Officinalis è un luogo dedicato a voi e al mondo delle piante, la nostra preziosa fonte di benessere.
en

ACNE GIOVANILE

L’acne giovanile è una patologia che si manifesta con brufoli, comedoni e pustole sul volto di adolescenti in piena tempesta ormonale, durante la quale si ha la maturazione delle ghiandole sessuali produttrici di androgeni, gli ormoni responsabili di tale fioritura.
Se però avviene in un momento di forte stress o in concomitanza del ciclo mestruale, per cui sporadicamente, si parla di follicolite temporanea che si risolve nel giro di pochi giorni.

Talvolta l’acne giovanile non si ferma solo sul viso ma può scendere anche su spalle e torace e la durata può essere di pochi mesi o addirittura di anni.

Analizzando meglio la pelle, il comedone può avere un puntino bianco superficiale dove l’orifizio del follicolo rimane coperto dallo strato corneo dell’epidermide ed il sebo sottostante, raccolto nel follicolo, mantiene il colore bianco-giallino.
Altrimenti il comedone può presentare un punto nero perchè l’orifizio che è aperto raccoglie il sebo, che annerisce grazie a fenomeni ossidativi o per l’impregnarsi di polvere ambientale.

Se l’infiammazione s’aggrava, attorno al follicolo pieno di sebo si forma un alone arrossato ed indurito: la papula. L’acne papulosa si origina dai batteri che aggrediscono il follicolo e peggiorano la situazione lasciando a volte delle cicatrici.

Non bisogna tartassare la pelle schiacciando il brufoletto per eliminare l’inestetismo perchè si rischierebbe di allargare ulteriormente l’infiammazione; il pus fuoriuscito colonizzerebbe le zone limitrofe ed inoltre si potrebbe incorrere in una cheratizzazione.
Occorre utilizzare allora, prodotti detergenti e di trattamento specifici e delicati, ad azione antinfiammatoria e sebo-equilibrante, che tolgano l’effetto lucido opacizzando il viso.

Per prima cosa, bisogna pulire il viso con il Gel detergente Purificante, dalla formulazione oil-free e ricca di principi attivi normalizzanti tra i quali gli estratti di Bardana, Cannella, Lapacho e Zenzero che caratterizzano tutta la linea.

Successivamente occorre reidratare la pelle con l’Acqua tonica Astringente e preparare così il viso alla Crema-Gel all’Argilla Bianca dall’azione purificante, idratante ed opacizzante. La sua texture è molto morbida ed asciutta, proprio per venir assorbita facilmente senza lasciare zone lucide.

Ogni 7-10 giorni è consigliabile fare un trattamento con la Maschera Scrub all’Argilla Verde i cui oli essenziali di Tea Tree e di Limone miscelati all’argilla, purificano ulteriormente ed evitano la proliferazione batterica.

 

I commenti sono chiusi

Powered by Web Agency - Esc