con un telo di plastica o una mantellina così, se dovesse colare l’amla, non vi sporcate; le prime volte che si prepara la miscela, è facile abbondare con le dosi o imbrattare il bagno ma non vi preoccupate perchè si lava tranquillamente.

Se vi resta ancora della miscela, potete sempre utilizzarla come maschera per il viso o per il corpo come anti-age!

Miscela antitarme naturale

Pronti per il “cambio dell’armadio”? Non parlo certamente di un trasloco, anche se molti, dopo tutta la pioggia dei giorni scorsi ci avevano pensato!!! E’ giunto il momento di riporre la lana nei cassetti più bassi o nell’armadio della nonna, ma facciamo in modo da proteggere i nostri capi d’abbigliamento dalle tarme.
Le tarme sono delle piccole farfalle appartenenti alla famiglia della Tineidae provviste di ali frangiate dai colori giallo-grigio, che durante la fase di sviluppo si nutrono di tessuti quali lana, seta e cotone.
Ma come mai si divertono a bucherellarci i maglioni?
Le tarme sono in grado di trasformare la cheratina degli indumenti (ma anche dei capelli e dei peli) in cibo e sono ghiotte soprattutto degli abiti umidi perchè le larve non bevono acqua, quindi deve contenerne il loro pranzetto!

Volete qualche consiglio utile per non avere sgradevoli sorprese l’autunno prossimo?
Per prima cosa sappiate che dovete lavare ed asciugare accuratamente i vestiti, ma non dimenticatevi di pulire anche i ripiani degli armadi con un pannetto asciutto.
Per profumare il guardaroba e non avere il classico odore della naftalina come i nostri nonni un tempo, possiamo servirci di sostanze naturali, sia spezie che oli essenziali.
Avete del tulle, residuo di qualche bomboniera? Mangiatevi i confetti ed utilizzatelo per confezionare dei profuma-biancheria: miscelate alcune spezie tipo Pepe nero, pezzettini di Cannella e Chiodi di Garofano assieme a dei fiori di Lavanda e se vogliamo “irrobustire” il profumo, versiamoci sopra i relativi oli essenziali con l’aggiunta dello.e. di legno di Cedro.
Lasciamo riposare la miscela in una busta di carta in modo ch gli oli essenziali vengano assorbiti completamente dai vegetali (e quindi non non sporchino gli abiti), poi prepariamo i sacchettini col tulle da riporre nei cassetti e nell’armadio. Il tulle lascerà che gli oli essenziali sprigionino il loro aroma ed in questo modo eviteremo che le tarme nidifichino tra i nostri vestiti!
Questa potrebbe essere un’idea carina per dei piccoli pensierini o come segnaposto…

Se non vogliamo complicarci troppo le cose, si possono adoperare i gessetti d’argilla o dei batuffoli di cotone come base per versarvi sopra la miscela di oli essenziali, ricordandovi ogni tanto di rinnovare la profumazione.

Proprietà dell’olio di semi di Canapa

L’olio di semi di canapa si estrae dalla spremitura a freddo dei semi di Cannabis Sativa L. Si presenta di colore variabile tra il verde chiaro e il verde scuro ed ha un odore ed un sapore gradevole, simile all’olio di nocciola tant’ è che lo possiamo utilizzare come condimento di insalate, pasta, pesce.. sostituendolo benissimo agli altri oli vegetali che comunemente adoperiamo.
La particolarità che lo contraddistingue è il sue equilibrio ottimale tra contenuto di omega 6 e omega 3, presenti in rapporto di 3:1.
Insieme ai pesci, ai semi di lino ed ai relativi oli, l’olio di semi di canapa è una delle poche fonti alimentari di acido alfa linolenico (il maggior rappresentante degli omega 3); al contrario, in quasi tutti gli altri oli consumati in Italia tale rapporto è decisamente spostato verso gli omega 6 (rappresentato soprattutto dall’acido linoleico).

Rapporto omega 6/ omega 3 in alcuni oli di uso comune:
Olio di lino 1:4
Olio di colza 2:1
Olio di canapa 3:1
Olio di soia 8:1
Olio di oliva 9:1
Olio di germe di grano 10:1
Olio di arachidi 62:1
Olio di girasole 71:1

Numerosi studi affermano che l’eccessivo apporto di acidi grassi omega 6, a fronte di una ridotta assunzione di omega 3, promuova l’insorgenza di patologie di natura infiammatoria (dermatite, asma, artrite reumatoide…) ed aumenti il rischio cardio vascolare.
L‘olio di semi di canapa fa diminuire in breve tempo i livelli di colesterolo “cattivo” LDL e di quello totale, attenuando il rischio di trombosi ed abbassa pure i trigliceridi.
Previene e riduce l’arterioscleresi perchè mantiene più elastiche le pareti dei vasi sanguigni, evitando l’accumulo di grasso nelle arterie.
La carenza di omega 3 è strettamente collegata anche alla dismenorrea, per cui consiglio alle donne di assumere quotidianamente questa fonte naturale di acidi grassi essenziali.
Un cucchiaio di olio di semi di canapa (10 gr circa) fornisce all’organismo 1,7 gr di omega 3 arrivando a coprire l’intero fabbisogno dell’adulto. Non dobbiamo pensare però di sostituirlo al consumo del pesce in quanto nell’olio di semi di canapa non troviamo significative quantità di acido eicosapentaenoico (EPA) e acido docosaesanoico (DHA) importanti anch’essi per la nostra salute.

