Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

DEGENERAZIONE MACULARE SENILE

La degenerazione maculare legata all’età è una patologia che interessa la parte centrale della retina, dove è situata la macula, ed è una malattia che può subentrare con l’invecchiamento, ma un ruolo fondamentale lo svolgono sia la predisposizione genetica che l’ambiente in cui viviamo e lo stile di vita.

La macula è la parte della retina che presenta la maggior concentrazione di fotorecettori, cellule specializzate nella trasformazione dell’energia luminosa in immagini e colori e la sua degenerazione comporta una progressiva alterazione della visione, soprattutto si riduce il campo visivo.

Altri fattori che possono influenzare l’insorgere di questa patologia sono il fumo di tabacco, l’esposizione alla luce ed una dieta scorretta che contribuiscono allo stress ossidativo. Ciò comporta la formazione di depositi di materiale ialino sotto l’epitelio pigmentato ed il loro accumulo crea la formazione di piccole macchie giallastre visibili nella macula.

La diagnosi per determinare la degenerazione maculare senile viene fatta con il test di Amsler: si tratta di una griglia simile ad una scacchiera che dovrà essere guardata con un occhio per volta, facendo attenzione al puntino centrale.
Il paziente fissando lo sguardo sul puntino, vedrà in maniera deformata la griglia con ondulazioni e distorsioni di tutto ciò che è dritto.
Per un maggior approfondimento verranno eseguiti altri esami come la fluorangiografia, per valutare la gravità della situazione.
Ad oggi, non esiste una terapia che permetta il recupero della funzionalità della retina per cui l’unica cosa che si può cercar di fare è quella di bloccare l’evoluzione della degenerazione maculare ed evitare un peggioramento.

La fitoterapia a difesa dell’occhio presenta degli antiossidanti come la luteina che lo proteggono dalla degenerazione.
La luteina è un carotenoide presente soprattutto nei vegetali a foglia verde come broccoli, spinaci, cavoli e cavoletti di Bruxelles.

Coloro che hanno in famiglia persone soggette alla degenerazione della macula dovrebbero fare cicli di Lutein per alzare il livello di questo antiossidante protettivo, oppure OcuFactors plus per migliorare anche la vista.
Nel caso si stiano già facendo delle cure farmacologiche, consiglio Panaceo Focus perchè oltre alla luteina è presente la zeolite clinoptiolite attivata che assorbe le particelle negative del farmaco, favorendone la loro eliminazione.

Recenti studi hanno dimostrato che una dieta ricca di omega-3 (oltre che di carotenoidi, vitamine C ed E, zinco e rame) riduce la progressione della malattia perchè il DHA, che  rappresenta più del 90% di tutti gli omega-3 contenuti nella retina, viene accumulato e trattenuto nei fotorecettori.
Cibi ricchi di questi acidi grassi polinsaturi sono i Semi di Chia o l’Olio di Canapa che devono essere assunti quotidianamente nell’alimentazione per garantire una maggior salute dell’occhio.

 

 

I commenti sono chiusi

Powered by Web Agency - Esc