Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

MAMMA, MI FA MALE LA TESTA…

Il dolore alla testa non è un disturbo che riguarda solo i grandi: anche i bambini possono soffrirne, alcuni in maniera saltuaria, altri con una certa frequenza.

I mal di testa più comuni si dividono in emicrania e cefalea tensiva: la prima è caratterizzata da dolore pulsante che può svilupparsi solo su una tempia o su entrambe, mentre la seconda si manifesta con un dolore moderato che cresce lentamente e che avvolge la testa come un cerchio ed a volte si irradia anche al collo. In questo caso, il dolore è di tipo continuo, ma non pulsante e non eccessivamente forte.

Se il bambino va soggetto frequentemente a dolori alla testa, è opportuno fare una visita specialistica, anche perchè alla base potrebbe esserci un problema di tipo alimentare. Soprattutto quando il dolore si concentra sulla fronte e sopra l’occhio, il mal di testa può esser legato ad una gastrite dovuta a una o più intolleranze alimentari.
Fra gli alimenti che più comunemente danno problemi ci sono il latte ed i suoi derivati ed il glutine.

I bambini più a rischio sono quelli che hanno i genitori a loro volta afflitti dallo stesso disturbo; esiste, infatti, una certa familiarità, soprattutto per l’emicrania.

Se sentiamo dire: “Mamma, ho mal di testa…” possiamo somministrare poche goccine sublinguali o diluite in acqua o succo di frutta di PSC Salix alba, un ottimo rimedio antidolorifico ad effetto immediato che non danneggia la mucosa dello stomaco.
Nel 1828 un gruppo di ricercatori isolò proprio dal salice, la salicina una molecola attiva per lenire i dolori corporei e da lì, più tardi, venne formulata l’aspirina il cui principio attivo è il derivato della salicina cioè l’acido acetil-salicilico.

Quando il mal di testa è legato a difficoltà nel dormire, si può ricorrere al gemmoderivato di tiglio (Tilia tomentosa), sicuramente prima di metterlo a letto ma anche per il riposino pomeridiano.
Se siamo in presenza di intolleranze alimentari, oltre a cambiare la dieta, si può somministrare il gemmoderivato di ribes (Ribes nigrum) prima dei pasti. Questo rimedio è utile anche in caso di cefalea associata a raffreddamento, allergie e sinusiti.

Se il dolore si scatena dopo i pasti, il gemmoderivato di fico (Ficus carica) aiuterà la digestione e favorirà il miglioramento.

Si possono associare più gemmoderivati nel caso in cui molteplici cause concorrano al problema.

Quando il piccolo è in preda al mal di testa, occorre stenderlo sul letto, in una stanza tranquilla e non rumorosa (spegnete tv, radio, play station,…) ed in penombra fate un bel massaggio con l’olio degli angeli, perchè gli oli essenziali di cui è composto aiuteranno il rilassamento.

 

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Powered by Web Agency - Esc