Altri benefici li abbiamo nella menopausa, per l’osteoporosi, nelle infezioni alla vescica, nel colon irritabile e nel morbo di Crohn.
Gli omega 3 sono indicati a livello cerebrale per i deficit della memoria e problemi d’apprendimento, difficoltà di concentrazione, mancanza di attenzione, nella depressione cronica ed anche per quella post parto.
Come antinfiammatorio cutaneo è indicato per la psoriasi, gle eczemi, le dermatiti secche e le micosi: efficacissimo per i funghi delle unghie, spalmato direttamente sulla pelle.

Questo ottimo alimento deve essere consumato preferibilmente crudo e per il suo basso punto di fumo non va impiegato nelle fritture. Grazie al suo gradevole sapore può essere utilizzato per condire insalate, cereali, zuppe, sughi, pasta, riso o sul pane, al posto del tradizionale olio di oliva.
Ma quante calorie ha?
Ogni grammo di olio di semi di canapa fornisce all’organismo solo 9 calorie!
Per godere a pieno del valore nutrizionale dell’olio di canapa e prevenire i fenomeni di ossidazione e irrancidimento, è molto importante scegliere prodotti estratti per spremitura a freddo e conservati in bottiglie di vetro scure, ben chiuse e poste al riparo da fonti di luce e calore. Dopo l’apertura, l’olio di semi di canapa andrebbe conservato in frigorifero.

Altri componenti di quest’olio sono la vitamina E ed i fitosteroli ed inoltre possono essere presenti anche tracce di cannabinoidi quali tetraidrocannabinolo (THC) talmente esigue da rendere improbabile qualsiasi fenomeno di “tossicità” (ne servirebbero alcuni litri al giorno).

Infine, una curiosità: può essere bruciato ed utilizzato come bio-combustibile nei motori Diesel o sfruttato come solvente naturale non inquinante per vernici.

Tutti contro l’Argento colloidale Ionico…ma io non ci sto!

Ci risiamo un’altra volta: un altro elemento naturale viene messo al bando e demonizzato dalle nuove disposizioni di legge. Sto parlando dell’Argento Colloidale Ionico.
L’argento è un potente antibiotico naturale usato da migliaia di anni. Veniva utilizzato già all’epoca degli antichi Romani per la coniazione delle monete, del vasellame,…e dal Rinascimento in poi l’argento fa il trionfale ingresso nella vita di tutti i giorni: in tavola con piatti, posate e coppe, per l’igiene personale con brocche e catini, in contenitori dove veniva conservato il cibo, in attrezzature chirurgiche,…
I lignaggi reali, che al tempo utilizzavano posate, brocche, contenitori, ecc. d’argento, si ammalavano difficilmente e le infezioni erano rare; venivano chiamati “Sangue Blu” per la caratteristica tinta bluastra del loro sangue dovuta alle tracce minime di argento puro assorbite con il cibo.
L’argento colloidael ionico (ACI) è un prodotto di straordinaria efficacia, a spettro totale e privo dei limiti e degli effetti collaterali degli antibiotici di sintesi. Conosciuto da tempo in ambito medico alternativo per le sue speciali proprietà, è ricavato mediante un processo di elettrolisi in cui si utilizzano due elettroni di argento puro immersi in acqua demineralizzata ai quali viene applicata una differenza di potenziale.
Durante tale processo si formano ioni di Argento Ag+ che si staccano dagli elettroni rimanendo in sospensione in acqua. Il termine colloide indica una soluzione di particelle finissime di argento puro in sospensione in acqua distillata; il termine “ionico” indica che nella soluzione acquosa è presente sotto forma di ioni.
L’Argento Colloidale Ionico agisce come catalizzatore bloccando l’azione dell’enzima da cui virus e batteri dipendono per vivere, in quanto essi non hanno la possibilità di sviluppare i meccanismi di difesa contro l’argento colloidale ionico. Test di laboratorio dimostrano che poche gocce di Argento Colloidale Ionico provocano in soli 6 minuti la morte di circa 650 tipologie tra funghi, batteri e virus patogeni unicellulari.
L’ACI aiuta a ridurre le infiammazioni e favorisce la ricrescita dei tessuti danneggiati agevolando un rapido risanamento.
INDICAZIONI:
– alitosi
– allergie di varia natura
– bronchiti
– colera
– gastriti
– fuoco di S.Antonio
– candide
– asma
– infezioni da streptococchi e stafilococchi
– intossicazioni alimentari
– parassiti intestinali
– salmonellosi
– reflusso
– diverticoliti
– gengiviti
– infiammazioni di varia natura
Tutto ciò ora non è più possibile!!!
In merito alle nuove disposizioni di legge in vigore: ai sensi di quanto previsto dal REGOLAMENTO (CE) N. 1170/2009 DELLA COMMISSIONE del 30 novembre 2009 che modifica la direttiva 2002/46/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e il regolamento (CE) n. 1925/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda gli elenchi di vitamine e minerali e le loro forme che possono essere aggiunti agli alimenti, compresi gli integratori alimentari, è vietato l’impiego dell’argento colloidale in preparati destinati all’ingestione come alimenti e integratori.

