Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

TROPPI ZUCCHERI = DIABETE

Il diabete è un’alterazione metabolica che prende origine da una scarsa o assente produzione di insulina da parte del pancreas; a volte succede che l’organismo non è capace di utilizzare l’insulina prodotta e si è in presenza così di insulino-resistenza.

Purtroppo il diabete è una patologia che sta coinvolgendo sempre più persone a livello mondiale: colpa dei cibi eccessivamente raffinati che risultano i leader indiscussi dei nostri piatti, uno stile di vita scorretto ed il poco movimento sono le cause principali.

Gli obesi e coloro che hanno una certa predisposizione all’iperglicemia sono le persone più a rischio!
Sul DNA si può fare ben poco, ma sui livelli di zucchero nel sangue invece sì.

L’obeso infatti, per metabolizzare il glucosio introdotto con l’alimentazione, produce una maggior quantità d’insulina e quando il pancreas ad un certo punto non è più in grado di svilupparne la quantità necessaria, permette l’ingresso del glucosio nel sangue. Ecco allora, che l’individuo comincia a soffrire di iperglicemia, quindi diventa diabetico.

Esistono due tipi di diabete:

  • Diabete di tipo I si manifesta generalmente in giovane età ed è una malattia autoimmune causata dalla distruzione delle cellule beta del pancreas da parte di anticorpi “impazziti”. Chi ne soffre è insulino-dipendente.
    I sintomi sono una iperproduzione di urina (soprattutto di notte), offuscamento della vista, ed attacchi di fame e sete improvvisi.
  • Diabete di tipo II, o senile, si evidenzia con l’aumento della glicemia già a digiuno, quando il pancreas comincia a non produrre più la quantità necessaria d’insulina.
    In questo caso, non ci sono sintomi evidenti, ma solo le analisi del sangue ci possono venire in aiuto.

Si parla di iperglicemia quando al paziente a digiuno viene riscontrato un valore glicemico nel sangue uguale o superiore a 126 mg/dl.

Quando viene diagnosticata una iperglicemia (ma anche quando ci si avvicina al limite massimo), è consigliabile l’utilizzo degli oligoelementi zinco-nichel-cobalto ( Oligolito DIA 5a) che regolano in maniera efficace l’asse ipofiso-pancreatico: si assume una fiala al mattino prima di far colazione, trattenendo per qualche minuto la soluzione sotto la lingua per favorirne l’immediato assorbimento.

Prima dei pasti invece, bisogna deglutire 1 compressa di Glucosyn in quanto gli estratti di Gimnema, Gelso bianco, Cannella e Patata americana contribuiscono con efficacia a ridurre i livelli di zucchero nel sangue.

La fitoterapia ci viene in aiuto, ma bisogna anche sapersi regolare! L’attività fisica ed una corretta dieta alimentare contribuiranno a mantenere sotto controllo il peso corporeo ed i valori di glicemia.

Ricorda che il diabete, se trascurato, potrebbe portare a grossi problemi di vista, nonchè a blackout a livello renale e cardiocircolatorio.

I commenti sono chiusi

Powered by Web Agency - Esc