Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

SPAZZOLINO DA DENTI: ISTRUZIONI PER L’USO

La pulizia dei denti è l’ultima cosa che si fa prima di andare a letto; talvolta questa operazione viene effettuata molto frettolosamente e molte volte non viene eseguita correttamente perchè viene sottovalutata la sua importanza. Questo è un grosso errore in quanto, a lungo andare, si possono verificare vari problemi, primo fra tutti la carie.
Ci si accorge che qualcosa non va quando si comincia ad essere estremamente sensibili al caldo e al freddo e si avverte dolore quando si mangiano i dolci.

La tecnica per lavarsi i denti correttamente è quella di muovere lo spazzolino in verticale (e non in senso orizzontale come fanno in tanti), lavando un’arcata alla volta; lo spazzolino va adagiato inclinato tra la gengiva e il dente ed il movimento deve essere rotatorio in modo da far passare le setole su tutto il dente. Ovviamente per lavare l’arcata superiore occorre spazzolare i denti dall’alto verso il basso, mentre per quella inferiore il movimento è opposto.

Non bisogna poi dimenticarsi della lingua. Essendo porosa e ruvida, essa risulta un ottimo substrato per la colonizzazione di batteri che contribuiscono inoltre a dar problemi di alitosi.

Istruzioni per l’igiene dentale:

  1. Lavare i denti dopo i pasti principali.
  2. Impiegare almeno 2-3 minuti per la pulizia dentale.
  3. Usare almeno una volta al giorno il filo interdentale o lo scovolino per pulire gli spazi interdentali ed anche il colluttorio per igienizzare meglio tutta la bocca (lingua compresa).
  4. Cambiare lo spazzolino ogni 3 mesi oppure quando ci si accorge che le setole son rovinate.
  5. Andare dal dentista ogni 6 mesi/1 anno per un controllo.

E’ sin da piccoli che s’imparano le tecniche di pulizia dei denti, per cui è importantissimo insegnare ai bambini a non trascurare l’igiene orale.

Solimè ha realizzato due prodotti specifici per pulire i denti e sanificare la bocca: OS Remargin Pasta Dentifricia e OS Remargin Colluttorio.
Il dentifricio è costituito dal colostro, noto per le proprietà antinfiammatorie e cicatrizzanti, e dal limone dall’attività astringente e purificante. Il colluttorio è formulato con colostro, aloe, limone e semi di pompelmo con funzione antibatterica, indicato anche per rinfrescare l’alito e per i fumatori.
Entrambi non contengono fluoro, xilitolo, conservanti chimici, coloranti, abrasivi, aromi di sintesi, zuccheri, iodio e menta, rendendoli così compatibili con le cure omeopatiche.

Attenzione a quello che si mangia. Esistono cibi che contrastano le sostanze acide che erodono lo smalto dei denti e tra queste troviamo il latte e le fibre delle verdure che richiedono una lunga masticazione e, quindi, salivazione, che rimuove i residui. I cibi pericolosi sono la frutta dolce ed i relativi succhi, lo zucchero, i biscotti, le caramelle, le bibite gassate, il cioccolato ed anche i farmaci confettati cioè lavorati con saccarosio.
Per i cibi acidi tipo gli agrumi, i pomodori, le fragole, l’uva e l’aceto che alterano il pH della bocca, occorre attendere almeno 30 minuti prima di effettuare la pulizia.

I commenti sono chiusi

Powered by Web Agency - Esc