Tale divieto non riguarda prodotti ad uso topico come i cosmetici disciplinati da altra e diversa normativa: in tali prodotti l’argento colloidale può essere utilizzato.
L’Argento Colloidale Ionico Solimè è destinato unicamente ai cosmetici e quindi all’uso topico, come specificatamente indicato in etichetta da lista ingredienti INCI e precise istruzioni per l’uso.

Da oggi quindi dovremo dire che l’Argento Colloidale Ionico sarà utilizzabile per uso esterno:
– acne
– herpes
– micosi
– psoriasi
– verruche
– emorroidi
– piaghe da decubito
– ustioni
– dermatiti da contatto e allergiche
– geloni
– eczemi
– otiti
– congiuntiviti
Si potrà usare tal quale sulle parti interessate oppure veicolato in una crema a base vegetale; puro direttamente come gocce oculari.
Ottimo per garantire l’igiene intima mettendo alcune gocce direttamente sulla biancheria o tal quale sulle parti interessate.
Sanificante per disinfettare spazzolini da denti, sanitari in genere, nell’ultimo risciacquo della lavatrice e per sanificare ortaggi e frutta.
Si può usare anche in veterinaria per gli animali domestici e non, come pure in agricoltura per difendere le piante dalle malattie e dagli attacchi di parassiti.
L’importante è conservare l’Argento Colloidale Ionico nel flacone originale tenuto al buio e non a contatto con metalli (es. cucchiai per la diluizione), lontano da apparecchiature elettroniche.
Non crea dipendenza, è inodore, incolore, insapore.
Con questo articolo vorrei rassicurare i miei clienti e tutti coloro che fino ad oggi hanno acquistato ed utilizzato l’Argento Colloidale Ionico, che non ci saranno effetti collaterali futuri: non diventeranno delle controfigure dei Puffi, non spunteranno le orecchie di Spock di Star Trek, o altre patologie strane.
Dovremo purtroppo sottostare a queste nuove disposizioni che ci vengono dall’alto e sperare che anche in futuro non ci tolgano altri elementi naturali basilari per la professione dell’erborista.

Serenoa repens per i problemi dell’uomo

La Serenoa repens (W. Bartram) Small è una palma nana che cresce negli Stati Uniti ed è conosciuta anche come Sabal serrulata o Saw palmetto; questo vegetale viene impiegato nel trattamento dell’ipertrofia prostatica benigna e dell’alopecia, con ottimi risultati e buona tollerabilità.
Entrambi i problemi sono causati da un’abbondanza di diidrotestosterone o DHT nell’uomo. Il testosterone viene trasformato in DHT dall’enzima 5-alfa-riduttasi a livello della cute, del fegato e della prostata.
Quali sono i sintomi?
L’ipertrofia prostatica è il bisogno urgente e frequente di urinare, provocando anche risvegli notturni ripetuti accompagnati da una sensazione di fastidioso bruciore o talvolta difficoltà proprio nella minzione stessa.
La causa di tutto ciò è l’ingrossamento della ghiandola posta sotto la vescica e adiacente l’uretra, soprattutto negli uomini dai 40 anni circa in su.
Un valido prodotto che io consiglio è il ProstaFactors, che ha un alto dosaggio di Serenoa repens ed è coadiuvato dai semi di Zucca e dalla lecitina di Soia; non ha effetti collaterali e soprattutto voglio rassicurare gli uomini sul fatto che non si incorre in un “calo del desiderio”, nè in disfunzioni erettili.
Chi soffre di problemi prostatici dovrebbe inoltre modificare alcune abitudini come alcool e fumo, limitare gli sport con frequenti sollecitazioni al basso ventre tipo ciclismo, corsa, ecc…e viaggi in auto su strade dissestate.
La Serenoa repens è indicata anche per la calvizie e l’alopecia perchè, ostacolando la formazione del 5-alfa-riduttasi, si rallenta la caduta del capello.
L’azienda italiana Le Kuth ci fornisce di un trattamento fluido anticaduta chiamato appunto Caduta Urto da applicare direttamente sulla cute. Oltre alla Serenoa repens, le sostanze funzionali presenti sono il Pygeum africanum, la Bardana, il Luppolo, il Ginseng, lo Zenzero e la vitamina E che, in sinergia con le cellule staminali vegetali, favoriscono la ricrescita del capello stimolando l’ossigenazione.
Cercate nella sezione “news ed eventi” del sito, la data per la consulenza gratuita sullo stato di salute dei vostri capelli ed approfittatene…

Serve aiuto? Contattaci