Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

SOS BIJOUX

Da anni ormai la moda ci insegna che il dettaglio fa la differenza e ci sono negozi di accessori che propongono una vasta scelta di bijoux: collane, bracciali, orecchini, charms e tanto altro ancora.
Per orientarsi nella scelta giusta, occorre prestare enorme attenzione al materiale con cui sono fatti questi gioielli di bigiotteria in quanto vengono indossati, a volte per parecchie ore, e possono dare reazioni allergiche alla pelle.

Il Codice del Consumo, in vigore dal 2005, dichiara che la bigiotteria commercializzata nel nostro Paese deve avere un’etichetta che dichiari il produttore o l’importatore, i materiali utilizzati e le sostanze potenzialmente pericolose, compresa la presenza di metalli che, seppure entro i limiti, potrebbero causare allergie:

  • il Nichel può esser presente negli orecchini e nei piercing (quindi in aree di pelle perforate) se non rilasciano più di 0,2 microgrammi per cm2 alla settimana, mentre per le altre zone del corpo il limite è di 0,5;
  • da settembre 2012 la UE ha vietato l’impiego di Piombo superiore o uguale allo 0,05% in peso dell’oggetto indossato;
  • per quanto concerne il Cadmio invece da fine 2011 l’UE ha vietato la presenza totale in ogni articolo di bigiotteria perchè è altamente tossico e cancerogeno.

Qualora il contenuto di questi metalli fosse maggiore del limite consentito, ma potremmo allargare il discorso anche ai coloranti ed ai collanti presenti negli articoli, queste microparticelle potrebbero penetrare sottocute e dare origine ad allergie o peggio.

Aumentano sempre di più le persone che manifestano dermatiti allergiche da contatto al Nichel: ezemi, arrossamenti, pustole, gonfiori, accompagnati o meno da prurito. Mescolato poi al sudore della pelle, la zona interessata tende ad allargarsi e ad aggravare la situazione.
Il Nichel è presente in tantissimi oggetti coi quali quotidianamente veniamo a contatto, come pure negli alimenti e  nei cosmetici ed il nostro organismo accumulando questo metallo, diventa sempre più sensibile ed intollerante.
Gli orecchini ed i piercing invece sono più pericolosi perchè  il perno che va inserito nella pelle perforata può dare origine a delle infezioni.

Se ci si accorge di avere delle zone arrossate e che fanno prurito, occorre eliminare qualsiasi gioiello di bigiotteria e detergersi con il PS19 Shampoodoccia, dopodichè sulla parte interessata va spalmata la PS 19 pomata per calmare l’irritazione; se il prurito interessa la cute ed il cuoio capelluto c’è PS 19 lozione,uno spray che non unge i capelli e può essere utilizzato tutti i giorni. Questa è una linea di prodotti specifici per le dermatiti ed i pruriti cutanei, a base di Aloe vera dall’attività antinfiammatoria.
Per allontanare gli allergeni dall’organismo occorre depurare il fegato in modo deciso: EIS pelle è un estratto in gocce le cui piante danno benefici a livello cutaneo e durante le crisi pruriginose occorre assumere il PSC Ribes nigrum che svolge un’azione cortison-like.

Quando acquisti i bijoux:

  • controlla sempre l’etichetta accompagnatoria su cui deve esser precisato il materiale e la provenienza. Non fidarti di bancarelle o negozi di dubbia serietà nei quali potresti trovare merce contraffatta;
  • non indossare la bigiotteria per molte ore al giorno e dopo averla tolta, puliscila accuratamente, in modo particolare orecchini e piercing;
  • in caso di reazioni allergiche gravi o infezioni, rivolgiti ad un medico.

 

I commenti sono chiusi

Powered by Web Agency - Esc